Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Arka

I mercanti in epoca longobarda

In questi giorni sto leggendo una storia longobarda di Stefano Gasparri da poco arrivata nelle librerie. In un capitolo dedicato all'esercito e in particolare alla leva, l'autore dice che la chiamata alle armi veniva fatta in base alla ricchezza. La cosa interessante è il fatto che la ricchezza si distingueva tra due tipologie: rendita fondiaria e rendita mercantile.

Ricordo che già Bernareggi (1960) aveva scritto che i mercanti fossero molto più importanti di quanto si credesse fino ad allora. Ma se la ricchezza mercantile era citata con quella fondiaria, doveva essere veramente notevole. E forse i secoli bui non erano così cupi come li dipingono...

Arka

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

In questi giorni sto leggendo una storia longobarda di Stefano Gasparri da poco arrivata nelle librerie. In un capitolo dedicato all'esercito e in particolare alla leva, l'autore dice che la chiamata alle armi veniva fatta in base alla ricchezza. La cosa interessante è il fatto che la ricchezza si distingueva tra due tipologie: rendita fondiaria e rendita mercantile.

Ricordo che già Bernareggi (1960) aveva scritto che i mercanti fossero molto più importanti di quanto si credesse fino ad allora. Ma se la ricchezza mercantile era citata con quella fondiaria, doveva essere veramente notevole. E forse i secoli bui non erano così cupi come li dipingono...

Arka

Infatti ho sempre contestato quest'affermazione. Ogni era ha luci e ombre.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Interessante spunto Arka che meriterebbe degli approfondimenti.

Concordo sulle luci e ombre di ogni era ; anche Roberta Pardi ne parla,anche se non è un tema centrale,

in " Monete Flavie e Longobarde ",il periodo è quello di Liutprando, il re ha rapporti diretti con i nobili e i potenti del posto , che in cambio delle fedeltà ricevono donazioni di terre.

Quindi sicuramenti possidenti terrieri con le proprie rendite e la loro posizione sociale e di potere conseguente,ma aggiunge sempre la Pardi che Liutprando prende consapevolezza della crescente importanza dei mercanti e della loro mobilità, in quanto si spostavano molto sia da una città all'altra che fuori del Regno.

Le città diventano importanti sia per i nuovi edifici che per ostentazione della ricchezza ; esempio Milano viene citata come " alta urbs " per edifici, riti ecclesiastici e ricchezza del mercato.

In Liutprandi Leges VIII, si legge "la crescita del volume dei commerci è testimoniata dal prestito ad interesse e dall'esistenza di patrimoni costituitisi indipendentemente dall'eredità".

Quindi sicuramente da quello che riporta la Pardi, rendite fondiarie, mercanti che si muovevano molto anche fuori del Regno, mercanti anche usurai e qui ci riallacciamo all'altra discussione sul mercante usuraio del Medioevo anticipando i tempi anche all'era longobarda della pratica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?