Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
ggpp The Top

Asse Pompeo

Risposte migliori

ggpp The Top

Ah, stavolta me la identifico io: grazie catalogo di lamoneta! :D

La moneta in questione ha il cartellino in inglese, tra i dati del commerciante vi è la via ed in fine la località: LONDON.

Pompeo Magno era figlio di Gneo Pompeo Strabone, un uomo estremamente ricco proveniente dal Piceno. Questo ramo della famiglia dei Pompei era tradizionalmente rurale, il che lo sottoponeva inevitabilmente ai pregiudizi della élite cittadina. La sua famiglia aveva raggiunto il consolato per la prima volta solo 35 anni prima. Di conseguenza aveva un lignaggio rispettabile ma di recente nobiltà, un leggero neo che lo ha segnato durante tutto la sua competizione politica con i più potenti patrizi di Roma.

Suo padre, Pompeo Strabone, era un importante generale ed il primo della famiglia a diventare senatore, essendo stato eletto l'89 a.C.Pompeo crebbe con suo padre negli accampamenti militari, coinvolto con l'esercito e gli affari politici. Strabone aveva combattuto prima con Gaio Mario, poi con Lucio Cornelio Silla nelle guerre civili dell'88-87 a.C. A 17 anni, Pompeo era oramai completamente coinvolto nelle guerre di suo padre. Inoltre aveva un suo protetto, un giovane ufficiale suo coetaneo, Marco Tullio Cicerone. Secondo Plutarco, favorevole a Pompeo, era un giovane popolare, considerato un po' simile ad Alessandro Magno.

Cr. 479/1

D/ MGN Testa di Giano con le sembianze di Pompeo

R/ PIVS prora di galera romana

Chiedo pareri ed una stima, chiedo scusa per le scansioni che ne peggiorano lo stato, di molto anche... :unknw:

scansione0010o.jpgscansione0008g.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Salve ggpp The Top. :)

Complimenti per l'esemplare: in effetti le scansioni appiattiscono un po' i rilievi, ma si possono ancora apprezzare, soprattutto il volto di Pompeo come Giano Bifronte al D/. Sapendo che le scansioni non rendono, la giudicherei come MB+/qBB stimandola intorno ai 150 euro.

Una curiosità: nel 1843 il Riccio dava questa moneta come Comune e la valutava 4 carlini. :D

Modificato da Caio Ottavio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ggpp The Top

Comunque viene data per comune tutt'ora. :) Ti ringrazio, è l'esemplare di cui ti parlavo... l'ho solo pagata molto meno... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Sì, appena l'ho visto me ne sono ricordato! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciosky68
Supporter

ciao, ma la moneta che posti è di sesto pompeo figlio del MAGNO...

(ne ho uno uguale)

Pompeia 20

sear5 #1394 Sextus Pompey Æ As. Sicilian Mint, 43-36 BC. MAGN above laureate janiform head with features of Pompey the Great / PIVS above, IMP below, prow of galley right. RPC 671, Pompeia 20, Cr479/1, Syd 1044a.

SESTO POMPEO era il figlio più giovane di Gneo Pompeo Magno e della sua terza moglie, Mucia Terzia. Il fratello maggiore era Gneo Pompeo, figlio della stessa madre. Entrambi i ragazzi crebbero all’ombra del padre, uno dei migliori generali romani e inizialmente un politico favorevole ai populares (formò il Primo triumvirato con Gaio Giulio Cesare e Marco Licinio Crasso) e che passò ai conservatori quando Cesare divenne una minaccia per il partito degli optimates.

Quando Cesare attraversò il Rubicone nel 49 a.C., dando così inizio alla guerra civile, Gneo seguì il padre in Oriente, come fece la maggior parte dei senatori conservatori, mentre Sesto rimase a Roma, prendendosi cura della matrigna, Cornelia Metella. L'esercito di Pompeo perse la battaglia di Farsalo nel 48 a.C. e lo stesso Pompeo Magno dovette fuggire per salvarsi la vita. Cornelia e Sesto lo incontrarono nell'isola di Mitilene e insieme fuggirono in Egitto. Al loro arrivo Sesto assistette all’assassinio del padre, ordinato dal fratello di Cleopatra, re Tolomeo XIII (29 settembre 48 a.C.).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ggpp The Top

Ops, ho sbagliato è il figlio! Ti ringrazio della precisazione :good: Una stima a parer tuo? Grazie ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caio Ottavio

Questa moneta fu coniata dal figlio, Sesto Pompeo Magno Pio, ma riporta il ritratto del padre, Cneo Pompeo Magno, come Giano Bifronte al D/. Quindi, io considererei utili entrambi gli interventi: ggpp The Top ha dato alcune notizie sulla figura di Pompeo Magno effigiato sulla moneta, mentre Ciosky ne ha fornite altre sull'autorità emittente del suddetto esemplare. :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ggpp The Top

mi è capitato tra le mani quest'asse che se non erro è a nome del fratello Cneo.

Gneo Pompeo era il figlio maggiore di Pompeo Magno e della sua terza moglie Mucia Tertia. Sia lui che il fratello minore Sesto crebbero all'ombra del padre che era uno dei migliori generali di Roma, e che inizialmente non era schierato con gli Ottimati ma che si alleò con questi quando ruppe con Cesare. Quando Cesare passò il Rubicone nel 49 a.C., dando così inizio alla guerra civile, Gneo seguì il padre nella loro fuga verso est, come fece la maggior parte degli Ottimati. L'esercito di Pompeo fu sconfitto nella battaglia di Farsalo nel 9 agosto del 48 a.C., e Pompeo stesso dovette fuggire per salvare la vita ma fu assassinato in Egitto il 29 settembre dello stesso anno.

Dopo l'omicidio, Gneo e suo fratello Sesto si unirono alla resistenza contro Cesare nella provincia d'Africa. Insieme a Metello Scipione, Catone l'Uticense e altri senatori, si prepararono ad opporsi a Cesare e al suo esercito fino alla fine. Cesare sconfisse Metello Scipione e Catone, che successivamente si suicidò, durante la battaglia di Tapso 46 a.C. Gneo scappò ancora una volta, questa volta alle Isole Baleari, dove si unì a Sesto. Insieme a Tito Labieno, generale precedente nell'esercito di Cesare, i fratelli Pompeo attraversarono la Spagna romana (la penisola iberica, che comprende gli attuali Spagna e Portogallo), dove formarono un'altra armata.

Cesare li inseguì e il 17 marzo, 45 a.C., gli eserciti si scontrarono nella battaglia di Munda. Entrambi i fronti erano ben guarniti e condotti da abili generali. La battaglia fu uno scontro equilibrato, ma alla fine una carica della cavalleria di Cesare cambiò la situazione a suo favore. Nel corso della battaglia e nella fuga atterrita che ne seguì morirono Tito Labieno, insieme a circa 30 000 uomini tra i pompeiani. Gneo e Sesto riuscirono di nuovo a scappare. Tuttavia, questa volta, fu difficile trovare dei sostenitori perché era ormai chiaro che Cesare avrebbe vinto la guerra civile. In poche settimane Gneo Pompeo fu catturato e giustiziato per tradimento. Anche Sesto Pompeo riuscì a precedere i suoi nemici e sopravvisse al fratello maggiore per alcuni anni. Sua moglie Claudia Pulchra, sorella della prima moglie di Marco Giunio Bruto, anch'essa Claudia.

Pareri?

scansione0019r.jpg

scansione0014.jpg

Saluti, ggpp :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciosky68
Supporter

bello....

R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fabiodag

Ciao, anche io ce l'ho questo! :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L. Licinio Lucullo

Complimenti @@fabiodag , è una moneta interessante.

Le ultime coniazioni regolari di assi si ebbero verso l'anno 84 (RRC 354/2, 354/3 e 355/1), dopo di che ci fu un'ultima emissione a cura di Silla, nell'82 (368/1) e poi, per oltre 35 anni, niente più. Possimao immaginare la penuria di circolante che ne seguì.

Le emisioni di assi furono riprese solamente dai figli di Pompeo, con una serie di emissioni (471/1, 478/1 e 479/1) che avevano un duplice scopo: destinate a diffondersi sui mercati che avevano "fame" di spiccioli, avrebbero portato con sè il ricordo del defunto generale alimentando, o almeno così speravano i suoi figli, la causa politica della fazione che a lui si ispirava.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fabiodag

Grazie @L. Licinio Lucullo, anche se purtroppo non è in buone condizioni..... Certo, i suoi anni ce li ha!

post-12956-0-45893900-1360350727_thumb.j

Modificato da fabiodag

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L. Licinio Lucullo

Il mio è peggiore!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×