Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
divide et impera

Delfino, tripode, corvo

In relazione al denario di Vitellio: D/ A VITELLIVS GERMANICVS IMP, testa di vitellio rivolta a destra; R/ XV VIR SACR FAC, tripode con un delfino sopra ed un corvo sotto; RIC 70, di cui allego un link di riferimento,

http://www.cngcoins.com/Article.aspx?ArticleID=259

ho trovato una descrizione interessante del rovescio, che mi è sembrato molto particolare. La riporto per intero, nell'italiano dell'epoca in cui è stata scritta: "Fra gli ufficj diversi che appartenevano al culto presso a’ Romani, questo pur v’era, i di cui ministri denominavansi Quindecemviri sacris faciundis. Loro solenne ispezione era di esplorare ne’ Libri Sibillini, a’ quali ripieghi si dovesse metter mano, allorché Roma si trovava in grave periglio. Il tipo ha perciò una piena relazione ad Apolline; perchè il tripode serviva alla Sacerdotessa, che seduta in Delfo annunziava gli oracoli; perchè il Delfino era quel pesce da cui avea preso il nome quella Città Capitale di Apolline; e perchè il corvo soleva mettersi a fianco di quel Nume in qualità di uccello presago dell’avvenire. Vitellio si appigliò a codesto tipo, perchè avanti di ascendere al trono copriva la dignità sacerdotale di Quindecemviro".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante spiegazione, grazie.

Il tipo è stato ripetuto anche su denari di Tito e Domiziano tra l'80 e l'81 d.C..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante spiegazione, grazie.

Il tipo è stato ripetuto anche su denari di Tito e Domiziano tra l'80 e l'81 d.C..

Anche Tito e Domiziano erano stati Quindecemviri prima di divenire imperatori? Oppure il tipo è stato riproposto per tradizione, come in altre circostanze?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tito e Domiziano rivestirono entrambi la carica di Pontefice Massimo, come attestato anche dalle monete.

Non ricordo di aver letto se in precedenza furono anche membri del collegio dei Quindecemviri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tito e Domiziano rivestirono entrambi la carica di Pontefice Massimo, come attestato anche dalle monete.

Non ricordo di aver letto se in precedenza furono anche membri del collegio dei Quindecemviri.

Non riesco a trovare esempi dei tipi analoghi a quelli da te citati di Tito e Domiziano. Potresti darmi una mano per trovarli? Per Tito ho trovato delfino e tripode, in assenza di corvo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

potresti riportare il riferimento bibliografico di quando riportato nel tuo primo post.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di Tito al momento ho sottomano solo esemplari con tripode e delfino, senza corvi.

Di Domiziano c'è questo RIC 5.

post-22231-0-26824900-1336312987_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

potresti riportare il riferimento bibliografico di quando riportato nel tuo primo post.

Grazie

RIC I 70; BMCRE 3; RSC 115.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

potresti riportare il riferimento bibliografico di quando riportato nel tuo primo post.

Grazie

RIC I 70; BMCRE 3; RSC 115.

Grazie, ma parlavo della spiegazione del rovescio.

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di Tito al momento ho sottomano solo esemplari con tripode e delfino, senza corvi.

Di Domiziano c'è questo RIC 5.

post-22231-0-26824900-1336312987_thumb.j

Grazie infinite. Si può apprezzare l'interessante elaborazione dei tipi rispetto a Vitellio, in senso artistico, mantenendone inalterato il simbolismo religioso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

potresti riportare il riferimento bibliografico di quando riportato nel tuo primo post.

Grazie

RIC I 70; BMCRE 3; RSC 115.

Grazie, ma parlavo della spiegazione del rovescio.

ciao

Scusa. Il riferimento è: "Lezioni elementari di numismatica antica" dell'Abate Heckel, tradotte dal tedesco da F.Caronni, Stamperia Pagliarini, Roma 1808. Reperibile su:

http://it.wikisource.org/wiki/Pagina:Lezioni_elementari_di_numismatica_antica.djvu/1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?