Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
giano3

carausio pax aug...ma c'è la salus...

Risposte migliori

giano3

Buongiorno a tutti,chiedo lumi su questo antoniniano di carausio,peso 3.72g,diametro 20-21-22mm(data l'irregolarità ne metto 3).

Ora ho letto che data la necessità di coniare monete con la sua effige in fretta carausio attivò anche molte zecche non ufficiali,questa moneta mi pare proprio non ufficiale,il segno di zecca non mi pare sia presente,inoltre sul diritto sembra di leggere IMC invece di IMP.

Cosa più strana ancora sul rovescio la legenda PAX AVG ma mi pare evidente che la figura presente sia la salus....inoltre si noti la fattezza delle braccia della figura a mo di uncino come si ritrova nelle "barbarous imitative".

Ho visto in giro che spesso nelle monetazioni di questi usurpatori come i due tetrici e vittorino c'è una forte compenetrazione tra monetazione più o meno ufficiale e non,senza ben distinguere dove vi sia l'una e dove cominci l'altra,inoltre spesso ci sono errori di questo tipo con legende scambiate ed altre figure... cosa ne pensate?

La moneta è stata acquistata ,da numismatico professionista associato con tutti i canoni dovuti(ad un prezzo direi altino,ma mi sa che monete di carausio a buon mercato non ce ne sono!)

cosa ne pensate?grazie.

p.s. se mi legge l'utente grigioviola che so essere studioso di questi tipi monetali mi farebbe piacere avere la sua opinione.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Salve.

Non credo sia una imitativa, ma sarei più propenso a considerarla una emissione ufficiale. Il fatto che non ci sia un segno di zecca non significa che non è ufficiale: molte delle monete di Carausio non lo portano e ancora oggi non si sa di preciso in quale città siano state coniate. E' una tipologia piuttosto rara, questa per Carausio, ma ne esistono altre con lo stesso Rovescio. Al Dritto io leggo regolarmente IMP e non IMC. Ecco la classificazione di un altro esemplare tratto dal web con il tuo stesso Rovescio:

Autorità emittente: Carausio.

D/ IMP CARAVSIVS P F AVG. Busto radiato, drappeggiato e corazzato a destra.

R/ PAX AVG. La Personificazione della Salus stante a sinistra mentre nutre un serpente intorno ad un altare, reggendo con una mano lo scettro.

Riferimenti: RIC VOL. V, PART II, No. 929-932 e 933.

Zecca: Incerta del continente, probabilmente Rotomagus.

Peso: 3,88 g.

Diametro: 24,8 mm

Esistono anche le imitative di questa tipologia, ma il cui peso è più basso (e non corrisponde con quello da te indicato), così come il diametro è inferiore. Ecco un'immagine di una imitativa dello stesso tipo tratta dal web (peso: 2,98 g. e diametro: 18,8 mm):

post-24898-0-66610900-1326969449_thumb.j

Come puoi vedere tu stesso, oltre alle misure che sono inferiori, lo stile è diverso.

Modificato da Caio Ottavio
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giano3

grazie caio per la celere risposta,in effetti non assomiglia per niente alla imitativa che hai postato.quanto alla rarità me ne ero accorto anche dal prezzo come detto,ma carausio è sempre piuttosto alto direi.

rotomagus a cosa corrisponde?più tadi faccio una ricerca.

grazie ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Rotomagus è il nome gallo - romano della città della Gallia (Francia) che attualmente corrisponde a Rouen.

Di solito le monete di Carausio in Italia sono abbastanza rare e ricercate facendo alzare i prezzi, ma in Inghilterra sono piuttosto comuni e i prezzi più contenuti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Salve.

Non credo sia una imitativa, ma sarei più propenso a considerarla una emissione ufficiale. Il fatto che non ci sia un segno di zecca non significa che non è ufficiale: molte delle monete di Carausio non lo portano e ancora oggi non si sa di preciso in quale città siano state coniate. E' una tipologia piuttosto rara, questa per Carausio, ma ne esistono altre con lo stesso Rovescio. Al Dritto io leggo regolarmente IMP e non IMC. Ecco la classificazione di un altro esemplare tratto dal web con il tuo stesso Rovescio:

Autorità emittente: Carausio.

D/ IMP CARAVSIVS P F AVG. Busto radiato, drappeggiato e corazzato a destra.

R/ PAX AVG. La Personificazione della Salus stante a sinistra mentre nutre un serpente intorno ad un altare, reggendo con una mano lo scettro.

Riferimenti: RIC VOL. V, PART II, No. 929-932 e 933.

Zecca: Incerta del continente, probabilmente Rotomagus.

Peso: 3,88 g.

Diametro: 24,8 mm

Esistono anche le imitative di questa tipologia, ma il cui peso è più basso (e non corrisponde con quello da te indicato), così come il diametro è inferiore. Ecco un'immagine di una imitativa dello stesso tipo tratta dal web (peso: 2,98 g. e diametro: 18,8 mm):

post-24898-0-66610900-1326969449_thumb.j

Come puoi vedere tu stesso, oltre alle misure che sono inferiori, lo stile è diverso.

Ciao,

condivido completamente quanto già detto da Caio Ottavio.

Mi pare francamente un'emissione ufficiale (se consideriamo con questo termine le zecche aperte da Carausius e chiaramente non avvallate da Roma) in base allo stile.

Sulle zecche attive all'epoca il quadro non è ben chiaro. Alcune si trovavano in Britannia (L =Londra? E una seconda in luogo da stabilire: Camulodunum, Clausentum, Classis, Colonia Lindum o Glevum ?), mentra quella continentale è stata recentemente spostata da Boulogne (Gesoriacum o Bononia) a Rouen (appunto, Rotomagus). Non si hanno evidenze archeologiche in tal senso e l'attribuzione alla prima località era stata data solo in base alla cospicua presenza di queste monete nel Museo Locale.

Al caso a questo link, pagina 60 e seguenti, troverai qualche dato:

http://books.google.it/books?id=gf80RRzRW4MC&pg=PA60&lpg=PA60&dq=carausius+continental+mints&source=bl&ots=CJiQNZYOyO&sig=7l7JcP8BRsy_mPv4RPSwVEd34FI&hl=en&sa=X&ei=jv0XT4a1Je-M4gSd3MTpDQ&redir_esc=y#v=onepage&q=carausius%20continental%20mints&f=false

Tornando alla moneta, i PAX AVG con rovescio iconografico di Salus non sono comunissimi ma ci sono, tra le monete di Carausius.

Nella ricerca che ho svolto ho trovato anche un PAX AVG con rovescio Vittoria.

post-3754-0-18479900-1326973585_thumb.jp

Per cui è documentata l'emissione di questa sorta di "ibridi" tra una legenda e un'iconografia non calzante.

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

vedo se riesco domani a risponderti con calma.

è una moneta molto interessante, mi sembrava di aver già visto qualcosa di simile, se sì ne rintraccio i riferimenti.

secondo me si può parlare di zecca non ufficiale.

concordo con c.ottavio per la legenda al dritto: pure a me sembra di leggere IMP al dritto, prova a fare una foto con diversa angolazione e luce... mentre non sarei così certo di rotomagnus quale zecca... mi orienterei maggiormente in ambito inglese.

se non ne vengo a capo ti dò comunque una dritta di approfondimento quanto prima.

ora devo scappare a casa!!!

peccato non averla vista prima questa discussione!

...porta un po' di pazienza!!!! ...e non aspettarti chissà quali rivelazioni!!!!!!

...immagino il costo, carausio lo si paga caro di suo, questo è pure ibrido e ben conservato.... ci sta!

Modificato da grigioviola

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

credevo di metterci di più...

ti lascio al volo un esemplare simile al tuo (una pax in legenda ma con un'altra divinità, non esattamente una salus come il tuo esemplare) domani ci ragioniamo.

rjb_car_pax_sim_mf.jpg

questa la descrizione che ne viene fatta da mauseus del f.a.c. che io reputo uno dei maggiori conoscitori di e su carausio:

Carausius 287-93 AD

AE antoninianus

Obv "IMP CARA[....]"

Radiate, draped and cuirassed bust right

Rev "PAX (AVG)"

Felicitas standing left with caduceus and cornucopia

Irregular mint?

RIC -

The reverse is stylistically very similar to the MART FAV type

Modificato da grigioviola

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

... Tornando alla moneta, i PAX AVG con rovescio iconografico di Salus non sono comunissimi ma ci sono, tra le monete di Carausius.

Nella ricerca che ho svolto ho trovato anche un PAX AVG con rovescio Vittoria.

post-3754-0-18479900-1326973585_thumb.jp

Per cui è documentata l'emissione di questa sorta di "ibridi" tra una legenda e un'iconografia non calzante.

Ciao

Illyricum

:)

(una pax in legenda ma con un'altra divinità, non esattamente una salus come il tuo esemplare) domani ci ragioniamo.

rjb_car_pax_sim_mf.jpg

questa la descrizione che ne viene fatta da mauseus del f.a.c. che io reputo uno dei maggiori conoscitori di e su carausio:

Carausius 287-93 AD

AE antoninianus

Obv "IMP CARA[....]"

Radiate, draped and cuirassed bust right

Rev "PAX (AVG)"

Felicitas standing left with caduceus and cornucopia

Irregular mint?

RIC -

The reverse is stylistically very similar to the MART FAV type

Ciao,

in effetti sembra la personificazione di Felicitas su legenda PAX (AVG).

Quindi un altro esemplare di ibrido tra legenda PAX AVG e iconografia non inerente.

Tra l'altro Felicitas è rappresentata sul rovescio delle monete MART FAV (marti fautori) anzichè il titolare Marte... per cui sarebbe quasi un "ibrido" di un "ibrido"...

Come scrive lo stesso Mauseus

http://www.forumancientcoins.com/lateromancoinage/carausius.html

The coinage of Carausius is also a period of confusion, especially during the early part of his reign, as there is a large amount of coinage of a rather irregular style when compared to the later products of Carausius' mints.

( La monetazione di Carausio è anche un periodo di confusione, soprattutto durante la prima parte del suo regno, in quanto vi è una grande quantità di monete di uno stile piuttosto irregolare rispetto ai prodotti più tardi delle zecche di Carausio.)

Se ciò è corretto, potrebbe trattarsi di un'emissione abbastanza precoce.

Ciao Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ancora un ultimo dato.

PAX AVG è stata trovata con personificazione di:

- Minerva (Londra)

- Soldato ( " ) (non ho le foto - potrebbe essere tipo "Virtus")

- Imperatore ( " )

- Vittoria ( " )

- Providentia ( Camulodunum ?)

- Vittoria ( Incerta britannica)

x Salus:

2 tipologie, la "tua", quella con l'altare e serpente, legenda al dritto IMP CARAVSIVS PF AVG, nessun segno in exergo, zecca non identificata, rinvenuta a Normanby Hoard, nr. 1601. rated, ma non so su che base, "R4".

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giano3

grazie veramente a tutti;grazie tante ad Illyricum anche per la segnalazione del testo su google me lo leggo con calma.

Grazie grigioviola,hai risposto subito,ho messo la discussione stamattina quindi l'hai vista da subito.

Io non mi aspetto nulla di più di quello che già mi avete detto riguardo la moneta,resta il dilemma della ufficialità o meno dell'emissione ma la vedo dura anche perchè mi pare di avere capito che questo periodo è molto confuso,trattandosi poi di un usurpatore figuriamoci.

Grazie ancora a tutti.

p.s.certo che ce ne sono di rovesci con personificazione e scritta errata in differente combinazione!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Concordo con quanto scritto da Illyricum al post # 11.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao,

...resta il dilemma della ufficialità o meno dell'emissione.

... questo non direi. E' sicuramente ufficiale, se la consideri come "emessa delle zecche di Carausio". Quale, non saprei dirlo con certezza.

O non-ufficiale se la consideri come "non emessa da una zecca imperiale".

Sicuramente non imitativa.

Devi considerare che Carausius quando andò al potere si trovò nella necessità di emetter moneta in suo nome e non aveva niente in mano. Nè strutture nè monetieri. Il battere moneta legittimava il potere ed aveva fini propagandistici. Ho trovato monete "overstruck" ovvero stampate con l'effige di Carausius su monete dei Gallici (vedi sotto). O sue con rovescio tipico di Victorinus con stella e V (vedi il link di cui sopra). Per cui o per imperizia dei monetieri o per la fretta, non andò troppo per il sottile.

Io la catalogherei come zecca ufficiale non attribuibile (o incerta).

Ecco la moneta cui accennavo prima:

post-3754-0-26367100-1326992426_thumb.jp

Carausius, Antoninianus, 289-290, London?

IMP C CARAVSIVS P F AV

Radiate, draped, cuirassed bust right

PAX- AVG

Pax standing left, branch in right hand, vertical scepter in left

F | O across fields

20mm x 21mm, 3.38g

RIC V, Part II, 110 ®

Note: Overstruck on an antoninianus of Victorinus with SALVS AVG reverse. IMP C VI visible on obverse, S AVG and half of the central devices visible on reverse.

E a dimostrazione di quanto sia difficile la vita, aggiungo:

perchè S AV (questo vedo io) di SALVS AVG sta nel campo sn (ore 6-9) anzichè nel destro (ore 3-6) come di norma?

Esempio:

post-3754-0-54059300-1326994067_thumb.jp

Ciao

Illyricum

:)

Modificato da Illyricum65

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

vado con un po' di repertorio iconografico di PAX/altra tipologia:

rjb_car_06_07.jpg

Carausius 287-93 AD - Antoninianus

Obv "IMP CARAVSIVS P AVG"

Radiate, draped and cuirassed bust right

Rev "PAX AVG"

Laetitia standing left holding wreath and anchor

Irregular mint

normal_rjb_car4_10_%29%26.jpg

Carausius 287-93AD - AE antoninianus

Obv "IMP CARAVSIV(S...)"

Radiate, draped and cuirassed bust right

Rev "PAX AVG"

Pax standing left with vertical sceptre, altar to left

Irregular mint

-/-//MLT

RIC -

normal_rjb_car_PAXAVGVS_02_05.jpg

Carausius 287-93 AD- Antoninianus

Obv "IMP CARAVSIVS PF AVGV"

Radiate, draped and cuirassed bust right

Rev "PAX AVGVS"

Pax standing left holding victoriola and cornucopia

-/-//C

rjb_car_pax_sim_mf.jpg

Carausius 287-93 AD - AE antoninianus

Obv "IMP CARA[....]"

Radiate, draped and cuirassed bust right

Rev "PAX (AVG)"

Felicitas standing left with caduceus and cornucopia

Irregular mint?

RIC -

The reverse is stylistically very similar to the MART FAV type

Tutte queste tipologie provengono dalla galleria del forum ancient coins di mauseus. Io posterei anche in quel forum, nella sezione roman coins, la moneta in questione non tanto per avere ulteriori informazioni/dettagli sulla moneta, quanto piuttosto per farla censire a mauseus che, a quanto mi pare di ricordare, sta tenendo un mirabile aechivio di tutte le tipologie conosciute di carausio e non è escluso che in un futuro possano diventare un libro a disposizione di tutti.

Prima o poi quando uscirà una pubblicazione completa sul From Hoard vedremo se emergeranno altre tipologie di pax ibride.

Io non credo che si possa parlare di imitativa in senso stretto, ma al tempo stesso non credo nemmeno che la si possa considerare ufficiale (sempre nell'ambito della non ufficialità delle zecche istituzionali di carausio... dato che non erano riconosciute dall'impero centrale!). Parlerei piuttosto di "ibrido" o "mule" uscito da una delle zecche istituzionali di carausio... un po' una sorta di prodotto "difettoso" frutto della fretta e della necessità di approntare grossi quantitativi di moneta unito magari a una non ottimale conoscenza delle maestranze e a riusi di coni o parti di coni... insomma, la situazione richiedeva rapidità, molte monete, legende propagandistiche e mezzi di fortuna con molta probabilità utilizzati fino a non molto tempo prima per la produzione di antoniniani irregolari dell'impero gallico.

La non ufficialità in senso assoluto deriva dal fatto che la legenda del rovescio non è coerente con la divinità raffigurata: si parla di pax ma c'è rappresentata la salus. D'altra parte lo stesso RIC nella pressoché sterminata carellata di PAX carausiane che riporta include alcune tipologie di PAX con rovesci non coerenti.

Circa la zecca di Londra, infatti, sfogliando il RIC mi sono imbattuto in questa catalogazione:

post-8339-0-22173700-1327048594_thumb.jp

dove appunto ho evidenziato una tipologia di PAX con Salus raffigurata. Non è la catalogazione della moneta di giano, la sua non ha segni in esergo e non ha cornucopia.

Quanto alla zecca... quale? Questo è un bel dilemma che, temo, non avrà mai una risposta in senso assoluto.

Precedentemente io escludevo Rotomagnus e in effetti ne sono ancora parzialmente convinto.

Dico parzialmente (sto scrivendo un post in divenire... voi lo leggerete tutto assieme ma io la mia ricerca la sto componendo per gradi scrivendo prima in word...) perchè mi sono imbattuto in questa classificazione del RIC verificando quanto indicato da Caio Ottavio che... è un cumputer vivente quanto a classificazioni!!!:

post-8339-0-59951800-1327049239_thumb.jp

...qui siamo nella sezione "Uncertain britisch coins - unattributed coins" in cui una nota esplicativa dice:

Many of these coins are issues and may fairly be attributed to London. A few are of Colchester, a few are simply barbarous, and a number are quoted from authorities which omit mint-marks and so afford no means of attribution1.

Quindi a riconferma di quanto detto da Caio Ottavio, si può ricondurre al RIC 925 l'esemplare di giano... la legenda al dritto (5C) è:

- IMP CARAVSIVS P F AVG radiate, draped and cuirassed bust right (e mi sembra ci stia tutta)

mentre al rovescio abbiamo:

- PAX AVG Salus stg. l. holding serpent rising from altar and sceptre; no mint-marks.

Infine il RIC come grado di rarità indica "S" e quindi comune.

1. Circa la zecca, tra le attribuzioni incerte il RIC non la riconduce espressamente a Rotomagnus né ad altre ipotetiche zecche continentali, da qui la mia "parziale" (l'assoluto non esiste con questa monetazione!) convinzione che sia riconducibile a una zecca inglese e quindi o Londra o Colchester.

Per il momento non ho altro da aggiungere... spero di non aver detto troppe castronerie! Illyricum e Caio Ottavio sono decisamente più preparati di me e invoco il loro intervento per rettificare quanto ho riportato e correggere il tiro! Mi sono solo divertito a fare una piccola ricerca tra il materiale iconografico e bibliografico che possiedo e a fornirvi i dati che ho rilevato... e vi confesso che, pur non possedendo ovviamente la moneta in questione!, mi sono divertito come fosse mia... e per l'ennesima volta ribadisco come sia questo, almeno per me!, il bello della numismatica!!!

Modificato da grigioviola
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

Un'ultima cosa... che chiedo direttamente a giano a titolo di curiosità... l'acquisto l'hai fatto da un'asta o da un commerciante online? non mi interessa sapere il nominativo! te lo chiedo solo perchè questa particolare moneta mi ha aperto un cassetto nella memoria... sono sicuro di averla vista online in qualche asta recente o presso qualche seller ufficiale e regolare di ebay.

così... una semplice curiosità!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giano3

ciao grigioviola ti ringrazio molto per il lavoro che hai fatto,se ti sei divertito mi fa piacere,anche io intendo la numismatica come hai scritto tu.

Se vuoi mandare la foto a mauseus per farla censire per me va bene,se la foto va bene io non saprei farla meglio.

Riguardo la moneta è stata presa direttamente dal commerciante di persona,poi se l'hai vista è probabile che lui l'abbia presa ad un'asta o da altro venditore regolare,nella fattura che ho ci sono dei numeri di riferimento forse un lotto od altro,non so ,ad ogni caso ho la dichiarazione firmata di lecita provenienza,a me piace fare le cose per bene in legalità,penso che sia una regola che tutti dovrebbero seguire.

Non compero mai su e-bay perchè non mi fido in generale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

ciao, non mettevo minimamente in dubbio la liceità sia chiaro! semplicemente mi sembrava di averla già vista e probabilmente quei riferimenti si rifaranno a una precedente provenienza... asta probabilmente perchè mi sembrava proprio di averla vista in un'asta ma non ne ho tenuta traccia. per quanto riguarda ebay... ci sono alcuni commercianti molto seri che rilasciano ricevuta fiscale con indicazione di partita iva e foto della moneta acquistata, nel pieno della legalità perchè non è una regola che tutti "dovrebbero" seguire... ma tutti DEVONO seguire!

Quanto alla moneta, la posterei comunque nell'altro forum giusto per vedere mauseus cosa ne dice e se rileva qualche dato che a noi è sfuggito (ma ne dubito!)

Ti lascio infine un altro contributo, giusto anche per una valutazione tua personale di natura economica. Ho recuperato un esemplare catalogabile come il tuo, ma di conservazione e stile inferiori in vendita presso una numismatica francese (normalmente però propone le monete a un prezzo più caro di quello che è il mercato comune, quindi tieni in considerazione anche questo aspetto):

brm_115879.jpg

THE TETRARCHY(284 AD to 337 AD) Aurelianus 290

Grade: VF | Abbreviations

Catalog: RIC.929 C.- C.- HCC.- Casey- p. 88 et tableau 5, p. 62 RC.-

Weight: 4.76 g

CARAUSIUS Aurelianus 290 Colchester R2 billon

Obverse : IMP CARAVSIVS P F AVG Buste radié, drapé et cuirassé de Carausius à droite, vu de trois quarts en avant (A)

Reverse : [P]-AX - AVG Salus (la Santé) drapée debout à gauche, tenant une patère de la main droite et une haste verticale de la main gauche, nourrissant un serpent enroulé autour d’un autel

245 EUR

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ciao Grigioviola e Giano,

Illyricum e Caio Ottavio sono decisamente più preparati di me e invoco il loro intervento

ringrazio l'amico Grigioviola per la considerazione ma devo confessare che dell’aspetto numismatico di Carausius sono alquanto inesperto, non essendo presente nell’hoard che sto studiando :blush:(l’imperatore più recente è Probus) e ne ho analizzato finora solo l’aspetto politico-economico per capire la realtà britannica alla fine del III secolo (incluso il Litus Saxonicus che è stato proposto, recentemente, risalga nei suoi aspetti iniziali al regno di Probus). Estendendo lo studio a Carausius dovremmo trattare anche Diocleziano e la Tetrarchia e questo implicherebbe ulteriori studi e ricerche.

Detto ciò, mi sono interessato alla discussione anche per incrementare un po’ la conoscenza numismatica dello stesso usurpatore. E questo è sempre buono.

Dunque, l’idea che mi son fatto sulla moneta in oggetto è la seguente:

- Emessa da zecca ufficiale (intendendo col termine “di Carausius”)

- La legenda PAX AVG chiaramente esprime la volontà di Carausius di cercare di superare la crisi con il governo centrale (Maximianus e Diocletianus, soprattutto con il primo - che si dice volesse eliminarlo fisicamente, da cui la sua usurpazione…) o quanto meno di temporeggiare, per riorganizzarsi (questo non entra direttamente nella discussione ma mi intrigano le motivazioni delle legende :D).

- Si tratta di un’emissione precoce, motivata dall’emergenza di battere moneta pur una situazione precaria.

- Si tratta di un “mule”, ovvero un ibrido, utilizzando probabilmente qualche conio di imperatori gallici precedenti.

Su questi due punti mi pare che si concordi tra me e Grigioviola…

... per cui sarebbe quasi un "ibrido" di un "ibrido"...devi considerare che Carausius quando andò al potere si trovò nella necessità di emetter moneta in suo nome e non aveva niente in mano. Nè strutture nè monetieri. Il battere moneta legittimava il potere ed aveva fini propagandistici.
…Parlerei piuttosto di "ibrido" o "mule" uscito da una delle zecche istituzionali di Carausio... un po' una sorta di prodotto "difettoso" frutto della fretta e della necessità di approntare grossi quantitativi di moneta unito magari a una non ottimale conoscenza delle maestranze e a riusi di coni o parti di coni... insomma, la situazione richiedeva rapidità, molte monete, legende propagandistiche e mezzi di fortuna con molta probabilità utilizzati fino a non molto tempo prima per la produzione di antoniniani irregolari dell'impero gallico.

E' stata però trascurata la IMC / IMP del dritto. A mio parere sembra proprio una “C”. E confermerebbe proprio l’imperizia degli improvvisati monetieri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

- Per quanto concerne la zecca sono dell’avviso che il discorso sia complesso.

Ho svolto una ricerca per confrontarla stilisticamente, l’unica percorribile:

Zecca di Londinium

post-3754-0-48131100-1327058385_thumb.jppost-3754-0-92940300-1327058413_thumb.jppost-3754-0-61183700-1327058430_thumb.jppost-3754-0-59046000-1327058443_thumb.jp

Zecca “C” (Camulodunum o altra, vedi considerazioni al post #7, comunque zecca britannica)

post-3754-0-39499400-1327058567_thumb.jppost-3754-0-12455000-1327058585_thumb.jppost-3754-0-89070200-1327058600_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

sarebbe molto interessante se giano riuscisse a fare una foto e un ingrandimento della parte di legenda incriminata del dritto per capire se effettivamente si tratta di una C oppure di una P venuta male (magari non chiusa e con l'asta corta).

quanto all'intento propagandistico del soggetto, è corretta l'analisi che ne fa Illyricum. vi riporto un estratto dal libro consigliato in uno dei primi messaggi... libro che consulto spesso quando devo affrontare carausio&co!:

To check the validity of arguments advanced for the function of coin types as ideological indices we can contrast the coinage of the British regime with that of its legitimate rival through the widely circulating billon issues of the important mint of Lyons (Lugdunum). While some types are shared with the British regime, the overall ‘message’ of the Gallic mint is focused on the unity of the twin emperors, Diocletian and Maximian, and their relative ranking within the imperial hierarchy. This ranking was symbolized by the identification of Diocletian with the supreme deity Jove/Jupiter and his junior colleague, Maximian, with Hercules, the adjutant of Jove. The bulk of Diocletian’s coins invoke Jove as protector of the emperor (IOV1 CONSERVAT AVGG; Pl.1, no.9) while a very high proportion of Maximian’s refer to Hercules, who is invoked as HERCVLI PACIFERO (‘The Bringer of Peace after Conflict’; Pl.1, no.10). Maximian himself acquires the attributes of Hercules, adopting the tree trunk club of the heavenly giant as a piece of symbolic regalia (Pl.1, no.11). The bravery of the Caesar, Constantius, and his successes against Carausius on the Continent are celebrated by the appearance of victory trophies and captives (Pl.1, nos 13, 14). In terms of volume of coinage, as represented in hoards, the religious-dynastic and militaristic types predominated in the circulating medium.

By contrast the bulk of the coinage of Carausius is restricted to the single type with the legend PAX AVG(vsti) which proclaims and celebrates the blessings of peace. This type was issued throughout the reign by the Unmarked, London and Colchester mints. That the type is a pious hope, rather than a statement of reality, needs no emphasis. Nevertheless, it is an important ideological statement in its own right and must represent the ostensible policy of the regime in the same way that the central empire’s choice of types reflects its concern with dynastic stability and military success. The fact that a single type dominates the coinage suggests that the regime was content to direct overtly propagandistic types to a minority and that coinage was not a medium of persuasion of the majority.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Zecca Rotomagus (zecca continentale)

post-3754-0-56383000-1327059442_thumb.jppost-3754-0-82405600-1327059454_thumb.jppost-3754-0-20927400-1327059467_thumb.jppost-3754-0-29935800-1327059482_thumb.jppost-3754-0-37535700-1327059500_thumb.jppost-3754-0-28590900-1327059516_thumb.jp

In effetti stilisticamente Rotomagus c’entra poco. Lasciamo perdere l'aureo, ma gli antoniniani sono bruttini (tra l'altro gli ultimi 2 probabilmente hanno quasi lo stesso conio, a giudicare dalle caratteristiche del naso e delle legende del dritto). Ritratti poco delineati, sommari, quasi “barbarici”. La barba ha tutto un’altra resa plastica. Non a "pallini" ma a segmenti verticali. E al limite assimilibile più a una "brutta copia" di Maximianus che non a Carausius nei tratti somatici. Quasi che non abbiano visto in realtà Carausius e abbiano preso ad esempio Maximianus e cambiato la legenda

post-3754-0-20547800-1327059902_thumb.jp

Il fatto che non abbia segni di zecca, abbastanza comune per la stessa zecca, mi aveva tratto in inganno inizialmente. Per cui eliminerei la possibilità della zecca “continentale”.

Resta quindi in piedi unicamente la possibilità di una zecca britannica, ma quale?:

- Londinium, fase iniziale, emessa senza alcun segno di zecca

- Zecca “C” o altra sconosciuta, senza segno di zecca

Nell'incertezza indicherei un generico "zecca britannica non identificata".

Ciao

Illyricum

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grigioviola

aspettavo la sezione rotomagnus! :)

il fatto che siano assimilabili a una versione stilizzata di massimiano, è una cosa più volte ribadita da diversi studiosi che hanno trattato carausio e ha un suo fondamento.

anche secondo me la moneta di giano non centra molto con rotomagnus.

ricollegandomi a quanto diceva illyricum qualche post fa, se mi "obbligassero" a una scelta di zecca tra le due note, tenendo conto dell'assenza di indicazioni all'esergo, di una probabile emissione iniziale (incongruenza legenda raffigurazione e possibile errore di leg. al dritto), sceglierei Londinium fase iniziale.

ma prudenzialmente sposo la classificazione di illyricum di "zecca britannica non identificata".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

anche per me e` ufficiale

la monetazione di carausio e` molto complessa e ci sono una miriade di legende e di segni di zecca, tanto e` vero che il ric indica piu` monete per carausio di quelle per probo

per quanto riguarda la rarita` ti confermo che in UK si trova abbastanza facilmente anche se e` molto ricercato e esemplari messi abbastanza bene vanno a prezzi superiori a denarii comuni mentre per quelli belli ti chiedono alcune centinaia di sterline.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rick2

dimenticavo.

secondo me non si possono distinguere le zecche sulla base dello stile (ho dei dubbi che questo sia possibile anche per postumo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×