Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
rcamil

Mezzo scudo Sede Vacante 1823

28 risposte in questa discussione

Come tradizione di ogni anno, non può passare un 29 dicembre senza che io presenti in questa sede il regalo (autoregalo) di compleanno... :rolleyes:

In realtà quest'anno è arrivato con una settimana di anticipo rispetto allo standard, ma la crisi impone di non comprare tutti i giorni... oo)

Si tratta di un mezzo scudo della Sede Vacante 1823 per Bologna. Pur non essendo fan sfegatato della monetazione papale post-1800, questa moneta mi è sempre piaciuta, ed essendo assai comune ho voluto attendere di trovarla in conservazione "discreta" per acquistarla.

L'occasione è capitata con la recente asta Bolaffi, destino (sfortuna o altro) volle che nessuna delle monete che mi interessavano rimanesse alla portata, e così ho colto l'attimo fuggente:

post-35-0-97835100-1325174221_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La moneta è ben nota, come già detto è assai comune, ma dalle foto ho notato una particolarità (o curiosità) che riguarda il segno di zecca:

post-35-0-67336000-1325174408_thumb.jpg

si nota che è ripunzonato sul conio su una lettera più piccola. Probabilmente un'altra "B", ma volendo anche una "R" di Roma, zecca per la quale non sono note coniazioni di mezzi scudi, ma che potrebbe avere avuto i suoi coni poi riutilizzati in quel di Bologna.

Serafini, CNI, Muntoni e Pagani non ne fanno menzione, proviamo a fare una statistica degli esemplari in possesso dei lamonetiani ?

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche il mio, seppur meno bello del tuo, sembra presentare la stessa variante

post-27889-0-16667400-1325177354_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sembrano provenire dallo stesso conio in effetti, su entrambi si nota la frattura che "taglia" a metà la parola AVXILIVM in legenda.

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sembrano provenire dallo stesso conio in effetti, su entrambi si nota la frattura che "taglia" a metà la parola AVXILIVM in legenda.

Ciao, RCAMIL.

Ciao RCAMIL,

La ribattitura del segno di zecca è piuttosto frequente e indipendente dallo stato di conservazione; escludo una ribattitura tra una R e B, (magari scoprissimo un inedito Mezzo Scudo per Roma !!!), molto probabile invece una doppia B......

Anche il mio esemplare è della stessa "famiglia":

1823mezzoscudobolognab.jpg

Uploaded with ImageShack.us

1823mezzoscudobolognaa.jpg

Uploaded with ImageShack.us

Auguri di a Tutti e arrivederci a Modena !

DARECTASAPERE

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salute anche quella di darect,se pur minima,presenta una frattura di conio nello stesso punto delle vostre.

Bel regalo rc , mi piace anche la patina, di nuovo auguri

--Salutoni

-odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sembrano usciti tutti e tre dallo stesso conio, con quello di darectasapere il conio ancora aveva solo un accenno di frattura...

Bella coincidenza...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La ribattitura del segno di zecca è piuttosto frequente e indipendente dallo stato di conservazione; escludo una ribattitura tra una R e B, (magari scoprissimo un inedito Mezzo Scudo per Roma !!!), molto probabile invece una doppia B......

Anche il mio esemplare è della stessa "famiglia"

In effetti ci starebbe bene un mezzo scudo romano, raro per quanto è comune quello di Bologna... :P

Come fa notare odjob pare ci sia un principio di frattura del conio anche sul tuo esemplare, non è da eslcudersi che provenga dal medesimo conio di rovescio dei precedenti.

Per quanto è comune la moneta, è strano che ci sia un solo conio, ho guardato ora anche gli esemplari postati sul catalogo e sembrano tutti "fratelli"... :huh:

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bel regalo rc , mi piace anche la patina, di nuovo auguri

Grazie !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco il mio, con lo stesso difetto sul segno di zecca....

post-3782-0-43855300-1325183410_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bel regalo Roberto! Anche a me questa moneta è sempre piaciuta molto. Purtroppo però non riesco ad aiutarti nella ricerca... Il mio esemplare infatti l'ho venduto quest'anno e non ho una foto da postare :(

Ciao

M.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ne ho tre, presentano tutte il segno di zecca "con difetto" in due è presente il principio di frattura del conio. Ne posterò le foto appena posso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tanti auguri Roberto ! pero' tutti in alte conservazioni ste S.V. che avete postato eh ragazzi ? bellissime davvero e complimenti a tutti, ma condivido i gusti di Roberto nel prediligere le coniazioni papali ante 800'....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco il mio, con lo stesso difetto sul segno di zecca....

Bellissima conservazione ! E anche questa pare figlia dello stesso conio, la frattura su AVXILIVM è minima ma presente...

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ne ho tre, presentano tutte il segno di zecca "con difetto" in due è presente il principio di frattura del conio. Ne posterò le foto appena posso.

A questo punto diamo priorità a quella "senza frattura", potrebbe provenire da un altro conio (allora la correzione della "lettera piccola" è generale) o dallo stesso ancora nuovo.

Grazie, ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Vorrei far notare un altro segno distintivo di questo conio dopo tanto uso, un piccolo segno di frattura ad ore 14 tra cupola e bordo, segno presente sul mio esemplare e su quello di Rcamil, ma non sugli altri

Saluti

post-27889-0-33797700-1325241200_thumb.j

Modificato da Eldorado

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si può ipotizzare che sia stata utilizzata una sola coppia di coni, si sa quante ne sono state coniate?

Alessandro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Posto la foto del mio mezzo scudo.

Guardando con attenzione ho notato anch'io la "ribattitura" del segno di zecca. Non vi è però traccia di frattura di conio.

Verosimilmente, anche osservando la nitidezza dei particolari (es. il nasino e non il naso a patata della personificazione della Chiesa) e il lustro presente, si tratta di un esemplare di 'primo conio' e non di conio 'differente'. :)

post-14514-0-60776800-1325274786_thumb.j

Modificato da Giov60

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

... e questi sono i particolari ...

P.S. : le foto lasciano un po' a desiderare in quanto a risoluzione, essendo fatte con attrezzatura artigianale e fotocamera compatta.

post-14514-0-86400400-1325267980_thumb.j

Modificato da Giov60

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Posto la foto del mio mezzo scudo. Guardando con attenzione ho notato anch'io la "ribattitura" del segno di zecca. Non vi è però traccia di frattura di conio. Verosimilmente, anche osservando la nitidezza dei particolari (es. il nasino e non il naso a patata della personificazione della Chiesa) e il lustro presente, si tratta di un esemplare di 'primo conio' e non di conio 'differente'. :)

Il conio potrebbe anche essere differente, notando infatti una minima differenza sul velo sopra la testa della Chiesa ho "giocato" un pò con le immagini per vedere se ne usciva qualcosa di utile...

Questa la sovrapposizione del tuo e del mio esemplare (che certamente viene dallo stesso conio di quelli postati in precedenza da altri utenti):

post-35-0-38702200-1325327281_thumb.jpg

Ho preso a riferimento la base del segno di zecca, considerando che il conio può essere decentrato sul singolo tondello, ed oltre al velo di cui sopra si notano:

- la legenda di destra ed il tempietto (verosimilmente un punzone a parte dal corpo della figura centrale) sono perfettamente sovrapponibili.

- segno di zecca spostato a sx sul tuo esemplare

- corpo della Chiesa e legenda AVXILIVM spostate a sx sul tuo esemplare

Ora, non so quanto sia scientifico il paragone, di certo se fatto con immagini prese con la medesima fotocamera e nelle medesime condizioni avrebbe maggior peso, però può significare che di coni ce ne sono più di uno (talmente tante monete giunte fino a noi difficilmente possono provenire da uno soltanto), e tutti hanno avuto la "correzione" del segno di zecca.

Chissà, magari la coniazione dei mezzi scudi era prevista a Roma e poi si decise a coni già pronti di effettuarla solo a Bologna... fantanumismatica di S.Silvestro ?? :P

Ciao, RCAMIL.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Caro Roberto,

approfitto dell'occasione per augurarti Buone Feste (e con te a tutti i forumisti) e Buon Compleanno (in ritardo).

Sarei più propenso a considerare le differenze da te evidenziate come dovute a "distorsione fotografica": giustamente hai osservato che bisognerebbe aver utilizzato una stessa strumentazione nelle medesime condizioni in tutte le immagini per essere più attendibili.

Non mi sento neppure di escludere artefatti da coniazione (pressione, tondello, deterioramento del conio in seguito alla frattura, etc ...).

Comunque complimenti per il fotomontaggio ... e l'occhio attento (come sempre)!

Per quanto riguarda il mezzo scudo, ritengo trattarsi di moneta comune ma molto gradevole (abbiamo parlato ampiamente della serie del Cardinal Pacca http://www.lamoneta....823-card-pacca/). Sarei curioso di conoscerne la tiratura effettiva: in analogia ad esemplari coevi non la vedo tuttavia superare quota 5000! In tal caso un solo conio avrebbe potuto essere sufficiente. :)

Modificato da Giov60

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caro Roberto,

approfitto dell'occasione per augurarti Buone Feste (e con te a tutti i forumisti) e Buon Compleanno (in ritardo).

Sarei più propenso a considerare le differenze da te evidenziate come dovute a "distorsione fotografica": giustamente hai osservato che bisognerebbe aver utilizzato una stessa strumentazione nelle medesime condizioni in tutte le immagini per essere più attendibili.

Non mi sento neppure di escludere artefatti da coniazione (pressione, tondello, deterioramento del conio in seguito alla frattura, etc ...).

Comunque complimenti per il fotomontaggio ... e l'occhio attento (come sempre)!

Per quanto riguarda il mezzo scudo, ritengo trattarsi di moneta comune ma molto gradevole (abbiamo parlato ampiamente della serie del Cardinal Pacca http://www.lamoneta....823-card-pacca/). Sarei curioso di conoscerne la tiratura effettiva: in analogia ad esemplari coevi non la vedo tuttavia superare quota 5000! In tal caso un solo conio avrebbe potuto essere sufficiente. :)

Colgo l'occasione per augurare Buone Feste a tutti i forumisti. :)

Anche io credo che la tiratura sia dell'ordine di qualche migliaglia di esemplari e nonostante l'ottima sovrapposizione dei coni fatta dal rcamil penso che si possa lavorare ancora sulle due foto e magari scoprire che il conio è uno solo, osservando le due monete separatamente infatti mi pare di vederle identiche.

Alessandro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao e Buon 2012 a tutti !!

Non ho trovato dati sulla tiratura di questo nominale per Bologna, non so se sia mai stata pubblicata da qualche opera specialistica, occorrerebbe altrimenti visionare i verbali di estrazione della zecca, presumibilmente conservati presso gli archivi cittadini.

Si trattò di una Sede Vacante relativamente breve (20 agosto-28 settembre), per cui la tiratura può anche essere di poche migliaia di esemplari come indicate, certo è che sarebbe un caso assai raro che per una tiratura di queste proporzioni siano giunti a noi più o meno "intonsi" così tanti esemplari.

Ciao, RCAMIL.

P.S.: Mentre cercavo qualche dato per Bologna, ho trovato sul volume "Moneta Pontificia" (S. Balbi De Caro-L. Londei) i dati sulla tiratura delle monete di questa Sede Vacante per Roma, di cui si fecero due estrazioni dalla zecca in data 2 (meno di due settimane per approntare i coni e procedere alle coniazioni !) e 9 settembre 1823, in particolare:

DOPPIE : per 3320,10 scudi. Considerando la DOPPIA da 31,5 paoli, si hanno 1054 esemplari (ho notato che alcuni testi hanno considerato la doppia da 30 paoli, valore che aveva prima del 1809, riportando pertanto una tiratura di 1100 o 1107 esemplari)

SCUDI : 884 esemplari (sono denominati "PIASTRE" nei verbali di zecca)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DOPPIE : per 3320,10 scudi. Considerando la DOPPIA da 31,5 paoli, si hanno 1054 esemplari (ho notato che alcuni testi hanno considerato la doppia da 30 paoli, valore che aveva prima del 1809, riportando pertanto una tiratura di 1100 o 1107 esemplari)

Ma qualcosa non torna:la doppia di Roma e',in realta',una moneta oltremodo rara,della quale sono noti pochissimi esemplari.Negli ultimi anni si sono esitate un paio di monete al prezzo di 20000 euro circa...Concordo sull'ipotesi che la moneta sia stata,si, coniata ,ma rifusa per motivi di malconiazione...I tondelli sono lenticolari e male impressi...Le monete di Bologna sono,per il 1823,molto meglio coniate di quelle romane.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche il famoso scudo del 1823 e' di qualita' molto inferiore al corrispondente bolognese.In quel periodo,la zecca di Roma era in fase di involuzione artistica(non nelle medaglie!) rispetto ai fasti del 600 e di gran parte del 700.fbf39g.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?