Jump to content
IGNORED

Coordinarsi mai?


dabbene
 Share

Recommended Posts

Ci sto pensando da un po' in effetti...che faccio ci provo??? :blum: :blum: Il difficile sarà convincere tutti a servirsene, altrimenti sarebbe inutile...o quasi. Giò

Gli ultimi due post ti hanno risposto Giò!

Quando ci sono gli interessi e sopratutto l'invidia scatta una corsa al menefreghismo ed egoismo totale e l'unica sarebbe una Regola-Legge che imporrebbe a servirsi di un'ufficio coordinatore,come d'altronde già esiste in altri campi, ENCI per i cinofili ad esempio (se non si fa come dicono loro si viene espulsi e per chi alleva cani e fa mostre di bellezza sa quanto è importante). Nella Numismatica manca questo. Un Ente che riesce a farsi valere! No che uno va in carcere se non lo segue ma sarebbe messo ai bordi della Numismatica Generale Italiana senza essere riconosciuto ufficialmente come Perito o come Venditore Professionista.

Perchè fare una nuova rivista numismatica e non un'Associazione Numismatica Italiana?

Edited by favaldar
Link to comment
Share on other sites


Tempo fa segnalai l'accavallarsi delle aste numismatiche in primavera o in autunno, sottolineando anche l'autolesionismo delle stesse case d'asta; nell'autunno scorso stigmatizzai la "c..ta" di far svolgere Verona e Vicenza a 5-6 giorni di distanza tra loro. Credo che ogni commento e ogni iniziativa siano vani.

Link to comment
Share on other sites


Bene, vedo che l'argomento interessa e non solo i collezionisti, mi fa molto piacere questa partecipazione.

Ma visto che questa discussione è iniziata per un evento che si terrà a Roma penso che forse stiamo togliendo un po' troppo spazio e visibilità al Convegno della Nip.

Chiedo a Petronius, od ad un altro Moderatore disponibile, se lo ritiene possibile e corretto, separarle in due discussioni, potreste darle un titolo adatto, e postarla nella Sezione che ritenete più consona, forse in Piazzetta o Proposte, dove potremmo continuare a discutere senza occupare altro spazio utile alla discussione aperta da Alberto Varesi.

Comunque vorrei intanto rispondere a questa frase di Simonesrt, che saluto.

"Questo fa capire che purtroppo ognuno tutela i propri interessi e di conseguenza i convegni vanno perdendo sempre più interesse e partecipanti."

Uno dei punti sui quali premere sarà proprio questo, qual'è l'interesse comune che lega tutti gli organizzatori di Convegni Numismatici?

Rispondo: "La buona riuscita del Convegno"

Questo è l'interesse maggiore, questo è il fine principale e per far si che questo succeda forse gli organizzatori inizieranno a pensare in modo diverso, capiranno che è importante una coordinazione degli eventi, anche perchè ormai, tra piccoli e grandi Convegni, sono veramente tanti ed è diventato molto difficile che non si accavallino.

Inoltre avere un contatto/scambio con organizzatori di eventi culturali legati alla numismatica sarebbe un vantaggio comune, non sovrapporsi, non accavallare due eventi di interesse così forte per un collezionista non può che essere vantaggioso per la buona riuscita di tutti e due.

Chiaramente questo finchè noi poveri umani non avremo il dono dell'ubiguità...dopo non ci saranno più problemi... :D :) Giò

Link to comment
Share on other sites


Ma visto che questa discussione è iniziata per un evento che si terrà a Roma penso che forse stiamo togliendo un po' troppo spazio e visibilità al Convegno della Nip.

Chiedo a Petronius, od ad un altro Moderatore disponibile, se lo ritiene possibile e corretto, separarle in due discussioni, potreste darle un titolo adatto, e postarla nella Sezione che ritenete più consona, forse in Piazzetta o Proposte, dove potremmo continuare a discutere senza occupare altro spazio utile alla discussione aperta da Alberto Varesi.

Purtroppo non credo che tra i miei superpoteri :lol: ci sia quello di separare le discussioni :whome: ho solo quello di unirle.

Forse gli Admin possono farlo, aspettiamo uno di loro, altrimenti si potrebbe ugualmente aprire un'altra discussione, riportando le proposte e i punti salienti di questa, nella quale poi verrebbero oscurati i commenti non prettamente attinenti al Convegno NIP.

petronius :)

Link to comment
Share on other sites


La data di Verona è già nota perché al convegno di primavera mancano tre mesi, Vicenza di solito si svolge tra ottobre-novembre. Comunque sono pessimista, credo che addirittura quest'anno non si svolgerà...... dopo il flop del 2011.

Nel calendario del sito della Fiera di Vicenza è indicato l'appuntamento

per ottobre, anche se in data da definire ( speriamo bene )

Mentre ho notato nel sito indicato da Petronius che l'appuntamento di

Verona è stato spostato a fine novembre, con un lasso di tempo almeno

di un mese fra i due appuntamenti.

Massimo

Link to comment
Share on other sites


Purtroppo non credo che tra i miei superpoteri :lol: ci sia quello di separare le discussioni :whome: ho solo quello di unirle.

Invece sì :lol: avrei dovuto agire sui singoli messaggi anzichè sulla discussione nel suo complesso, ma non avendolo mai fatto me ne sono accorto solo adesso.

Grazie Pale ;)

petronius :)

Link to comment
Share on other sites


Purtroppo non credo che tra i miei superpoteri :lol: ci sia quello di separare le discussioni :whome: ho solo quello di unirle.

Invece sì :lol: avrei dovuto agire sui singoli messaggi anzichè sulla discussione nel suo complesso, ma non avendolo mai fatto me ne sono accorto solo adesso.

Grazie Pale ;)

petronius :)

Vedi...qualcosa di buono già ne è uscito.... :rofl: :blum: Giò

Link to comment
Share on other sites


Scetticismo; realismo?... non so; ma muovendomi su altri fronti, sempre nel campo congressuale, mi capita spesso di trovarmi di fronte alla "cannibalizzazione"

ciascuno tira l'acqua al proprio mulino e le fiere, le mostre, i convegni si accavallano con buona pace di chi è seriamente interessato e sotto l'occhio vigile ed attento del commerciale:... quest'anno abbiamo avuto più frequenze di ecc... che dire ancora, comunque Giovanna, permettimi di darti del tu, avanti tutta con i migliori auguri e scusami la parentesi realista... non sono più giovanissimo e l'età si sa rende un pochino scettici.

Un caro saluto a tutti da Cesare Augusto

Link to comment
Share on other sites


Scetticismo; realismo?... non so; ma muovendomi su altri fronti, sempre nel campo congressuale, mi capita spesso di trovarmi di fronte alla "cannibalizzazione"

ciascuno tira l'acqua al proprio mulino e le fiere, le mostre, i convegni si accavallano con buona pace di chi è seriamente interessato e sotto l'occhio vigile ed attento del commerciale:... quest'anno abbiamo avuto più frequenze di ecc... che dire ancora, comunque Giovanna, permettimi di darti del tu, avanti tutta con i migliori auguri e scusami la parentesi realista... non sono più giovanissimo e l'età si sa rende un pochino scettici.

Un caro saluto a tutti da Cesare Augusto

Ciao, scusami ma ho visto solo ora la tua risposta.

Ti ringrazio per gli Auguri, sono consapevole che non sarà semplice, però, secondo me, vale la pena provarci.

Fare alcune telefonate o mandare delle mail non è un sacrificio enorme per me, alcuni organizzatori li conosco già, altri li conoscerò, anche con l'aiuto di tutti, perdere un po' di tempo per un buon fine mi sembra che sia una buona cosa...vedremo.

Grazie ancora, Giò

Link to comment
Share on other sites


Penso che un tentativo valga la pena, se non altro per far capire che noi, in quanto "utenti finali", la pensiamo in un certo modo riguardo alla sovrapposizione degli eventi...

Link to comment
Share on other sites


Coordinarsi mai ? il 31 marzo c'è l'assemblea dei soci di S.N.I.,dove molti NIP sono associati con in più la giornata organizzata sulla giornata del grosso , anche con Lamoneta e col Prof. Saccocci , peccato ! Un' occasione persa !

Secondo me si sta ingigantendo il problema... anche sabato prossimo ci saranno i convegni di Bergamo e di Cecina che si sovrapporranno e nessuno ne parla... è una cosa fisiologica la sovrapposizione di eventi in un quadro così vario e complesso come quello numismatico italiano. Per quanto possano essere importanti certi appuntamenti il "beneficiario" ultimo (cioè noi) sceglie dove essere presente e dove no. Personalmente anche io un paio di anni fa (per la I edizione) sollevai il problema di concomitanza tra il convegno NIP e il convegno di Castellammare di Stabia (lo so che ciò può portare a ilarità, ma per quanto non troppo famoso come convegno quello stabiese è l'ultimo con un certo livello di venditori del panorama Campano), alla fine riuscimmo a partecipare ad entrambi e meno male perchè l'appuntamento romano era di un altro livello.

Propongo una cosa... visto che l'assemblea dei soci SNI è un importantissimo appuntamento nel calendario nazionale, perchè non organizzarla in una città più centrale in Italia?

Anche perchè se volessi partecipare (oltre a dover essere socio) dovrei sobbarcarmi 6-7 ore di auto (se va tutto bene) da Napoli a Milano, lo so adesso tutto questo ragionamento può essere giudicato come un'obiezione a livello personale, ma siamo sicuri che tutti i collezionisti del mezzogiorno non ragionino così? E come me ci sono parecchi collezionisti. ;)

Edited by Layer1986
Link to comment
Share on other sites


Secondo me si sta ingigantendo il problema... anche sabato prossimo ci saranno i convegni di Bergamo e di Cecina che si sovrapporranno e nessuno ne parla... è una cosa fisiologica la sovrapposizione di eventi in un quadro così vario e complesso come quello numismatico italiano. Per quanto possano essere importanti certi appuntamenti il "beneficiario" ultimo (cioè noi) sceglie dove essere presente e dove no. Personalmente anche io un paio di anni fa (per la I edizione) sollevai il problema di concomitanza tra il convegno NIP e il convegno di Castellammare di Stabia (lo so che ciò può portare a ilarità, ma per quanto non troppo famoso come convegno quello stabiese è l'ultimo con un certo livello di venditori del panorama Campano), alla fine riuscimmo a partecipare ad entrambi e meno male perchè l'appuntamento romano era di un altro livello.

Propongo una cosa... visto che l'assemblea dei soci SNI è un importantissimo appuntamento nel calendario nazionale, perchè non organizzarla in una città più centrale in Italia?

Anche perchè se volessi partecipare (oltre a dover essere socio) dovrei sobbarcarmi 6-7 ore di auto (se va tutto bene) da Napoli a Milano, lo so adesso tutto questo ragionamento può essere giudicato come un'obiezione a livello personale, ma siamo sicuri che tutti i collezionisti del mezzogiorno non ragionino così? E come me ci sono parecchi collezionisti. ;)

L'esempio regge fino ad un certo punto Layer, l'Assemblea della SNI si svolge nel Castello Sforzesco e "storicamente" la sua locazione è Milano.

Magari a Roma potrebbero aprire un'altra sede, che potrebbe raccogliere adesioni dal centro e dal sud, ma non credo che gli attuali soci, maggiormente del nord penso, siano propensi ad arrivare a Roma per le manifestazioni più importanti.

I Convegni che tu hai citato, Bergamo e Cecina, raccolgono interesse locale, non credo che tu partiresti da Napoli per parteciparvi.

Abbiamo detto che sarebbe opportuno iniziare da eventi di una certa importanza, scegliere tra un Convegno a Roma della NIP, di un certo livello come hai giustamente sottolineato, e l'Assemblea della SNI, con relativa conferenza del Dott. Saccocci, ti assicuro che non è cosa facile, ho avuto il piacere e l'onore di partecipare a tutti e due gli eventi in passato e sarei stata felicissima di potervi partecipare anche quest'anno.

Ricordandoci la concomitanza di due anni fa con i due Convegni, Roma- Castellammare, secondo me dai ancora più valenza alla mia idea, anche allora sarebbe bastato spostare uno dei due dopo, o prima, 15 giorni e non avreste dovudo intervenire di corsa a tutti e due...che ne dici?

Quello che vorrei fare è riuscire ad ottimizzare l'organizzazione degli eventi per permettere a tutti noi, collezionisti, appassionati, studiosi e commercianti, di poter godere appieno ed al meglio di queste bellissime occasioni, senza dover rinunciare a quelle che reputiamo interessanti ed imperdibili.

Giò

Link to comment
Share on other sites


Ovviamente Giovà sto parlando in generale, non sto andando contro nessuno; inoltre la mia era una provocazione. Sono dell'opinione che per quanto antistorico possa essere in questo momento si deve fare una "rivoluzione" nella numismatica. Spostiamo l'assemblea SNI in un posto più logistico possono essere suggestivi anche il Maschio Angioino o Castel dell'Ovo... che ne possiamo sapere :D

Link to comment
Share on other sites


Il problema è indubbiamente sui grandi eventi, faccio un esempio Arslan che prepara la giornata di studi sul ripostiglio di Biassono ed è stata fissata al 9 giugno, è stata decisa in ottobre, questo te lo posso dire con certezza, ma perchè organizzare un evento con diversi relatori, anche stranieri non è cosa da poco, è una macchina che non può avere intoppi e si è posizionata per tempo in quella data.

Diversamente mentre vedo con piacere che Verona ha gia' scelto le due date per l'anno 2012, c'è un Vicenza che l'anno scorso si posiziona una settima prossima di Verona e a oggi non ha ancora deciso nulla per il 2012, queste sono le cose da cambiare o se no da convegni maggiori col tempo diverranno minori anche loro.

Altrettanto è giusto sapere quando ci sono questi eventi clou dell'anno, perchè ci sono anche tante piccole realtà, Convegni, Circoli, Associazioni che decidono i loro appuntamenti in funzione di questo, e credo che nessun Circolo Italiano vorrebbe fare una riunione il sabato del Convegno di Verona.

Così stan le cose e almeno a livello macroscopico ci vuole un coordinamento , per il bene delle loro iniziative perchè poi è vero l'utente può sempre scegliere, ma il 31 marzo 50% da una parte e l'altro dall'altra e quindi alla fine ci hanno rimesso tutti e due gli organizzatori.

Edited by dabbene
Link to comment
Share on other sites


Così stan le cose e almeno a livello macroscopico ci vuole un coordinamento , per il bene delle loro iniziative perchè poi è vero l'utente può sempre scegliere, ma il 31 marzo 50% da una parte e l'altro dall'altra e quindi alla fine ci hanno rimesso tutti e due gli organizzatori.

Hai ragione, però si deve anche vedere chi partecipa all'assemblea e chi al convegno, credo che alla fine partecipano il 90% a una e il 90% all'altra... non è che mi sono inventato le percentuali, ma sono due eventi per due target diversi... sinceramente tra il farmi le 6-7 ore o le 2 ore in auto preferisco le due ore, anche se il convegno si facesse un altro giorno, non sarei stato a Milano perchè la trasferta è troppo ardua. In realtà le due manifestazioni hanno due target diversi già alla base e secondo me è questo che è sbagliato non credi?

Link to comment
Share on other sites


Si i target sono sicuramente diversi uno accademico, ma anche divulgativo con un incontro tra Lamonetiani con la presenza del Prof. Saccocci,l'altro credo più commerciale penso, le distanze sono lontane, ma a volte quello che conta è la motivazione e può capitare che quel giorno un romano sia a Milano e viceversa ( sono sicuro che comunque inseriti in calendario con un pò di respiro in più , qui molti avrebbero partecipato ad entrambi), ecco perchè è un peccato.

Link to comment
Share on other sites


Se vogliamo contribuire ad avvicinare le tante anime della numismatica, dovremmo cercare di capire e far capire che accademici e studiosi sono benvenuti in un convegno commerciale di alto livello, e che appassionati ed entusiasti sono benvenuti all'assemblea della SNI. Invece sovrapposizioni come questa ottengono solo l'effetto di rinforzare i compartimenti stagni...

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Concordo con entrambi i punti di vista.

Paleologo ha ragiona quando auspica un maggior coordinamento. Siamo giusti, qualcosina meglio si potrebbe fare se le organizzazioni si parlassero un pò di più. E' anche vero che dovrebbe essere uno sforzo che dovrebbe riguardare i principali 5-6 eventi che hanno un richiamo più a carattere globale e non gli eventi locali che appunto hanno target più localizzati e regionali.

Un altro punto importante toccato è l'osmosi che tale coordinamento potrebbe agevolare, ma su cui invece ci sarebbe molto da lavorare. Parlo della conoscenza di studiosi di eventi più a carattere commerciale, dove la visione di molte monete potrebbe portare a spunti interessanti per l'evoluzione degli studi. E per converso, la partecipazione di operatori commerciali a conferenze/incontri ove si dia preminenza all'inqudramento piu propriamente storico e numismatico delle emissioni (saperne di più aiuta a crescere anche professionalmente).

Un altro aspetto importante è quello toccato da Layer , invero sarebbe magnifico poter agevolare la partecipazione di tutti gli associati per un'assemblea di tutti i soci ma la logistica ha purtroppo i suoi limiti. Spostando la sede si agevolerebbero alcuni soci ma sicuramente se ne svantaggerebbero degli altri. Inoltre , nel caso della SNI, è tradizione storica che l'assemblea si svolga a Milano al Castello Sforzesco (molte assemblee di società nazional non cambiano sede tutti gli anni: la Royal Numismatic Society si svolge sempre a Londra, la società nazionale francese a Parigi , l'ANS sempre a NY etc.).

Piuttosto però quello che si può, e si dovrebbe tendere a fare è quello di rendere questi appuntamenti interessanti e ricchi di spunti cosi da invogliare più soci ad intraprendere la trasferta. La piccola iniziativa della "giornata del Grosso" vuole iscriversi proprio nel novero di questo tentativo.

Vi è una crescente domanda "culturale" , e il forum ne attesta la dinamicità, che va cercando un'offerta che sia in grado di soddisfarla. La gente non cerca solo una moneta , ma vuole anche sapere la "storia" che vi è dietro, il contesto,com'è nata, le storie che può raccontare, perche ci può dire tante cose su "come" vivevano gli uomini e donne che ci hanno preceduto e questo per molti di noi è interessantissimo. Queste domande sono dietro la vivacità di certe discussioni proprio qui sul forum. E' a queste domande che a mio avviso dobbiamo sforzare di dare risposta per catturare l'interesse di quanti si appassionano e insieme far crescere l'interesse culturale che sta dietro la moneta.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


si potevano incorporare i due eventi in un unico evento importantissimo a quel punto non trovi? ma sono tutte le speranze del collezionista queste :D

Su questo non sono d'accordo Layer, sono due eventi molto differenti, ad un Convegno si può accumunare una conferenza, una mostra, ma l'assemblea di una associazione è quasi un avvenimento "privato", anche se ho avuto la netta impressione che alla SNI i non soci sono sempre ben accetti...sopratutto se interessati alla Numismatica.

Giò

Link to comment
Share on other sites


una persona che però dovrebbe avere un certo peso (e forse anche un buon nome) tra le associazioni, ricordiamoci che una buona percentuale di queste ha uno spirito ancora elitario...

Temo che la quotata precisazione non sia peregrina.

Io, comunque, da modesto appassionato...non ho dubbi su dove andare il 31 marzo, anche perchè il panorama che si gode dalla location NIP sui monumenti dell'Appia antica è notevole. Un valore culturale aggiunto...impagabile.

:)

Edited by piakos
Link to comment
Share on other sites


.....

Vi è una crescente domanda "culturale" , e il forum ne attesta la dinamicità, che va cercando un'offerta che sia in grado di soddisfarla. La gente non cerca solo una moneta , ma vuole anche sapere la "storia" che vi è dietro, il contesto,com'è nata, le storie che può raccontare, perche ci può dire tante cose su "come" vivevano gli uomini e donne che ci hanno preceduto e questo per molti di noi è interessantissimo. Queste domande sono dietro la vivacità di certe discussioni proprio qui sul forum. E' a queste domande che a mio avviso dobbiamo sforzare di dare risposta per catturare l'interesse di quanti si appassionano e insieme far crescere l'interesse culturale che sta dietro la moneta.

Sono veramente contento di leggere queste Sue considerazioni...numa.

In quanto, in altre discussioni di questo Sito, peraltro reperibili...Lei aveva esplicitato, anche con qualche decisa (e forse inopportuna) ruvidezza opposto parere.

Mi sembra di rammentare una Sua frase che suonava più o meno come segue:

...qualora non l'avessi capito qui si parla di monete!

La Sua frase voleva dissentire da un excursus storico/numismatico da Lei definito divulgativo...che appunto voleva portare contributi esplicativi, storici e culturali...in stretta correlazione con alcune monete della Sicilia antica.

Prenda questa mia nota come vivo apprezzamento e congratulazione per questo Suo diverso odierno orientamento...fuori da qualunque spirito polemico.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.