Jump to content
IGNORED

96 lire della Repubblica Genovese 1795


francy
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti

Di numismatica non me me intendo proprio per niente (a parte distinguere un euro da 1000 lire bimetalliche che a volte cercano di rifilarmi come resto ).potete darmi una mano?

Che moneta è questa? (portroppo le immagini sono sfuocate e per adesso non posso farne altre) ? poi la fatidica domanda :P Quanto puo' valere?

http://img221.imageshack.us/my.php?image=mon4op.jpg

A memoria il diametro è di circa 35-40 mm

grazie a saluti

Link to comment
Share on other sites


Ciao essendo la moneta già identificata come "96 lire della Repubblica Genovese 1795" non hai sbagliato sezione, è a casa sua ;)

P.S.: A parte la data che credo sia 1793 non 1795 ;)

Ciao, RCAMIL.

Edited by rcamil
Link to comment
Share on other sites


Scusa non ho capito xché chiedi che moneta sia quando lo hai scritto nel titolo della discussione... x la data magari basta guardare la foto... boh... :unsure:

109015[/snapback]

come ho gia' detto non ne capisco nulla di monete :huh: . Non ero sicuro della "catalogazione" perche non ho cataloghi che coprono tale periodo (o almeno penso :P )(ho solo il gigante ) . Vorrei se possibile anche un indice di rarita' ed eventualmente una valutazione

grazie :P

cercando ho trovato solo questa. ma non è lei :(

http://www.numismatica.it/Foto/179396li.jpg

Link to comment
Share on other sites


  • 3 weeks later...

ciao la moneta che hai indicato dovrebbe essere la suguente:

in base al montenegro 2006:

96 lire oro 909.50/1000 gr 25,214 diametro 34

1793 rarità:R3

valutazione nelle varie conservazioni:

mb:500 euro

bb:850 euro

spl:2200 euro

fdc:6000 euro

Cordiali saluti

Link to comment
Share on other sites


Io avevo questa, ma me l'hanno .... rubata una diecina di anni fa, pagandomela con un assegno americano falso ! Errori di ... gioventù !! Anzi se la vedete in Israele o in USA ...

post-1738-1144228830_thumb.jpg

Edited by roth37
Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Perche' il sistema decimale non si era ancora affermato. Un po' ovunque si andava con multipli di 12 o di 20.

Link to comment
Share on other sites


Comunque la “stessa moneta” vecchio conio, coniata dal 1758 al 1767 aveva un valore nominale da 100 Lire.

Strano perché poi hanno deciso di passare ai multipli di 12 :unsure:

Link to comment
Share on other sites


A tutto c'è un perchè.

Questa serie che comprende il 100 lire, il 50 lire, il 25 lire e le 12 lire e mezza sono coniate a bilanciere e furono emesse ad iniziativa del Banco di San Giorgio su incarico ricevuto dai Serenissimi Collegi tra il 1758 e 1767.

Il Decreto dei Serenissimi Collegi del 27 Giugno 1756 accordava al Banco il libero uso della Zecca per 20 anni, tale decreto era stato richiesto per conversione di monete straniere giacenti presso il banco e la loro conversione in muova moneta Genovese.

Mentre la monetazione sul piede della doppia in oro era battuta in Zecca ma non sotto la direzione del Banco.

Link to comment
Share on other sites


La solita inesauribile fonte di informazioni e cultura numismatica di nome picchio! :)

La ringrazio per le notizie e approfitto di questa occasione per ricordarLe una proposta che Le avevo suggerito tempo fa:

Penso che sarebbe interessante se Lei cominciasse a mettere su carta degli appunti o meglio ancora se facesse dei veri studi su specifiche coniazioni che ha approfondito con cosi tanta passione, come per esempio Napoleone, Napoli etc.

Sarebbe un peccato se l’immensa cultura numismatica che Lei cosi appassionatamente ha acquisito dopo innumerevole ore di studio, non venisse in qualche modo trasmessa alle future generazioni.Perché no, magari pubblicando un giorno una specie di quaderno numismatico dove si potrebbero raccogliere le conclusioni inedite e le scoperte su certe varianti,zecche etc.

Penso che un collezionista maturando passa attraverso alcune tappe:

Prima viene la visione delle monete, dopo la lettura dei cataloghi e l’acquisto,dopo lo studio dei libri per finire con quello che deve rappresentare una specie di punto d’arrivo per qualsiasi collezionista-studioso: la pubblicazione di un libro che raccoglie i frutti di questo appassionato studio e che permette di trasmettere parte dell’esperienza accumulata nel corso degli anni.

Link to comment
Share on other sites


La ringrazio Dimitrios, ma Lei mi sovrastima. Bovi era un Numismatico, solo per citarne uno.

Il percorso che Lei ha citato non è sempre nell'ordine esposto: Molte volte si compra una moneta perchè già parte del momento storico che rappresenta, magari non cultura numismatica pura ma comunque conness ad essa. SI compra una moneta d'impulso, poi il prezziario, poi un libro specifico, poi la seconda moneta. Il percorso molte volte prosegue parallelo tra l'acquisto delle monete e dei libri con l'ausilio dei cataloghi.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.