Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
eg1979

Monete provinciali

Recommended Posts

eg1979

Per la prima volta ho una moneta provinciale. Non ho mai approfondito questo settore della monetazione romana.

Qualcuno sa dirmi qualcosa di più?

Nella mia testa vedo la moneta provinciale romana come quelle degli stati del Commonwelth, che hanno la faccia della regina pur essendo monete di altri paesi. Erano così?

Chi poteva emetterle?

...info ragazzi... come se piovessero :)

Grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979

su Wikipedia c'è questo...

Monetazione provinciale

Nell'impero romano alcune città conservarono il diritto di emettere monete proprie. Queste monete erano essenzialmente indirizzate ai commerci interni di una città o di un'area limitata. Di conseguenza le emissioi furono molto più limitate e meno regolari. Inoltre i tipi utilizzati riflettevano temi locali. Questa monetazione ci permette di conoscere particolari della vita del mondo romano altrimenti poco conosciuti

...un po' pochino...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giovenaledavetralla

Le monete provinciali vengono dalla grecia e dintorni, mi sembra che erano gli unici stati a poter battere monete proprio, anche se sempre romane.

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979
Le monete provinciali vengono dalla grecia e dintorni, mi sembra che erano gli unici stati a poter battere monete proprio, anche se sempre romane.

86794[/snapback]

...non credo solo dalla Grecia. La mia viene dalla Spagna e ci sono anche della Siria credo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Claudius
Nella mia testa vedo la moneta provinciale romana come quelle degli stati del Commonwelth, che hanno la faccia della regina pur essendo monete di altri paesi. Erano così?

Ciao Emanuele,

in buona sostanza in queste parole hai riassunto il concetto.

Le zecche delle varie provincie battevano moneta per uso locale interno, anche se è attestato che la circolazione della moneta provinciale esisteva su tutto il territorio dell'impero secondo l'assioma peso metallo = valore.

L'uso della moneta provinciale incomincia praticamente dalle guerre puniche quando Roma dopo aver mazzuolato i Cartaginesi ed essersi imposta come superpotenza mondiale condiziona fortemente anche l'economia del bacino mediterraneo. In sicilia dal II sec AC si coniano "provinciali" cosi come pure nella penisola Iberica che sarà anche una delle prime provincie a perdere questa "tradizione" favorendo la circolazione della moneta ufficiale imperiale. Infatti con Caligola si hanno gli ultimi esempi di provinciali iberiche, poi ci sarà il grande Macello con la monetazione di Claudio (vedi la discussione sugli assi di qualche tempo fa) e con Nerone tutta la zona Iberia/Gallia/Britannia si allineeranno con la monetazione ufficiale.

Tutto il resto del mondo fortemente ellenizzato (Africa del nord, Balcani, Grecia, Medio Oriente e oserei dire anche India ) continuarono a battere moneta locale con i temi cari ai luoghi di origine (divinità, tradizioni, città e reggenti locali).

Piano piano con la perdita dell'identità locale, la forte spinta romanizzante centralistica (diviso due), la creazione di numerosissime zecche ufficiali Imperiali la moneta provinciale scompare e viene sostituita dalla Romana Imperiale ( e alè impazzire nel riconoscimento delle zecche!!!!)

Si è ripreso a stampare autonomamente con i barbari in Africa, Gallia, Spagna ecc.. ma si trattava ormai di imitazioni di tipi romani con successo decisamente inferiore a quanto accadeva al tempo di Claudio.

Questo in sintesi estrema :D :D :D

Se hai intenzione di gettarti in questo mondo preparati ad impazzire con i riconoscimenti!! :D :D

In questo caso è più che mai consigliabile specializzarsi in um unico tema, o imperatore, o provincia o ecc...ecc... B)

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979

...Claudius, non so come ringraziarti!!!

Quindi fino a Caligola Roma coniava le monete "imperiali" poi ogni provincia si batteva le sue con effigi imperiali... giusto?

Edited by eg1979

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979

Ecco la mia bellissima moneta... credo sia stato un AFFARE!!! :)

il modulo è grande, 32 mm!!!

Confermate l'identificazione? è un sesterzio o un'asse??

Circolava in Sapgna? Periodo?

PS secondo voi devo pulirla ancora o va bene così, se non rischio di rovinarla?

post-248-1137018854_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

tacrolimus2000

EG,

rimetti l'aquila a testa in su.

Così gli fai venire il suangue alla testa :D

Luigi

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979
EG,

rimetti l'aquila a testa in su.

Così gli fai venire il suangue alla testa  :D

Luigi

86907[/snapback]

ok :D

è un sesterzio o un'asse?

Share this post


Link to post
Share on other sites

tacrolimus2000

Il modulo è da sesterzio, ma io la identificherei come AE 32.

Luigi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Claudius
Il modulo è da sesterzio, ma io la identificherei come AE 32.

Giusto,

segui l'indicazione di Luigi, il termine sesterzio, asse ecc...per questo genere di monete è stato dato a posteriori per definirne le caratteristiche del modulo, l'indicazione di Tacro è la più esatta anche se spesso disattesa, non è infatti possibile stabilire come nelle provincie chiamassero all'epoca le monete

poi ogni provincia si batteva le sue con effigi imperiali

non necessariamente, infatti per esempio per le monete italiche del periodo romano o greche o iberiche spesso non erano presenti evidenti simboli di romanità. I primi esempi d provinciale romana diciamo "classica" si hanno appunto con Augusto, anche se ci sono esempi precedenti con Ottaviano, Pompeo, ecc... nonchè Giani bifronti e sottomultipli coniati in Spagna (peraltro molto belli) e in Sardegna

PS secondo voi devo pulirla ancora o va bene così, se non rischio di rovinarla?

non pulirla, il suo bello è proprio quella sua caratteristica "spagnola", olè :D :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979

Augustus Æ 33mm of Colonia Patricia (Corduba), Spain. PERMISSV CAESARIS AVGVSTI, bare head left / COLONIA PATRICIA, aquila between legionary standards. Burgos 1562.

in pratica è questa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

eg1979
si,

ma aggiungi RPC 128 :)

86922[/snapback]

è un catalogo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

cercete

Il migliore...sono arrivati ai flavi con il secondo volume...Roman Provincial coinage di Burnet...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.