Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'approfondimento'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • La più grande community di numismatica
  • Identifica le tue monete
    • Richiesta Identificazione/valutazione/autenticità
  • Mondo Numismatico
    • La piazzetta del numismatico
    • Bibliografia numismatica, riviste e novita' editoriali
    • Segnalazione mostre, convegni, incontri e altro
    • Contest, concorsi e premi
  • Sezioni Riservate
    • Le prossime aste numismatiche
    • Falsi numismatici
    • Questioni legali sulla numismatica
  • Monete Antiche (Fino al 700d.c.)
    • Monete Preromane
    • Monete Romane Repubblicane
    • Monete Romane Imperiali
    • Monete Romane Provinciali
    • Monete greche: Sicilia e Magna Grecia
    • Monete greche: Grecia
    • Altre monete antiche fino al medioevo
  • Monete Medioevali (dal 700 al 1500d.c.)
    • Monete Bizantine
    • Monete dei Regni Barbarici
    • Monete Medievali di Zecche Italiane
    • Altre Monete Medievali
  • Monete Moderne (dal 1500 al 1800d.c.)
    • Monete Moderne di Zecche Italiane
    • Zecche Straniere
  • Stati preunitari, Regno D'Italia e colonie e R.S.I. (1800-1945)
    • Monetazione degli Stati Preunitari (1800-1860)
    • Regno d'Italia: identificazioni, valutazioni e altro
    • Regno D'Italia: approfondimenti
  • Monete Contemporanee (dal 1800 a Oggi)
    • Repubblica (1946-2001)
    • Monete Estere
  • Euro monete
    • Monete a circolazione ordinaria di tutti i Paesi dell’Area Euro.
    • Euro Monete da collezione Italiane e delle altre Zecche Europee.
    • Altre discussioni relative alle monete in Euro
  • Rubriche speciali
    • Monete e Medaglie Pontificie
    • Monete e Medaglie delle Due Sicilie, già Regno di Napoli e Sicilia
    • Monete e Medaglie dei Savoia prima dell'unità d'Italia
    • Monete della Serenissima Repubblica di Venezia
    • Medaglistica
    • Exonumia
    • Cartamoneta e Scripofilia
  • Altre sezioni
    • Araldica
    • Storia ed archeologia
    • Altre forme di collezionismo
    • English Numismatic Forum
  • Area Tecnica
    • Tecnologie produttive
    • Conservazione, restauro e fotografia
  • Lamoneta -Piazza Affari-
    • Annunci Numismatici
  • Tutto il resto
    • Agorà
    • Le Proposte
    • Supporto Tecnico
  • Circolo di esempio's Discussioni
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO ex ACQDC's Discussioni
  • Circolo Numismatico Ligure "Corrado Astengo"'s Discussioni
  • Circolo Numismatico Patavino's Discussioni
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Discussioni
  • Circolo Numismatico Asolano's Discussioni
  • CENTRO NUMISMATICO VALDOSTANO's SITO
  • Circolo Filatelico e Numismatico Massese's Discussioni
  • associazione numismatica giuliana's Discussioni

Calendars

  • Cultural Events
  • Eventi Commerciali
  • Eventi Misti
  • Eventi Lamoneta.it
  • Aste
  • Circolo di esempio's Calendario
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO ex ACQDC's Eventi
  • Circolo Numismatico Ligure "Corrado Astengo"'s Eventi
  • Circolo Numismatico Patavino's Eventi
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Eventi
  • Circolo Culturale Castellani's La zecca di Fano
  • CENTRO NUMISMATICO VALDOSTANO's Collezionare.......non solo monete
  • Associazione Circolo "Tempo Libero"'s Eventi
  • Circolo Filatelico e Numismatico Massese's Eventi

Categories

  • Articoli
    • Manuali
    • Portale
  • Pages
  • Miscellaneous
    • Databases
    • Templates
    • Media

Product Groups

  • Editoria
  • Promozioni
  • Donazioni

Categories

  • Libri
    • Monete Antiche
    • Monete Medioevali
    • Monete Moderne
    • Monete Contemporanee
    • Monete Estere
    • Medaglistica e sfragistica
    • Numismatica Generale
  • Riviste e Articoli
    • Rivista Italiana di Numismatica
  • Decreti e Normative
  • Circolo di esempio's Documenti
  • GRUPPO NUMISMATICO QUELLI DEL CORDUSIO ex ACQDC's File
  • Circolo Numismatico Patavino's File
  • Circolo Numismatico Patavino's File 2
  • Cercle Numismatique Liegeois's File
  • CIRCOLO NUMISMATICO TICINESE's VERNICE- MOSTRA
  • Circolo Numismatico Asolano's Documenti dal circolo
  • associazione numismatica giuliana's File

Collections

  • Domande di interesse generale
  • Contenuti del forum
  • Messaggi
  • Allegati e Immagini
  • Registrazioni e Cancellazioni
  • Numismatica in generale
  • Monetazione Antica
  • Monetazione medioevale
  • Monetazione degli Stati italiani preunitari
  • Monetazione del Regno d'Italia
  • Monetazione in lire della Repubblica Italiana
  • Monetazione mondiale moderna
  • Monetazione mondiale contemporanea
  • Monetazione in Euro

Categories

  • Monete Italiane
    • Zecche italiane e Preunitarie
    • Regno D'Italia
    • Repubblica Italiana (Lire)
  • Eur
  • Monete mondiali
  • Gettoni
  • Medaglie
  • Banconote, miniassegni...
  • Cataloghi e libri
  • Accessori
  • Offerte dagli operatori
  • Centro Culturale Numismatico Milanese's Annunci
  • CIRCOLO NUMISMATICO TICINESE's Interessante link

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

  1. Recentemente ho acquisito in collezione questo tarì di Filippo IV con data 16223. Infatti il 3 è battuto a fianco del 2 della data 1622. E' un evento che si ripete frequentemente su questa monetazione o sono casi sporadici? .
  2. Buonasera, qualcuno sa dirmi l'editore del testo che ho citato nel titolo? Grazie
  3. Ciao a tutti, vi mostro questo particolare esemplare che ho preso come falso d'epoca. Pesa 9,37 grammi (similare all'esemplare autentico a destra) ma il diametro non è uniforme e più piccolo di circa 1-2 mm per una lunga porzione a semiluna che va da ore 12 a ore 6 circa. Lo spessore anche non è uniforme ma risulta leggermente maggiore dell'esemplare autentico in varie zone. Il colore vira all'ottone piuttosto che al rame/bronzo e i rilievi e le scritte risultano piuttosto impastati. Ad occhio sembra ottenuto per fusione. Personalmente è la prima volta che vedo questa tipologia falsa a voi risultano comuni? Che ne pensate? Saluti Simone
  4. salve, ricordavo il motivo per il quale ho iniziato a collezionare monete del Regno d'Italia di V.E.III . questa moneta è stato il mio gioiellino trovato in una cantina di mia nonna. credo che tutti abbiamo avuto un colpo di fulmine , si fa per dire. io vi mostro la mia una bella moneta di emanuele III credo in conservazione MB . commentate esprimete la vostra opinione sulla mia moneta. e vorrei sapere il vostro colpo di fulmine. ovvero la moneta che vi ha fatto iniziare la collezione o il motivo. avanti http://i63.tinypic.com/o94t1c.jpg retro http://i66.tinypic.com/2i1nv52.jpg
  5. Vi sottopongo questo articolo di Franco Pezzi in risposta ai commenti fatti sul suo precedente scritto sul 20 Lire 1936 E' reperibile qui : La voce scaligera notiziario filatelico numismatico N.126 Verona 2016
  6. UNA TORTA NUMISMATICA PROGETTO E REALIZZAZIONE In occasione della riunione di primavera del Circolo Numismatico Romano-Laziale, ho pensato di realizzare insieme a mia moglie una “torta numismatica”. Guardando il logo del Circolo, è nata l’idea di realizzare una sintetica carrellata della numismatica italiana e della storia del nostro Paese, e così, recuperando le foto di monete delle varie epoche, ho realizzato al PC una prima bozza del progetto. Per passare alla fase di realizzazione ho preparato un Menabò (i giornalisti del Corriere della Sera chiamavano i tipografi “buoi” da cui Menabò= guida per i buoi) a grandezze reali dei componenti, portando alla giusta misura sia il logo che tutte le monete del contorno. L’esecutivo delle foto a misura reale, è servito per la realizzazione sia del logo che di tutte le monete, stampate su dei fogli di pasta di zucchero e poi scontornati. La torta è in pan di Spagna, farcita di crema e cioccolata, ricoperta con crema al burro, con una copertina di pasta di zucchero color lilla per richiamare La Primavera. IL VIAGGIO NUMISMATICO Il logo centrale, simbolo del Circolo Numismatico Romano-Laziale, a significare lo studio e la ricerca da parte dei Soci delle monete delle varie epoche a seconda degli interessi personali, un viaggio che inizia con l’Anno Santo, con la medaglia in oro coniata dalla Zecca di Roma in occasione dell’Anno Santo 2000, procedendo in senso orario, si inizia con i Romani (Sesterzio), passando ai Bizantini (40 Nummi di Siracusa), agli Angioini (Reale di Carlo I d’Angiò), non dimenticando per il periodo il Sommo Poeta, Dante Alighieri di cui lo scorso anno ricorreva il 750° della nascita (Medaglia coniata per il 600°), agli Aragonesi (Pierreale di Federico IV), gli Spagnoli (Mezzo ducato di Filippo II), lo Stato della Chiesa (Scudo di Innocenzo XII), i Francesi con Murat (Scudo del 1813), il Regno delle due Sicilie (Piastra di Ferdinando II di Borbone), l’Unità d’Italia con Vittorio Emanuele II (Una lira 1861 Firenze), Pio IX ultimo rappresentante del potere temporale della Chiesa (Medaglia), il Re Numismatico con due meraviglie numismatiche (Scudo del 1911 e Scudo quadriga del 1914), l’avvento della Repubblica nel 1946 (Dieci lire Pegaso), per arrivare ai nostri giorni, tornando a Roma, al Colosseo, con l’Euro (Cinque centesimi). Questo viaggio ideale, è stato completato con alcune delle più importanti monete della numismatica italiana, sia per rarità che per bellezza, applicate sul “taglio” della torta, che così è divenuta una moneta a sua volta. Un sentito “grazie” alla nostra Presidentessa, per la squisita e cordiale ospitalità.
  7. Salve volevo sapere come riconoscere la zecca ( genova o torino) di un marengo di carlo alberto, grazie a tutti
  8. Ho incominciato questa discussione perché ho iniziato da poco a collezionare monete del Regno e volevo capire qualcosa in più su quelle che possono essere falsificate e per capirci meglio, volevo sapere gentilmente se conoscevate qualche tatticha per decretarne l' autenticità. Grazie ancora per tutto il prezioso aiuto che mi state dando!
  9. Buonasera a tutti !!! :D Mi chiedevo se le monete di Vittorio Emanuelle III hanno un particolare significato in base alla raffigurazione, per esempio le quadrighe, l'aquila,l'ape ecc.. Sono stati scelti perchè hanno un significato particolare ? Grazie a tutti coloro che risponderanno. Antonio
  10. salve a tutti, ho preso per un amico sul noto sito di aste una 100 lire 1912 ad 210e del peso di 32.1 grammi e composto di oro 10 kt (fatto verificare al monte di pieta della mia citta). ora secondo voi potrebbe essere fatta periziare come falso d epoca? io le ho sconsigliato questa cosa ma lui vorrebbe un consiglio da gente piu "esperta"
  11. Difficile (per me) fotogarfarla adeguatamente. Graditi pareri. Grazie
  12. Ciao a tutti, Vi mostro questo esemplare molto curioso preso oggi. Appena l'ho visto l'ho classificato mentalmente come "tondello anomalo che assomiglia ad un 2 lire cinquantenario". Osservandolo meglio poi ho notato che sotto era di un colore e che sopra era stato argentato e si vedevano dei grumi che sembravano bolle di fusione. A quel punto l'ulteriore riflessione è stata "Sarà uno dei solito falsi d'epoca in piombo ma stavolta in (finto) FDC con argentatura ancora intatta......Però.... Però è troppo fatto bene e preciso.... E poi questo mi sembra proprio rame... quelli sono in lega di piombo grigiastro di solito..." Alla fine guardandolo meglio sono cascato dalle nuvole è ho capito: "E' un 10 centesimi cinquantenario camuffato da 2 lire! Un falsario creativo." :D Come potete vedere infatti è stato abraso il valore nominale di 10 centesimi e si è provveduto all'argentatura che in alcuni punti ha lasciato dei grumetti. Una volta accostate le monete la differenza di dimensioni è abbastanza lampante (ma neanche troppo) ma vi assicuro che preso singolarmente se uno non ci pensa magari nella fretta (e magari contando sull'ignoranza dell'epoca vista la novità della tipologia) credo che qualche vittima in quegli anni l'abbia potuta mietere facilmente... C'è da dire poi che essendo le due tipologie esattamente dello stesso peso (10 grammi) un' eventuale persona che si fosse insospettita poteva essere ulteriormente sviata dal falsario anche confidando su questo aspetto. Una parte del contorno presenta inoltre una profonda abrasione fino a portare in evidenza il rame: segno probabilmente che qualcuno ad un certo punto deve avere proprio preso a cuore la questione falso/non falso. :D Che ne pensate? Condividete anche voi che si tratti di un falso d'epoca "creativo"? Saluti Simone
  13. Ciao a tutti, Come da titolo, ho notato oggi a un mercatino un 10 centesimi veII 1866 zecca Napoli vistosamente sovraimpresso al D con la scritta in stampatello "SAPOL". Non l'ho preso in quanto il commerciante, irremovibile, chiedeva un prezzo palesemente fuori mercato per un palanchino comune in MB, ma mi rimane la curiosità sul perché questo marchio. La scritta era sicuramente impressa con una macchina o un timbro, non incisa quindi. Può essere che sia stata usata come gettone? E in tal caso, cos'era SAPOL?
  14. Ciao a tutti siamo di nuovo Duke Hazzard e Desiderio IV abbiamo trovato come già detto in precedenza 10 cent ape del 1934 con il 3 al contrario prossimamente vi manderemo le foto.Per adesso cosa ne pensate? Noi attenendoci al Gigante l' abbiamo catalogata come R3.
  15. Vi sottopongo questa documentazione per un vostro parere @@blaise @@elledi @@bizerba62 @@Littore @@uzifox
  16. Per non continuare ad alimentare il "fuori tema", proseguo in apposita sede le riflessioni che emergevano verso la fine di quest'altra discussione: http://www.lamoneta.it/topic/146914-20-lire-fascetto-consigli/page-3#entry1682711 @@bizerba62 presentava un bell'esemplare di "Fascetto" chiedendosi se, in quel caso, valesse la pena di discutere sul giudizio espresso dal perito in questione (..Riposi in pace..). ********************************************************************* Io rispondevo in questo modo: "Bazzoni avrà avuto in mano dei dati il più possibile "oggettivi", per dare il suo giudizio. ..Poi...la "cantonata" ci può sempre stare; non so se sia il caso di quest'ultimo esemplare, sarebbe meglio vedere dal vivo.. Siamo uomini. Anche i "geni" lo sono (o lo sono stati). ...Però... non mi sembra costruttivo continuare ad alimentare questo fiume di "mi sembra", di "secondo me"....... E' sempre la solita (e inutile, a mio parere) ricerca del "pelo nell'uovo", dalla quale si rischia di non uscire più." E ancora: "...Come sottolineava @elledi, sono proprio le nostre tecniche di produzione che annullano il concetto di FDC=moneta "perfetta". Noi, oggettivamente parlando, disponiamo solo ed esclusivamente del "Circolato" e del "Non circolato". E nonostante questo...si continuano a far scorrere fiumi di parole.... Allora: o si accetta che, almeno per un determinato ambito (ad es. il Regno....ma forse anche per la Repubblica) l'unico criterio oggettivo da prendere in esame sia il "Circolato" o il "non circolato", basando su ciò i vari giudizi di Fdc, Spl, Bb o Mb, oppure questi ultimi si aboliscono definitivamente e si passa a giudizi più "generici" (massima, altissima, alta, media, medio-bassa, bassa conservazione), per la pace e la serenità di tutti." ************************************************************* @@Cinna74 così rispondeva: "Solo una riflessione. Mi pare di capire, leggendo la sezione, che la definizione di fior di conio cominci ad essere stretta. Leggiamo infatti di fior di conio "reale" e poi di fior di conio "commerciale". Ora due domande: risolve la questione il Montenegro citando "eccezionale" come categoria di conservazione? A questo punto punto, data la ricerca di perfezione assoluta dei collezionisti, meglio non sarebbe accodarsi alla Sheldon scale con il suo ventaglio di cifre a rappresentare la perfezione di ogni moneta in "stato di zecca"? Mi pare che di questo si stia ragionando alla fin dei conti. Non per essere esterofilo ma ogni mercato alla fine si dota degli strumenti che necessita. Buona serata. " *************************************************************** @@Cinna74 Dobbiamo riconoscere il fatto che le due definizioni di "reale" e "commerciale", considerate finora solo in ambito "estetico" (come parte di quel discorso trito e ritrito sulla "perfezione") stiano diventando sempre più banali. Spesso risultano essere addirittura pericolose, perché possono favorire sentimenti di sfiducia: la sensazione che ci sia una "numismatica elitaria", riservata a pochi eletti, e una "per il popolo", dove "ci si accontenta" di quello che c'è. Io non credo che sia così. Non voglio crederlo. Ma....alla luce di queste ultime considerazioni, io sento sempre più la necessità di adottare una nuova e più concreta chiave di lettura di queste due definizioni. E come?.... Basterebbe ribaltare il modo di vedere questi due concetti, o meglio: interpretarli alla lettera!.. Il "commerciale" riferito all'ambito commerciale....e il "reale" riferito allo stato reale delle cose. A ciascuno il "suo". Queste "scale", o "graduatorie", come la Sheldon, basate proprio sul "circolato" o "non circolato", hanno un significato solo ed esclusivamente commerciale. Il fatto che un esemplare sia Fdc 64, 67 o 70 conta solo a livello di quotazione. Ma,dal punto di vista strettamente numismatico (o "collezionistico"), questa graduatoria non dice che una moneta è "più o meno FDC" di un'altra: non conta se l'esemplare è 64,67 o 70: è sempre "realmente" Fdc, rientra nel settore del Fdc. Cambia solo la quotazione, a seconda che sia più o meno "intonsa". Il discorso potrebbe valere anche per i settori del "circolato".. In pratica, facendo un esempio: se io ho un esemplare presentato come FDC - 66, la prima parte della definizione, a sinistra del trattino, mi dice lo stato "reale" della conservazione; la seconda (cioè il numero a destra del trattino) la definizione "commerciale", La questione, quindi, starebbe proprio nel ritrovare il vero e concreto significato di "reale" e di "commerciale", e nel separare i due ambiti; o meglio, dare a ciascun ambito il giusto "peso" nella scelta dell'esemplare. ...Ben vengano, allora, la Sheldon o altre scale analoghe; basta che siano interpretate correttamente!... Il collezionista, grazie a queste scale, basate sul "circolato" o "non circolato" ( che è l'unica categoria oggettiva di cui possiamo disporre almeno per certi ambiti), potrebbe fermarsi al semplice stato "reale" dell'esemplare, oppure proseguire (in ambito solo commerciale) nella ricerca del "grado" a lui più congeniale, pagandone, ovviamente, lo scotto! :) ...
  17. Domenica mi hanno regalato tre monete della Zecca di Messina, posto la prima, un Tre Tarì di Filippo III 1612. Esaminandolo ho notato al R/ la sigla A sovrapposta a una O o qualcosa di simile. Girando sulla rete ho trovato un altro Tre Tarì 1613 ma la A non si sovrappone a nulla. Ho cercato, ma non ho approdato a nulla, qualche specialista di Sicilia sa darmi una spiegazione?
  18. Per quanto impegno ci ho messo nel fotografarla, non sono ancora riuscito a esaltare la sua bellezza.
  19. Lustro sinonimo di FDC, o per lo meno di altissima conservazione. Poi ci sono casi di monete in SPL ma che presentano ancora tracce di lustro di conio... Vorrei porvi un quesito, per le 2 monete che allego sotto in foto, per il mio metro di giudizio le reputo in FDC, al massimo qFDC ma siamo li, ho chiesto ai rispettivi venditori se le monete avessero il lustro di conio ma su entrambe non è presente. Vi chiedo, è ammessa una moneta in FDC dove non sia presente il lustro? A mio parere no ma queste 2 monete, allora come le giudicate?
  20. Ciao a tutti! Gentilmente vorrei avere da voi un parere su questa liretta, quale grado di conservazione le attribuireste? Cosa ne dite della patina? Grazie in anticipo!
  21. Ciao a tutti. Sono nuovo del forum. Ho 11 anni e mi piacerebbe sapere qual é il metodo migliore per catalogare monete di Vittorio Emanuele III perché sono molto appassionato alla numismatica. Grazie per l'aiuto.
  22. Buongiorno, come ho scritto nella mia presentazione ho appena iniziato a collezionare monete del Regno (Vittorio Emanuele III).Ho acquistato un raccoglitore ''tipologico'';in realtà a me piacerebbe completare le ''date'' di monete circolate:Es. 20 cent Librata 1908,1909.....1921,1922).Che tipo di collezione è questa?Ha un nome? Per ora,come penso sia normale agli inizi,non guardo alla conservazione come elemento essenziale. La mia seconda domanda è:come procurarsi un gran numero di monete,ovviamente circolate ma almeno leggibili,a prezzi contenuti?Su ebay si trovano certo grandi lotti ma credo molto scadenti e composti per la maggior parte di doppioni.Sarebbe più conveniente poter vagliare di persona le monete prima dell'acquisto. Ringraziando anticipatamente per i consigli auguro una buona giornata a tutti.
  23. Buonasera, torno ad aprire una discussione questa volta riguardante un quesito che mi intriga da tempo, di cui avevo accennato ieri nel post di @r-29. Possiedo una decina di esemplari di centesimi del regno e quattro cinque di questi hanno dei buchi evidentemente "fatti apposta", alcuni nascondono anche il segno di zecca (vedi esempi). Qualcuno di voi ha riscontrato questo fatto anche nelle sue monete? Ne conosce il motivo? Il valore economico degli esemplari in questione ne risente molto? Posto tre esempi in mio possesso che ricoprono tra l'altro le monetazioni di tutti e tre i re. p.s. chiedo scusa per la scarsa qualità delle foto soprattutto dei rovesci.
  24. Un felicissimo 2016 a tutti. La notte di Capodanno, mentre tutti erano intenti a giocare a carte, mi sono spulciato un accumulo di 1 cent Italia su prora, quasi tutti esemplari Spl e date comuni (dal 1912 al 1916). L'occhio mi è caduto sull'esemplare in allegato in quanto, benchè si presenti in stato integro e SPL, è mancante del millesimo 19, praticamente si legge solo 15. Non avendo avuto riferimenti sia su cataloghi che su rete, chiedo a qualcuno che abbia informazioni da condividere di farsi avanti, Cordialità
  25. Ciao a tutti! Mi stavo dilettando a pesare alcune monete ed ho notato che un pezzo da 1 lira 1863 M, molto usurato, pesa 4,51 gr. Posto una foto per completezza, ma non è qui che voglio andare a parare. Mi è sorto un dubbio: se questo sottopeso è davvero legato all'usura, trattandosi di monete a valore intrinseco (se non sbaglio!), se l'usura su una moneta da 1 lira portava via 1/10 del peso e quindi 1/10 del contenuto in argento, quando l'usura accentuata era su un 5 lire si andavano a perdere 2,5 gr di argento? Non veniva considerato esclusivamente il valore intrinseco del pezzo e quindi (a voler cercare il pelo nell'uovo) si applicava una sorta di valore fiduciario? Su una moneta questo magari incide poco, ma su un ipotetico malloppo di 100 monete sarebbe come perderne 10 per strada in termini di peso dell'argento.
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.