Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
cliff

Le mille avventure di un denario EID-MAR

Risposte migliori

acraf

Interessanti dettagli, che poi riportano alla solita e fondamentale questione: l'origine e circolazione di specifiche emissioni.

I denari (e i rarissimi aurei) di EID-MAR furono sicuramente coniati nella Grecia settentrionale, tra Dràama e Philippi, dove si erano sistemate le truppe di Bruto prima della decisiva battaglia che segnò la fine degli assassini di Giulio Cesare.

Però resta da chiarire se effettivamente TUTTE queste monete rimasero in territorio greco (allora il Governo greco ha ragione di ritenere che qualsiasi nuova moneta con EID-MAR npn può che essere rinvenuta in Grecia) o piuttosto possono essere in parte diventate parte di bottino dei vincitori e quindi sparpagliate in altre zone, in Italia come in Turchia (anche se ritengo più verosimile che in tal caso i vincitori evrebbero preferito rifondere monete così oltraggiose alla memoria dei cesariani).

Penso che il vero asso nella manica del Governo greco era la muta presenza dell'accompagnatore del venditore tedesco (chiaramente un mediatore), che doveva essere noto alle autorità greche come un noto tombarolo o ladro greco.

In ogni caso appare evidente che i commercianti USA non si fanno poi tanti scrupoli ad accertare meglio la provenienza di un pezzo molto importante e ricercato (certo che avevano fatto un buon affare a concludere la vendita a 18.000 euro per una moneta che in asta avrebbe quasi decuplicato).......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

McFadden agreed to a price of 18,000 euros, or roughly $23,000.

"That is the top wholesale value," he said. "The retail price is something like $30,000, which is what we probably would have asked for it."

In effetti e' ridicolo che McFadden, il responsabile di CNG, affermi di aver pagato la moneta il suo valore di mercato (secondo lui 18000) nella speranza di farci poi solo 24000 euro vendendolo. E' risaputo che queste sono monete che pur in condizioni di conservazione precarie non fanno mai meno di 100000$ in asta. E' chiaro che nella transazione ha tenuto conto della provenienza problematica della moneta, che conosceva, e della posizione di forza che aveva verso venditore e mediatore, che non potevano chiedere di piu' appunto per i problemi di provenienza della moneta.

E' altrettanto ridicolo il fatto che cerchino poi di passare per magnanimi per non aver fatto ricorso contro il governo greco colpevole, secondo loro, di non avere l'evidenza della provenienza illecita. Hanno semplicemente capito che non conveniva a nessuno iniziare battaglie legali che avrebbero potuto segnarli anche in futuro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×