Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Caio Ottavio

Giulia Drusilla,la bambina più potente dell'Impero

Inviato (modificato)

Salve a tutti.

Dopo aver trattato della moglie Cesonia, la più famosa dell'Imperatore Caio, meglio noto come Caligola, è d'obbligo trattare delle vicende, anche se minime, che riguardarono la bambina nata dal loro matrimonio. La maggior parte delle testimonianze, al riguardo, ci sono state tramandate da Svetonio, ma queste non sono del tutto affidabili, data l'avversione che questo Imperatore si attirò anche dopo la sua morte. Forse nata a Lione, tra la fine del 39 e l'inizio del 40 d.C., Giulia Drusilla fu chiamata così in ricordo della zia paterna, sorella di Caio, morta il 10 giugno del 38. L'Imperatore era molto legato a sua sorella, che peraltro era la più piccola della famiglia, e la sua perdita lasciò un vuoto incolmabile nel suo animo a tal punto che sentì l'esigenza di ricordarne la presenza attraverso la figlioletta appena nata. Alcuni storici ritengono che Giulia nacque il giorno stesso delle nozze imperiali e fu proprio lei la causa di queste ultime. E forse questa ipotesi non è del tutto errata. Narra Svetonio:<<(Caio) la onorò (la sua Milonia Cesonia) col titolo di moglie quando partorì, e nello stesso giorno dichiarò di essere suo marito e padre della bambina che era nata.>> (Svetonio, Vite dei Cesari, Caligola - XXV). Sempre lo storico tramanda altre notizie sulla bambina: fu posta dal padre accanto alla statua di Minerva in un tempio dell'Urbe, imponendo alla divinità di accudirla. Giulia crebbe nell'ambiente di palazzo libera e fu poco controllata sia dai genitori che da altre persone, come precettori, pedagogi etc. Questo, insieme al fatto che era la bambina più potente e forse più ricca di vizi dell'Impero, fecero di Giulia una vera "peste", per dirla in termini odierni. Irrequieta, allegra e spensierata, così possiamo immaginarla, come una comune bambina intenta a giocare con i suoi coetanei. Che poi graffiasse il viso ai compagni di giochi, sembra piuttosto credibile: qualche lite poteva sempre scoppiare tra bambini, ma che strappasse gli occhi agli altri non lo è affatto. Tutte queste falsità sono state scritte appositamente per infangare la figura di Caio anche dopo la sua morte. Il 24 gennaio del 41 d.C. Caio fu assassinato dai Pretoriani di Cassio Cherea che avevano ordito una congiura contro di lui assieme ad alcuni membri dell'odiata aristocrazia. Furono i Pretoriani in rivolta a trafiggere Cesonia, la madre di Giulia Drusilla, con una spada, mentre alla bambina fu schiacciata la testa contro un muro. La piccola Drusilla, dipinta da Svetonio come un demonio che godeva dei mali inflitti agli altri, aveva solo un anno di età.

A nome di Giulia non furono emesse monete vere e proprie, ma il padre ebbe l'accortezza di celebrare le donne della sua famiglia su un unico tondello provinciale:

AE18

D/ KAISWNIA GUNH SEBASTOU, in lingua greca. Busto drappeggiato e acconciato di Milonia Cesonia rivolto a sinistra.

R/ DROUSILLA QUGATRI SEBASTOU, sempre in greco. Giulia Drusilla, di circa un anno, a figura intera stante frontale con la testa rivolta a destra, regge in una mano una statuetta della Nike (Vittoria) e nell'altra un ramoscello. LE nel campo a sinistra.

Rif.: RPC 4977; Meshorer 117.

Zecca: Caesaraea Panias, in Siria.

Data: 40-41 d.C.

Rarità: Estremamente rara.

post-24898-0-93331700-1326658893_thumb.j

Fig. 1: la moneta.

post-24898-0-60127900-1326659018_thumb.j

Fig. 2: particolare del R/ della moneta precedente che ritrae la piccola Giulia Drusilla, la bambina più potente di tutto l'Impero Romano.

Modificato da Caio Ottavio
Piace a 3 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo ed interessante lavoro, Caio Ottavio! :)

Complimenti e grazie per questi chiari e dotti studi che condividi.

Enrico :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ottimo ed interessante lavoro, Caio Ottavio! :)

Complimenti e grazie per questi chiari e dotti studi che condividi.

Enrico :)

Quoto...complimenti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quanta efferatezza e quanti crimini terribili anche nell'antichità!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, veramente interessante, concordo con i complimenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

quanta efferatezza e quanti crimini terribili anche nell'antichità!

Eh, già...

Che possa godere del male altrui, una bambina di un anno, mi pare fin troppo esagerato... che potesse far del male agli altri bambini potrebbe essere... così piccoli non si è capaci di intendere e di volere. Credo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il fatto che Svetonio riportasse che una bambina di 1 anno fosse solita strappare gli occhi ai compagnucci di gioco ci fa capire quante falsita' tendenziose siano presente nei suoi scritti e in quelli di altri storici quando riferivano riguardo ad imperatori colpiti da Damnatio Memoriae (Caligola, Nerone, Domiziano solo per citarne alcuni). Allo stesso modo quando riferivano riguardo ad imperatori popolari nei rapporti con Senato e popolazione crimini ed efferatezze venivano taciute (ad esempio riguardo ad Ottaviano Augusto, sicuramente non un santo ma fatto passare per tale). Consiglio la lettura del libro di Luca Canali "Augusto, braccio violento della storia" per una visione piu' obbiettiva del periodo della "pax augusta".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il fatto che Svetonio riportasse che una bambina di 1 anno fosse solita strappare gli occhi ai compagnucci di gioco ci fa capire quante falsita' tendenziose siano presente nei suoi scritti e in quelli di altri storici quando riferivano riguardo ad imperatori colpiti da Damnatio Memoriae (Caligola, Nerone, Domiziano solo per citarne alcuni). Allo stesso modo quando riferivano riguardo ad imperatori popolari nei rapporti con Senato e popolazione crimini ed efferatezze venivano taciute (ad esempio riguardo ad Ottaviano Augusto, sicuramente non un santo ma fatto passare per tale). Consiglio la lettura del libro di Luca Canali "Augusto, braccio violento della storia" per una visione piu' obbiettiva del periodo della "pax augusta".

Dov'è che avevo scritto ciò? http://www.lamoneta.it/topic/82008-i-ritratti-di-augusto/page__p__889541__hl__canali__fromsearch__1#entry889541

Dopo devo farti leggere una cosa a tal proposito. Il tuo parere è gradito, anche perché sembra che tu l'abbia letto... suppongo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Il fatto che Svetonio riportasse che una bambina di 1 anno fosse solita strappare gli occhi ai compagnucci di gioco ci fa capire quante falsita' tendenziose siano presente nei suoi scritti e in quelli di altri storici quando riferivano riguardo ad imperatori colpiti da Damnatio Memoriae (Caligola, Nerone, Domiziano solo per citarne alcuni). Allo stesso modo quando riferivano riguardo ad imperatori popolari nei rapporti con Senato e popolazione crimini ed efferatezze venivano taciute (ad esempio riguardo ad Ottaviano Augusto, sicuramente non un santo ma fatto passare per tale). Consiglio la lettura del libro di Luca Canali "Augusto, braccio violento della storia" per una visione piu' obbiettiva del periodo della "pax augusta".

Dov'è che avevo scritto ciò? http://www.lamoneta....__1#entry889541

Dopo devo farti leggere una cosa a tal proposito. Il tuo parere è gradito, anche perché sembra che tu l'abbia letto... suppongo.

Ciao GGPP, l'avevo letto questa estate, e' un libro piacevole. E' un romanzo, non un saggio, basato su fonti storiche perche' l'autore e' un latinista, professore universitario che ha insegnato letteratura latina all'universita' di Pisa. Un po' come i libri di Manfredi, ma questo mi e' risultato piu' scorrevole. La storia comincia da una lettera che Cesare aveva scritto prima di morire recapitata ad Ottaviano, per poi ripercorrere vicende e politiche del principato seguendo i fatti storici. L'autore cerca di tenere una posizione critica e distaccata riguardo al personaggio Ottaviano, descritto spesso come freddo e calcolatore, un vero politico manovratore dei nostri giorni. Credo che Canali si sia basato piu' che altro su Tacito, una delle fonti piu' critiche verso Ottaviano.

Modificato da cliff

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi scuso perché stiamo inquinando la discussione.

Ma secondo te la visione del reale Ottaviano qual'è? Sai che ti dico? Io dico che non la danno ne Tacito ne Svetonio... ci vorrebbe un misto dei due scritti, ma cosa prendere di giusto o sbagliato?... oppure la macchina del tempo :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Non fa nulla: potete continuare, dato che non state inquinando niente, anzi. :)

Vorrei ringraziare tutti per gli interventi effettuati: senza persone della vostra levatura sarebbe difficile postare queste piccole ricerche. Grazie ancora. :)

Modificato da Caio Ottavio
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?