Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  

Risposte migliori

min_ver

Si tratta - a mio avviso - di una delle monete cui è più difficile assegnare una conservazione oggettiva.

Ho visto dei BB scarsi valutati SPL e viceversa. E di questa soggettività risentono spesso le quotazioni e le richieste commerciali. Inoltre su 100 esemplari, 90 sono BB o inferiori, 9 SPL "vero" e solo uno - statisticamente - si può valutare qFDC o QFDC/FDC.

Chiedo agli esperti del settore, avendo entrambe le varianti, una un normalissimo BB ed una - ereditata - che il perito ha classificato qFDC se i parametri di valutazione di questa moneta si esauriscano con il contare i riccioli d'oro di Murat e le venature delle foglie :rofl: oppure se mi possono suggerire ulteriori parametri di valutazione tra cui, naturalmente, l'assenza di colpi al bordo.

Grazie a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alberto Varesi

Come in tutte le monete, i punti maggiormente in rilievo sono il termometro che indica lo stato di usura del pezzo.

Quindi i riccioli al diritto e le foglie della corona al rovescio, ma anche la brillantezza dei fondi ha il suo bel peso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

Ciao giusto per un confronto e per far osservare qualche foto.....questo è l'esemplare in condizioni Spl passato alla Civitas Neapolis lotto n.694

post-21354-0-21120600-1346175652_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

BiondoFlavio82

Le 20 lire murattiane quando sono "fresche" hanno tendenzialmente i fondi lucenti...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

http://www.sixbid.com/nav.php?searchall=murat&p=searchallsales

Ecco qui qualche paragone, ultimamente ne stanno venendo fuori parecchie di 20 e 40 lire, conviene quindi scegliere il meglio e pagare il giusto quelle di conservazione media. Concordo con Varesi, il punto critico è la basetta, poi c'è da dire che entrambe le tipologie auree di Murat sono classificate giustamente da Gigante come III classe, vale a dire, monete difettose nella quasi totalità ...... per cui trovarla priva di difetti è davvero un'impresa. I difetti maggiormente riscontrati sono: debolezze, bordo deturpato, piccoli graffi. Nell'asta Civitas Neapolis del 2003 c'era una 20 lire con i fondi lucenti ma con debolezza di conio centrale coincidente con basetta del re e scritta centrale al rovescio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alberto Varesi

Ciò che chiamiamo rosa, anche con un altro nome, conserva sempre lo stesso profumo.

Prendendo spunto dal grande Shakespeare direi quindi che una moneta, comunque la si voglia classificare, BB o SPL o BB/SPL ecc. ecc., deve mantenere comunque il suo "profumo" ovvero un prezzo adeguato.

Compero un fascetto a 1000 € ? Poco importa se per un perito é SPL, per un'altro SPL+ e per un'altro ancora SPL/FDC. Ciò che conta é che abbia pagato un prezzo congruo e pertanto quando (e se) la rivenderò potrò riprendere i miei soldi o comunque andarci molto vicino.

Condivido il pensiero di chi ha scritto che, alla fin fine, la moneta deve piacere. Punto.

Fossilizzarci sullo stato di conservazione indicato dal venditore non torna a vantaggio dell'acquirente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alberto Varesi

La capigliatura sembra si muova da quanto è stata ben impressa!

Non per niente quello di Gioacchino é considerato il più bel ritratto dell'800 ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

Compero un fascetto a 1000 € ? Poco importa se per un perito é SPL, per un'altro SPL+ e per un'altro ancora SPL/FDC. Ciò che conta é che abbia pagato un prezzo congruo e pertanto quando (e se) la rivenderò potrò riprendere i miei soldi o comunque andarci molto vicino.

Condivido il pensiero di chi ha scritto che, alla fin fine, la moneta deve piacere. Punto.

Fossilizzarci sullo stato di conservazione indicato dal venditore non torna a vantaggio dell'acquirente.

Ma da che parte stai ? :D Questo è un discorso da collezionista e non da commerciante !!!

Mi permetto un'osservazione, di 20 lire con i rami corti qualche esemplare straordinario l'ho visto, ma solo per il tipo a rami corti. Il 40 lire di Murat FDC è una delle monete più rare in assoluto del periodo napoleonico, per conservazione, in Italia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alberto Varesi

Sto dalla parte della semplificazione e della crescita personale di ogni collezionista.

Per me é come la crescita del neonato; devi cercare di farlo camminare con le proprie gambe, anche se sai che all'inizio qualche caduta é inevitabile, ma insisti ora insisti dopo sarà in grado di fare tutto autonomamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

La capigliatura sembra si muova da quanto è stata ben impressa!

Infatti sulle monete di Murat la capigliatura è quasi sempre ben nitida, il problema è la basetta che nel 90% degli esemplari ha sempre problemi, e per usura, e per debolezza di conio. Infatti la parte riguardante la basetta è la più alta del tondello.

Ma voi lo sapete che Murat portava le basette per nascondere le cicatrici nelle guance causate dal passaggio di un proiettile? Spero di non sbagliare episodio ma mi pare di ricordare che durante una carica di cavalleria nella campagna di Egitto Murat urlò ai suoi prodi e in quel momento un proiettile gli trapassò le due guance, Napoleone saputo dell'episodio disse scherzosamente che quello fu uno dei pochi momenti della vita di Gioacchino in cui veramente era necessario aprire bocca. :rofl:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

min_ver

Francesco è sempre un grande! Questa "spigolatura" storica mi mancava. Da lui c'è sempre da imparare qualcosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

blush20

Ti ringrazio Francesco per il cenno storico di indubbio interesse. Anch'io sapevo che tra Napoleone e Murat non vi era un gran rapporto benchè l'intervento del "bel" Gioacchino e della sua cavalleria si fosse rivelato più volte decisivo nelle diverse battaglie che il Bonaparte ebbe ad affrontare; ciò con particolare riguardo proprio alla battaglia terrestre di Abukir durante la campagna d'Egitto.

Altro dato che mi sovviene a proposito di Murat, e qui entriamo nella leggenda che non so quanto possano contenere di storicamente fondato, è la sua proverbiale attenzione all'aspetto fisico ed al vestiario...una specie di narcisista. A tale riguardo, e qui credo che siamo proprio nel mondo della fantasia, pare che nel momento in cui il plotone d'esecuzione gli si schierava innanzi in quel di Pizzo Calabro egli ebbe ancora l'ardire di raccomandarsi che non gli mirassero al viso. Pochi istanti dopo pare che un soldato del plotone, nel prendere posizione, inciampò ed esplose accidentalmente un colpo che attinse il povero Murat proprio al volto...

Ripeto credo si tratti di leggenda ma non so...a qualcuno di voi risulta una cosa del genere?

Un saluto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

In ogni caso non meritava una morte così

Anch'io che sono un borbonico convinto e sostenitore del revisionismo storico devo ammettere che era uno con i cog....i e che meritava di andare avanti con il suo regno, in un mio studio ho anche sottolineato le sue doti di sovrano e condottiero http://www.ilportaledelsud.org/med_murat_1.pdf . Il problema è che la situazione in Europa precipitò a sfavore della famiglia Napoleone ed egli venne travolto dalla storia. Ad ogni buon conto i Borbone avevano il dente troppo avvelenato per le disavventure causate loro da Murat e il loro decennale esilio forzato lontano dalla capitale, avrebbero potuto graziarlo e mandarlo in esilio, e invece lo fecero processare e condannare con una legge promulgata proprio da Murat durante il decennio francese, per questo motivo il povero Gioacchino accettò la sentenza indignato e senza dire nemmeno una parola a sua difesa. Per ulteriori approfondimenti www.murat.it

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Littore

Che avesse un'attenzione particolare nel vestirsi ci viene ricordato dai molti quadri e dal soprannome che gli fu tributato di Roi Franconi (un noto cavallerizzo del circo di allora).

Qui è ritratto, ad es. con la divisa di Maresciallo dell'Impero, a dir poco fuori ordinanza..

http://upload.wikime....PNG?uselang=it

Per quanto riguarda le doti militari, era sicuramente un soldato coraggioso, ma non un grande stratega.

Modificato da Littore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×