Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
CaesarDivi

MG
didramma taras

salve potete gentilmente catalogarmi questo esemplare , nello specifico non ne ho trovato nessuno con il cane o pantera sotto al cavallo!

grazie

post-15073-0-20867200-1325718212_thumb.j

post-15073-0-02193100-1325718234_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' uno statere in argento di Taranto. Il Vlasto classifica questi stateri durante il periodo Campano Tarantino 281-228 a.C.. Quello che tu credi sia un cane, il Vlasto lo identifica come un leone. Sono riportati 4 esemplari con piccole differenze, dal 1020 al 1023.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grazie della risposta , ma che differenza c'è tra uno stetere un nomos e una didramma . quella della foto pesa 6,52 g !di solito uno stetere pesa 7,20 7,50 circa o dico un eresia?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il termine "nomos", in argento, è usato per indicare il didramma e quindi può essere definito un suo sinonimo.

Il didramma non ha avuto sempre solo il peso "acheo", sui 7,20-7,50 g, ma ha avuto anche altri pesi, in funzione dei vari sistemi ponderali di riferimento.

Nel caso della serie cosiddetta "campano-tarentina", il didramma pesa sui 6,6 g, che è il peso in vigore a Neapolis e in molte città della zona tirrenica in un periodo che grosso modo va dal tempo della guerra pirrica all'inizio della prima guerra punica, quindi tra 276 a 264 a.C.

Quindi il pezzo qui esaminato è in linea con questa serie, che fu emessa da Tarentum probabilmente per arginare la diffusione della moneta partenopea, che aveva guadagnato ampi spazi di mercato. Infatti emettendo una moneta di peso minore rispetto a quello abituale in passato, ma simile al "campano", a Tarentum era consentito di presentarsi con una parità di cambio sui mercati, specialmente dell'Apulia settentrionale.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

secondo voi che grado di conservazione è ? ancora è da pulire ma sembra in ottime condizioni a parte i due forellini sul posteriore del cavallo ! a proposito vista alla lente al posto del forellino inferiore pare che ci fosse un delfino, si vede la coda spuntare possibile?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si il delfino è presente, proprio dove c' è il buco della tua moneta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

un'altra cosa secondo voi devo lasciarla così o posso pulirla di più?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il negozio che me l'ha venduta dice non va pulita !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La pulizia sulle monete antiche è sempre un'operazione molto delicata, da lasciare a chi ha esperienza.

Personalmente non amo le monete troppo pulite, in quanto possono perdere la patina e dare una immagine più "anonima".

Se poi esistono fori o incavature di metallo, con la pulizia in genere diventano molto più evidenti....

Non ha tutti i torti il venditore quando ti consiglia di non pulire.

Al massimo si può pulire con uno spazzolino da denti molto morbido sotto acqua, per togliere eventuali tracce di terriccio o di ossidazione superficiale, ma non credo cambi molto le cose sull'argento., dove le eventuali ossidazioni sono molto dure.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una curiosità CaesaDivi, ma il negozio che ti ha venduto questa moneta... è un negozio di numismatica?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in una bottega antiquaria a creta in grecia , ne aveva un bel po' ho preso la più carina ,ma non doveva essere un'esperto in numimatica mi ha saputo dire ben poco , e io poco jo dato !!!! :D :D :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non pulirei ulteriormente la moneta, così ha molto fascino. A Certa! Interessante, anche il fatto che ce ne fossero molte, indica il fatto che ci fossero rapporti commerciali tra Creta e Taranto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?