Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
miglio81

GC Come pulire questa moneta?

Risposte migliori

miglio81

In questi giorni ho visto molte discussioni riguardanti la pulitura di monete.

Io non ho mai pulito una moneta, sarà perchè non ne ho mai comprate da pulire, o sarà perchè sono timoroso di rovinare queste opere d'arte.

Nel complesso sono contrario, ma leggendo e rileggendo nel forum i vostri consigli, ho deciso di postarvi una moneta, che potrebbe essere "liberata" da una crosta che vela la sua bellezza...

Che consigli mi dareste per liberare il volto di Aphrodite da questa crosta???? :wub:

Aspetto con ansia le vostre risposte! :P

post-981-1139622273_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

A bagno in acqua demineralizzata per almeno 10 ore, poi si spazzola con uno spazzolino a setole morbide, se le incrostazioni persistono lente di'ingrandimento almeno 10 x un bisturi e via a scrostare pian piano.

Lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Grazie mille Daniele, sperimento subito! :happyspoonboy:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Graccanvs

Cmq + la tieni in acqua e meglio è! Mi raccomando attenzione quando scrosti! ;-D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

galba

Devi fare mooooolta attenzione con il bisturi, perchè l'argento è molto morbido e la moneta potrebbe rigarsi facilmente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Spero di evitare "il piano B"....e che basti "il piano A".... :lol:

Comunque posterò, appena posso, il risultato... ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alexxx

Navigando su internet avevo trovato questo:

Il restauro delle porte

STATO DI CONSERVAZIONE - Nel corso del restaurosi sono evidenziati almeno due precedenti interventi. Uno molto accurato, probabilmente risalente all’inizio del XX secolo, l’altro più superficiale e grossolano, forse da situare intorno alla metà del secolo scorso.

Le porte presentavano uno spesso strato di accumuli di depositi superficiali di vario genere, cere, protettivi e ritocchi alterati, lacune, fessurazioni e segni di attacchi di insetti xilofagi.

INTERVENTO - Si è provveduto a rimuovere i depositi superficiali incoerenti con pennellesse e spazzole morbide. Si è poi proceduto alla disinfestazione del legno mediante infiltrazioni con antitarlo a base di permetrina.

La pulitura è stata effettuata con diverse miscele di solventi:

- miscela di acqua, alcool, acetone in proporzione 1:1:1 oppure 1:3:3

• -miscela di alcool, acetone in proporzione 1:1 oppure 1:2

• -miscela di acqua, alcool, acetone, ammoniaca in proporzione 1:3:3:1

- rimozione con mezzi ad azione meccanica (bisturi e specilli dentistici) degli accumuli di protettivi alterati e di stuccature e inserti non idonei per morfologia e/o composizione.

Il consolidamento e fissaggio degli elementi decoesi è stato effettuato con resine acriliche e viniliche in opportuna diluizione, mentre le fessurazioni, ove ritenuto necessario, sono state risarcite con inserti di legno. Si è provveduto anche alla chiusura dei fori di farfallamento con cere naturali appositamente colorate, lì dove le piccole lacune interferivano nella lettura dell’opera. Alcuni circoscritti e ben individuati elementi mancanti sono stati ricostruiti in legno intagliato.

Si è provveduto infine alla reintegrazione cromatica degli inserti lignei e delle lacune con colori a vernice per restauro Maimeri e alla protezione finale con gommalacca naturale decerata in alcool etilico.

....se quelle miscele andavano bene per le porte in legno, credo che per le monete non ci siano problemi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alexxx

anzi, ripensandoci forse no :huh:

l'acetone è un pò forte, e rischierebbe di rovinare il metallo... l'unica cosa è provare su qualche catorcio o su qualche centesimo di Euro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Fai con l'elettrolisi e non toccarla perchè l'argento si riga solo a guardarlo!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti
Fai con l'elettrolisi e non toccarla perchè l'argento si riga solo a guardarlo!!!

97331[/snapback]

però c'è il rischio che nel punto di contatto con i fili di rame si formino degli sgradevoli aloni scuri difficili da togliere.

Io sarei sempre propenso per acqua distillata e bisturi.

per crearsi da soli un ottimo strumento per la pulizia: Matita portamine 0,5 mm, si toglie la mina ed eventualmente il puntale metallico dove scorre la mina e si inserisce come mina un ago limato a 45°, funziona molto bene.

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Allora, con acqua demineralizzata e spazzolino, non riesco a pulirla, qualcosa è venuto via ma è una crosta durissima.

Per quanto riguarda l'elettrolisi, ho fatto una prova su una moneta d'argento di valore nullo e per due o tre minuti, una faccia è quasi scomparsa....

per fortuna che ho fatto la prova su una monetaccia...

Non sembra nenache più argento.

Io non ho esperienza, ma secondo me l'elettrolisi va usata su rame e bronzo...

Come posso fare per questa "povera" dracma!? :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Quello che chiami crosta durissima è del piombo se non vuoi usare l'elettrolisi vera puoi anche usare cartastagnola - limone e acqua demineralizzata calda.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Ok ma in che modo le devo usare?

Siamo sicuri che non ci sono pericoli per la moneta!? :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

william

io per non rovinare la moneta mi affiderei ad un sperto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

Io poverei a congelarla in acqua demineralizzata.

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla
Io poverei a congelarla in acqua demineralizzata.

lele

99501[/snapback]

In attesa di tempi migliori o tecnologie adeguate???? :D :D :D

No scherzo questa di congelarla non la sapevo e cosa fà se si congela?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Daniele confermi??? Hai già testato il procedimento??? Hai avuto buoni risultati?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azzogsal

cosa fà se si congela? si conserva fresca la patina e le incrostazioni!

scherzo naturalmente curiosa sta cosa che dice daniele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cori
Daniele confermi??? Hai già testato il procedimento??? Hai avuto buoni risultati?

99544[/snapback]

ciao sto pulendo una serie di monete incrostate, proprio Daniele mi ha consigliato di congelarle...e funziona!!! la moneta va lasciata nell'acqua demineralizzata in modo che il liquido possa penetrare nell'incrostazione, l'acqua ghiacciandosi aumente di volume e provoca il distacco della crosta...io sto lavorando con questo metodo e ti assicuro che proprio le croste sono le prime che si staccano senza rovinare le patine del bronzo...sull'argento dovrebbe essere ancora meglio.Marco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

azzogsal

azz...non si finisce mai d'imparare

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

Esatto, cori ha già spiegato tutto. E' un procedimento lento da non usare con monete con patina fragile o già parzialmente distaccata, altrimenti si alza pure quella però funziona abbastanza bene, dopo ogni "congelata" noto sempre una quantità di nuovi pezzettini di crosta attorno alla moneta. Usare sempre acqua demineralizzata.

Lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Molto interessante voglio provare, ma per tutti i tipi di monete, tipo bronzo o argento? :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miglio81

Ok ragazzi, siete sempre mitici!!! Oggi proverò anche questa!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

dai che son curioso prima di provare sulle mie!!!! :D :D

no dai, scherzo, io lo faccio spesso ma son curioso di sapere se ha funzionato.

Lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×