Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Dangelant

Sicilia La Zecca di Messina

Risposte migliori

Dangelant

Salve a tutti, è da poco tempo che ho iniziato degli studi sulla Zecca di Messina, mi risulta che una delle prime monete coniate in questo sito risale all'anno 493 a.C. quando Messina a quel tempo era una colonia greca sotto il nome di Zancle. Il periodo che sto analizzando è quello che inizia dal 1071 da (quando sull'isola si insediano i Normanni con Ruggero I Gran Conte di Sicilia) per arrivare fino all'anno 1678, anno in cui la Zecca di Messina fu eliminata e spostata a Palermo a causa di una ripercussione avuta dagli Spagnoli che in quegli anni vollero punire la città. In questo periodo svariate monete sotto il dominio dei vari potenti furono coniate nella Zecca situata nella zona del duomo, svariati maestri di conio si alternarono nei laboratori. Da messinese adesso sto cercando di individuare per ogni annata tutte le coniazioni effettuate, di risalire a tutti i maestri tramite le iniziali trovate nelle monete e analizzare i decreti e le leggi sulla zecca di quei tempi! Tale lavoro è molto ma molto complicato ma confidando anche sul Vostro aiuto e sull'esperienza della gente che frequenta questo forum con un patrimonio numismatico non indifferente credo di poter approfondire il mio bagaglio culturale, ringrazio tutti anticipatamente e magari prossimamente spero di poter aggiornare e pubblicare le ricerche che sto effettuando! Ogni consiglio e/o critica da tutti voi è ben accetta! Grazie. Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

Ciao

ti consiglio,prima di collezionare monete messinesi,di leggere a riguardo sulla Zecca di tuo interesse ;)

-Dopo che ti sarai fatto un'idea ed avrai nozioni sulle monete messinesi,potrai decidere cosa collezionare.

Libri,riviste,cataloghi d'asta fanno all'uopo.

Se non leggi di Numismatica resterai un collezionista ed il collezionista,si sa che col tempo,si stufa.Leggendo di Numismatica si fa il salto di qualità :) e da collezionisti si diventa appassionati ed un appassionato non abbandona più la Numismatica,una volta intrapresa.Io sono un drogato di Numismatica :D e mi definisco appassionato

--Salutoni

-odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dangelant

Ho iniziato a collezionare monete circa 10 anni fa prima dell'avvento dell'euro: volevo mettere da parte qualche moneta della repubblica da far vedere un giorno ai miei figli...iniziai con i mercatini poi online poi qualche asta ma mi accorsi subito che volevo approfondire di più la mia collezione e quindi via con le varie annate le serie speciali i difetti di conio, poi successivamente anche la carta moneta, qualche moneta dell'impero...a distanza di oltre 10 anni mi trovo a studiare alcune monete della Zecca di Messina dei semplici Denari di Carlo D'angiò

(1266-1189) dei follari di Ruggero II (1105 - 1154) da qui mi si accende la lampadina e cerco di analizzare il lasso di tempo della Zecca acquistando anche alcuni quaderni di studi, libri su monete normanne, sveve, bizantine approfondimenti su tarì karrubbe e così via...ed eccomi qui ai giorni nostri a colmare le lacune che ancora ho e nonostante le informazioni cartacee e prese su internet cerco di fare un elenco di monete coniate nella Zecca di Messina; cerco di creare una mancolista di tutte le monete approfondire di più tutto ciò che riguarda questa Zecca, ecco cosa sto cercando di creare un documento sulla Zecca di Messina in tutte le sue sfumature, cercando aiuto e magari acquisendo più informazioni possibili sul caso!...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liutprand
Supporter

Un programma alquanto ambizioso il tuo. Comunque dovresti iniziare a documentarti sulla bibliografia relativa alla zecca di Messina.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dangelant

Si, infatti è un pò complicato risalire a questa Zecca, a tutt'oggi non ho trovato un libro specifico che ne parli ma qualche notizia da altri libri o articoli che sto cercando di assemblare: per questo confido in un Vs. aiuto a trovare notizie in merito, magari segnalandomi qualche testo che conoscete!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ho iniziato a collezionare monete circa 10 anni fa prima dell'avvento dell'euro: volevo mettere da parte qualche moneta della repubblica da far vedere un giorno ai miei figli...iniziai con i mercatini poi online poi qualche asta ma mi accorsi subito che volevo approfondire di più la mia collezione e quindi via con le varie annate le serie speciali i difetti di conio, poi successivamente anche la carta moneta, qualche moneta dell'impero...a distanza di oltre 10 anni mi trovo a studiare alcune monete della Zecca di Messina dei semplici Denari di Carlo D'angiò

(1266-1189) dei follari di Ruggero II (1105 - 1154) da qui mi si accende la lampadina e cerco di analizzare il lasso di tempo della Zecca acquistando anche alcuni quaderni di studi, libri su monete normanne, sveve, bizantine approfondimenti su tarì karrubbe e così via...ed eccomi qui ai giorni nostri a colmare le lacune che ancora ho e nonostante le informazioni cartacee e prese su internet cerco di fare un elenco di monete coniate nella Zecca di Messina; cerco di creare una mancolista di tutte le monete approfondire di più tutto ciò che riguarda questa Zecca, ecco cosa sto cercando di creare un documento sulla Zecca di Messina in tutte le sue sfumature, cercando aiuto e magari acquisendo più informazioni possibili sul caso!...

Ciao Dangerant, eccoti un primo timido aiuto, ti segnalo alcuni dei celebri bollettini del Circolo Numismatico Napoletano, qui potrai approfondire anche sulla zecca di Messina. A presto. Francesco

http://www.ilportaledelsud.org/bollettini.htm

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dangelant

Grazie Francesco, alcuni bollettini mi erano già stati segnalati tempo fa da un altro membro del sito, adesso ho visto che ci sono stati degli aggiornamenti con l'inserimento di nuovi bollettini, per tale motivo ti ringrazio nuovamente della segnalazione! A presto. Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

blonquist

Se non leggi di Numismatica resterai un collezionista ed il collezionista,si sa che col tempo,si stufa.Leggendo di Numismatica si fa il salto di qualità :) e da collezionisti si diventa appassionati ed un appassionato non abbandona più la Numismatica,una volta intrapresa.Io sono un drogato di Numismatica :D e mi definisco appassionato

--Salutoni

-odjob

Questo sì che è un ottimo principio di inizio......grazie Odjob, credo proprio che seguirò consiglio che ho letto nelle sue poche ma significative "parole".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dangelant

Con l'arrivo di Ruggero II (1105-1154) Messina conia monete probabilmente dal 1127 e sicuramente poco prima della riforma monetaria del 1140. Con Enrico VI di Svevia continua la coniazione secondo il sistema normanno con tarì e multipli portanti le iscrizioni cufiche al D. e la croce affiancata dalle sigle di Cristo vittorioso IC / XC / NI / KA (Gesù Cristo vince) al R; in questo periodo le uniche zecche che coniano sono Brindisi per il continente e Messina sull'isola, per tale motivo alcune monete di questa epoca vengono catalogate sia su Brindisi che su Messina. Con Federico II la zecca peloritana raffina ancora di più il conio diventando più ricercata, ma dopo il 1220 si da inizio ad alcune emissioni di mistura che vedono una svalutazione della moneta per una percentuale sempre minore di argento fino presente nella lega da 1/4 a 1/32 per poi giungere a titoli ancora più bassi (1/51 di fino) sotto Corrado I (1250-1254). Fin sotto Manfredi (1258-1266) Messina risulta fra le più importanti zecche del meridione, nel 1263 per volontà del Re le viene affiancata la Zecca di Manfredonia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

carlino

Ciao Dangelant, il tuo è un progetto ambizioso.

Credo che già li hai consultati i due volumi dello Spahr :

SPAHR RODOLFO, La monete Siciliane dagli Aragonesi ai Borboni (1282 - 1836), Graz 1982

SPAHR RODOLFO, Le monete siciliane dai Bizantini a Carlo I d'Angiò (582 - 1282), Zurich 1976

per quanto riguarda il periodo arabo e post:

TARASCIO VINCENZO, Siciliae Nummi Cuphici, Taras Veriag 1986

interessanti sono gli studi di Ruffo :

Archivio storico siciliano 38

MISCELLANEA

Ruffo V. La Regia Zecca di Messina da documenti inediti pag 405 – 437

Archivio storico siciliano 40

Ruffo V. – la regia zecca di messina (continuazione) pag. 45

Archivio storico siciliano 41

Ruffo V. – la regia zecca di messina (continuazione e fine) pag. 105

stiamo portando avanti un catalogo Regno di Sicilia dove potrai trovare mole monete mancanti nello Spahr.

http://numismatica-italiana.lamoneta.it/cat/W-RS

Antonio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×