Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
massi75rn

denario si,ma a che peso?

Ciao Massi,

non son veri e propri denari. Ma una moneta in argento di origine greco-anatolica equivalente, questo si, al denario.

Il cistoforo, detto anche tetradracma, era una moneta emessa nell’Asia minore a partire dal 200 a.C. (probabilmente per prima da Efeso per poi estendersi a tutto il dominio degli Attalidi), dal valore equivalente a quattro dracme. Le prime monete presentavano al dritto una “cista mitica”, oggetto di vita quotidiana molto diffuso, ricopriva anche una funzione rituale legata al culto dionisiaco (vedi foto allegata: MYSIA, Pergamon. Circa 166-160 BC. AR Cistophoric Tetradrachm (12.71 gm). Cista mystica with serpent; all within ivy wreath / Bow-case with serpents; amphora to the right. Kleiner-Noe Series 8; SNG von Aulock 7461. EF.): veniva utilizzata per contenere i serpenti sacri da impiegare durante i riti per la divinità. La cista, conosciuta fin dall'età preistorica, poteva essere realizzata in materiali diversi, quali vimini intrecciati, legno, cuoio, ma soprattutto in metallo parzialmente aperta parzialmente aperta. Il cistoforo si diffuse molto rapidamente in tutta l'Asia minore e fu emesso da moltissimi centri. Era de facto la moneta dell'Asia classica. Era accettato dai Romani negli scambi, in qualità di "moneta coloniale" regolare, già sotto Augusto era la moneta d'argento di maggiori dimensioni e quindi un ottimo mezzo per la propaganda imperiale. Era ancora in circolazione ed emesso sotto l'imperatore Adriano.

(tratto dalla discussione "Altri edifici templari... dall'area greco-orientale AR Tetradracme e templi":

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi sembra di ricordare che un cistoforo valesse tre denari.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Salve. In effetti, facendo una ricerca su LaMonetaPedia mi risulta che un <<cistoforo era una moneta del valore di circa tre dracme o tre denari>>, ma, vedendo lo stesso argomento su Wikipedia, mi dice che il cistoforo valeva ben quattro dracme. Ecco il link: http://it.wikipedia.org/wiki/Cistoforo

Inoltre, ho notato che molte frasi di LaMonetaPedia sull'argomento sono state copiate da Wikipedia, eccetto il valore che differisce... :unsure:

Modificato da Caio Ottavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Ritengo più corretta la relazione cistoforo = 3 dracme, considerato che in epoca Flavia il loro peso medio si aggirava sui 10,5 grammi, mentre quello delle tetradracme sui 14 grammi.

Modificato da FlaviusDomitianus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

grazie delle risposte,solo una cosa non capisco,se nasce a partire dal 200a.c come moneta emessa in asia,perche' farla circolare successivamente riconiata con l'effige dell'imperatore in quanto coloniale,a questo genere di peso?propagande imperiali o esubero d'argento?

Modificato da massi75rn

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...propaganda imperiale...

Esattamente. Diffondeva l'effigie imperiale in Asia Minor. Promulgava ciò che l'Imperatore aveva fatto in loco (templi, ad esempio). Adriano, essendo Antinoo nativo della Bitinia, ne emise molti, anche per pubblicizzare ciò che aveva fatto costruire nella regione, dove aveva investito molti soldi pubblici.

Inoltre era una moneta di scambio privilegiata nei traffici con Roma, in quanto veniva cambiato in denarii romani (mi pare 3:1, ma vado a memoria...).

Qualcuna è stata rinvenuta anche in hoards inglesi (dalla Lydia).

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ritengo più corretta la relazione cistoforo = 3 dracme, considerato che in epoca Flavia il loro peso medio si aggirava sui 10,5 grammi, mentre quello delle tetradracme sui 14 grammi.

Non so se vi siano studi recenti che non conosco, ma il cistoforo è definito dalla maggior parte degli autori come tetradrammo (quindi 4 dracme), coniato su piede di Rodi e pari a circa 12,60 g.

Sulla corrispondenza del cistoforo a tre denari di circa 4,1 g. concordano, per citare solo alcuni tra gli studiosi dell'argomento) Kleiner e Noe (The early Cistophoric Coinage 1977), Kraay (Greek Coins History 1969) e Mattingly (Roman Coins from the earliest Times to the Fall of the western Empire 1928). Mattingly in particolare afferma che "Augusto, Claudio, Vespasiano, Domiziano, Nerva e Traiano emisero tetradrammi di piede cistoforico, corrispondenti al valore di tre denari."

La mia opinione discorda quindi da quella di FlaviusDomitianus e concorda con quella degli autori citati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?