Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
vickydog

Il fiume Traiano. Mito o realtà ?

Risposte migliori

vickydog
Supporter

Carissimi,

si legge su molte fonti che l'imperatore Traiano scavò un canale che collegava il Nilo al Mar Rosso. (cfr Wikipedia, ma anche http://www.romanoimpero.com/2009/07/traiano-98-117.html etc.). Vorrebbe dire scavare il deserto per 65 miglia (nel punto meno distante nel basso Egitto) oppure di più: 85 miglia dove il Nilo compie un'ansa, più a Sud, nei pressi di Luxor. Deserto, tra l'altro che non è sabbioso, ma roccioso!

Sarebbe un'opera forse più imponente del canale di Panama o del tunnel del monte Bianco ! Sarà vero? Ne rimangono tracce oggi ?

Cosa ne pensate voi ?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vickydog
Supporter

Pare ci siano stati numerosi tentativi di unire il Nilo al Mar Rosso fin dai tempi dei faraoni, per ragioni soprattutto commerciali, utilizzando un "wadi" e i "laghi amari" nella parte sudorientale del delta

Ma fu aperto probabilmente solo con Dario:

After more than one hundred twenty thousand workers had died it was abandoned and left to be finished by the Persian king Darius I, who did much to encourage trade. The canal, 140 km long and 50 metres wide, was opened with great ceremony in 500 BCE

post-31626-0-03199900-1353273466_thumb.g

Ma richiedeva troppa manutenzione e Traiano...

Diodorus Siculus who lived in the first century BCE, described the canal as having been re-excavated and being very active in the time of Ptolemy [6] and it remained a major traffic artery for two centuries more. In the reign of Cleopatra, parts of the canal were blocked by sand and only the Roman emperor Trajan (98-117 CE) cleaned it out again and it was called "Trajan's river". Hadrian (117-138 CE) invested in its rebuilding and upkeep as well.

Lo possiamo vedere ancora oggi dallo spazio :)

post-31626-0-94273400-1353273505_thumb.j

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

acraf

Dopo Traiano, nei secoli successivi la manutenzione venne meno e spesso il canale fu insabbiato e dragato, per consentirne un uso almeno limitato. Il canale su poi reso di nuovo interamente navigabile da Amr ibn al-As nel 649 d.C., ma il suo utiizzò durò soli 20 anni.

Attualmente è per buona parte insabbiato e il tracciato è meglio visibile appunto dal satellite.

Solo con l'invasione francese del 1798 si pensò di nuovo di unire Mediterraneo e Mar Rosso, ma il progetto non fu avviato poichè gli ingegneri francesi, sbagliando, stimarono un dislivello tra i due mari di oltre 10 metri.

Solo dopo si accorsero dell'errore e con grandi sforzi fu avviata la costruzione dell'attuale canale di Suez, che ricalca solo nel tratto molto iniziale l'antico canale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciosky68
Supporter

ne avevo letto qualcosa mesi fa e non avevo trovato riscontri....

grazie Roberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×