Jump to content
IGNORED

lirazza 1797


andrea keber
 Share

Recommended Posts

buon giorno in internet non trovo nulla su questa moneta anonima di Venezia

lirazza 1797 il cui peso è però di 5,8 grammi , diametro 3 cm

si tratta forse di mistura che mano a mano che le cose precipitavano si vedeva abbassare sempre di più il titolo di metallo nobile?

grazie

http://www.medagliem...id_product=1801 ??? :unknw:

post-23720-0-66701700-1329564556_thumb.j

Edited by andrea keber
Link to comment
Share on other sites


Supporter

Buona giornata

La "Lirazza" anonima del 1797 era in mistura con un titolo d'argento dello 0,450 e del peso medio di gr. 7,50. Non ci siamo quindi con il peso di quella da te postata; quasi gr. 2 di differenza sono troppi, anche perchè dalla foto non sembrerebbe tanto tosata da giustificare un simile ammanco.

Queste sono le caratteristiche citate dal Gamberini. Lo stesso cita anche una "prova" in rame, ma uguale alla precedente per iconografia, il cui peso dovrebbe essere di gr. 7,00. Anche qui non ci siamo.

Singolare il pezzo inserito in Monete e Medaglie, che ha la giusta identificazione data dal Gamberini nel suo "Prontuario Prezziario", ma il peso è differente.

Vale la pena indagare.....

Saluti

Luciano

Link to comment
Share on other sites


Buongiorno Andrea

sposto la tua interessante discussione nella sezione di competenza e dove potrà essere sguita con maggiore attenzione.

Grazie, Luciano, per il tuo intervento.

Cari saluti

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Buon pomeriggio

Ho ricercato un po' su cataloghi d'asta ed internet ed ho trovato una moneta come la tua (non giudico la conservazione poichè la tua foto non è chiarissima al riguardo) nell'asta 41 di Inasta.

Maledettamente (come quasi sempre sui cataloghi) non è riportato il peso...peccato. Stranamente non cita il fatto che possa essere una prova (quella così definita dal Gamberini), dice che è rara e in condizione BB+ è stata offerta a €. 50,00 però non ha avuto aggiudicazione.

Saluti

Luciano

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ach! Quel catalogo non ce l'ho......e meno male, avrei dilapidato lo stipendio!!!

Beh, non resta che vedere la foto corrispondente al lotto....se c'è qualche forumista che l'ha conservato e ci posta l'immagine.

Stento a credere che dalla zecca siano uscite monete in lega non conformi alle disposizioni; in questo c'era una attenzione esagerata.

Certo che se fosse stata coniata negli ultimi giorni di vita della repubblica o immediatamente dopo, nei primi giorni di governo della Municipalità giacobina, mentre i francesi si fregavano i cavalli della Basilica.....può essere, ma non lo so!

saluti

luciano

Link to comment
Share on other sites


  • 3 weeks later...
Supporter

:o :o

Buona Domenica

Certo è che da l'impressione di aver circolato molto......nonostante nel maggio dello stesso anno la Serenissima era bella che defunta. Ovviamente avrà circolato anche dopo, ma una consunzione come quella che vedo nelle nuove foto, dovrebbe essere il risultato di anni di onorato servizio.

Ma la data è proprio il 1797? dalla foto io fatico a leggerla! Anzi, tolte le prime due cifre, l'1 e il 7 e l'ultimo 7, che riesco a leggere, io il 9 non ce lo vedo proprio, mi sembra un 4 o un 6

Le nuove foto che hai postato, in definitiva, non mi hanno tolto i dubbi

Saluti

Luciano

Link to comment
Share on other sites


Salve a tutti,

questo problema del peso non conforme, calante, ecc., mi ha incuriosito e sono andato a rivedermi e verificare quello delle lirazze che possiedo.

Premesso che il peso "ufficiale" che rilevo dai canonici testi è di gr. 7,01, ecco quelli delle mie:

- 1722 gr. 6,88 cons. q.BB

- 1777 gr. 7,32 cons. SPL

- 1778 gr. 7,35 cons. BB

- 1796 gr. 7,20 cons. BB+ (frattura di conio, diametro inferiore di ca 2 mm).

Un amico ne possiede alcune con altri pesi, in particolare un paio che comunque sono falsi d'epoca (penso sia stato un taglio preso molto di mira) con peso intorno ai 5 gr. e metallo che sembra rame argentato o giù di li.

Come già detto su altre discussioni, negli ultimi anni della Repubblica si ebbe un progressivo scadimento della qualità dei conii, dal soldone allo zecchino: incisioni scadenti ed evanescenti, s-centrature, tondelli malformati, pesi sballati, immagini poco curate. Non mi stupisce quindi vedere pezzi così palesemente difformi.

Buona serata. Silvano

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ciao Silvano

buona l'idea di pesarle; appena posso lo faccio anch'io con le due che possiedo e li posto. Non risolveremo la questione, perchè sono certo che troveremo una babele di pesi diversi, ma almeno possiamo creare una sorta di statistica.

Mi lascia perplesso il peso "canonico" che hai citato; gr. 7,01 mi sembra bassino; difatti quelle che hai hanno un peso ben superiore; io per praticità avevo guardato sul Gamberini e lui riporta un peso medio di gr. 7,50.

Saluti

Luciano

Link to comment
Share on other sites


grazie ad entrambi, Luciano: la data è proprio 1797 ! Silvano : allora potrebbe trattarsi di un falso d'epoca?

Link to comment
Share on other sites


Supporter

grazie ad entrambi, Luciano: la data è proprio 1797 ! Silvano : allora potrebbe trattarsi di un falso d'epoca?

Questo è il mio dubbio <_<

Link to comment
Share on other sites


E si Luciano,

sono andato a rivedermi il Paolucci per quanto riguardo il peso.

A pagina 142 de "la zecca di Venezia" al n. 744 per la lirazza vengono riportati: argento 434/000, diam. 31 mm. peso gr. 7,01.

Andandomi però a rileggere la descrizione a pag.133, stesso volume, testualmente leggo:

L'utima deliberazione , 9 maggio 1722, riguardante la monetazione anonima, istituì la lira di trenta soldi (lirazza) ed il cinque soldi (trairo). Le lirazze, derivanti dai lironi (o 10 gazzette aggiungo io) del 1571 con titolo 478/000 e gr. 8,28, già ridoti di intrinseco nel 1625 con titolo 460/000, con deliberazione del 1722 subirono una prima ulteriore diminuzione sia di peso che di intrinseco (titolo 434/000 e gr. 7,44 di peso) e, qualche anno più tardi, una seconda del solo titolo.

Tale precisazione risulta parimenti a pag. 902 vol. III : quindi gr. 7,44.

Ho in buona fede riportato un refuso. Chiedo venia.

Silvano

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Buona serata

come promesso ho recuperato i miei due esemplari, dei quali do il relativo peso:

1722 A.Mocenigo III- MB/BB = gr.5,82 Asta Nomisma nr. (non l'ho scritto :nea: ) lotto 4761

1767 A.Mocenigo IV - BB = gr. 6,83 Asta Nomisma nr.24 - 2178

Bella differenza, vero? Come volevasi dimostrare......

Saluti

Luciano

Link to comment
Share on other sites


sulla moneta non mi pronuncio, non è la mia monetazione anche se mi affascina!

Ma volevo chiedervi perché si chiama lirazza (non l'avevo mai sentito!)? <_<

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Buona serata

è un termine che venne data a questa moneta, per distinguerla dal "Lirone", che era molto simile ed equivaleva a 10 gazzette.

E' semplicemente un termine popolare, senza che sottenda un significato particolare.

saluti

luciano

Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...

525]
-venezia repubblica

65]
-
monetazione anonima ( decreto 9 maggio 1722 )

TIPO--------------------- -lira detta lirone da 30 soldi

65] anno---------------------
1796

65] METALLO------------- -argento

65] GRAMMI--------------- -7,221

65] CONSERVAZIONE--- -splendida grado 4 (da 1 a 4)

65] DIMENSIONI in mm.- -32,162

65] GRADO di RARITA’ -  Comune - 
Non Comune
-  R. 1 -  R. 2 -  R. 3 -  R. 4 - 

65] Caratteristiche: --

Eccomi....un po' in ritardo

il file dell'immagine e' troppo grande.

Comunque, per vedere la moneta in questione originale se lo desidera, entri nel mio sito: rolandomirkobordin.jimdo.com

alla voce: prossimi dogi.

un saluto a lei e all'amico luciano.

a presto...

Rolando Mirko Bordin

Link to comment
Share on other sites


scusa tanto ma come fai ad avere l'originale visto che in questo momento io ce 'ho in mano ? spiegameLo?????????

Link to comment
Share on other sites


5,8 grammi , diametro 3 cm questa e la mia in rame non in mistura

Edited by andrea keber
Link to comment
Share on other sites


  • 3 weeks later...

Ho tre esemplari della lirazza del 1797 ed un esemplare in rame a mio giudizio falso d'epoca molto simile per stile a quello postato. Questo esemplare ex collezione Gavazzi di Milano era classificato come prova in rame del 1797 pesa 6,112 gr.

(ex Santamaria 18.3.1937 lotto 262 data per RRR e mancante al CNI); ma non ci sarebbe ragione di considerarla una prova, non cambia ne il tipo ne è una nuova emissione.

Gli esemplari in argento di titolo 0,434 rif. Paolucci 744 (il 1797 non è in elenco) pesano gr. 7,421 (ex Nomisma 36), gr. 7,56 l'esemplare ex G. Morchio del 1900 per £. 1,50 poi Zoppola (CNI 660 questa) ed un terzo esemplare ex collezione Signorelli 1954, lotto 664 del peso di 7,214 in conservazione MB.

Il CNI presenta a sua volta per il 1797 da oltre all'esemplare della collezione Zoppola anche il 558 per gr. 7,37, ed il 659 con lo stesso peso.

Nella collezione Papadopoli la lirazza 1797, n. 7978 pesa gr. 7,37.

Collezione Conte Dino Lucheschi un esemplare del peso di 7,33 grammi .

Certo non è il panorama dell'emissione e sarebbe poco serio trarre conclusioni da un numero così esiguo di esemplari ma ... non uno solo di peso inferiore ai 7 grammi se non il falso d'epoca o prova con beneficio d'inventario.

I pesi variano da emissione ad emissione ed è per questo che mi sono limitato all'anno 1797.

Edited by picchio
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.