Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Matteo91

Costanzo e il labaro cristiano

Risposte migliori

Matteo91

Buonasera a tutti :)

Da un venditore on line ho notato queste tre monete di Costanzo II. E' una comune moneta della serie Fel temp reparatio, ma quello che mi ha incuriosito è la diversa scelta nella rappresentazione del simbolo nel labaro. Nella versione a me più nota è rappresentato un Chi-rho, mentre in queste monete troviamo anche due tipi differenti di croce.

Credo siano tutti simboli ricollegabili al cristianesimo; ma può esserci qualche ragione che ha determinato la scelta di tre simboli differenti?

Queste le monete:

post-18657-0-54937400-1360274575_thumb.j

Grazie,

Matteo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Ciao Matteo, è difficile rispondere perchè (almeno per quanto mi riguarda) non ho mai letto in sede numismatica la descrizione di cristogrammi di forma diversa dal chi-rho e dallo staurogramma. E non credo di aver mai avuto o visto delle monete con labari come la seconda e la terza che hai postato.

Mentre la prima ha un cristogramma classico (chi-rho), la seconda contiene una croce patente, cioè i cui bracci si allargano verso le estremità; esiste in molte monete medievali.

La terza, posto che si veda a sufficienza, mi sembra avere in alto un cerchio. La forma classica di questo tipo è la croce "ansata", che cioè presenta in alto una sorta di occhiello; si chiama anche croce egizia o copta, ed è utilizzata infatti ancora oggi dalla chiesa copta.

Non mi pare che ci sia una relazione specifica con la zecca di emissione delle monete (se leggo bene, la seconda è di Eraclea e la terza di Cizico).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matteo91

Ciao Gianfranco,

grazie della risposta. Effettivamente anche io non ho trovato nessun riscontro in ambito numismatico. E non ho trovato alcun collegamento con le zecche.

Avevo pensato fosse possibile che, per esempio, la croce patente fosse diffusa tra i cristiani di Eraclea...

Comunque non credo che la scelta stilistica sia casuale, ma forse dipende da aspetti estranei alla numismatica.

Speriamo in qualche altra idea. Nei prossimi giorni, potrei provare a cercare altre monete simili sul web.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matteo91

Ho effettuato una piccola ricerca sui risultati di acsearch.

Il simbolo nel labaro che compare più spesso è senz'altro il Chi-rho.

Alcuni esemplari invece presentano una semplice X, come in questa moneta di Alessandria:

post-18657-0-09757200-1360959058_thumb.j

Onestamente non saprei dire se questo sia un simbolo associato al crisitanesimo. Se lo fosse, sarebbe un ulteriore variante.

Infine, ho trovato anche un'altra croce su una moneta di Eraclea: sembra una croce "tradizionale" diversa dalle precedenti postate.

post-18657-0-41128900-1360959124_thumb.j

Per Cizico, mi sembra di aver trovato un altro esemplare con una "croce ansata" su WW:

post-18657-0-19620500-1360959553_thumb.j

Qualcuno saprebbe indicarmi le zecche in cui fu coniata questa tipologia?

Nel frattempo avete avuto qualche altra idea sulla scelta di questi simboli?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio

Nel testo : " Die Spatromische Kupferfragung" di Guido Bruck :

il "chi-ro" viene indicato per le zecche : Aquileia, Roma, Siscia, Eraclea, Costantinopoli, Cizico, Nicomedia;

+ per Eraclea, Cizico, Antiochia;

x per Costantinopoli, Antiochia, Alessandria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matteo91

Grazie Flavio! :)

Ora si ha una visione completa sui simboli censiti e sulle zecche in cui vennero utilizzati.

Dalle monete che ho postato è possibile individuare delle differenze per quel che riguarda la rappresentazione della croce:

Sono una croce patente, tradizionale ed una presunta ansata (non si capisce bene ma sembra comunque diversa dalle precedenti).

post-18657-0-74336800-1360962307_thumb.j

Provo a fare una ricerca su questi tipi di croce, aldilà della numismatica, per capire se possa esserci qualche ragione dell'utilizzo di questi simboli.

Insomma, perchè non una sola croce o un semplice chi rho?! :unknw:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matteo91

In questa discussione Paleologo e altri utenti approfondiscono il tema della croce patente nelle monete medievali.

http://www.lamoneta.it/topic/34954-la-croce-patente-sulle-monete-medievali/

Mi viene da pensare che in questo caso la soluzione più semplice potrebbe essere anche quella giusta:

probabilmente erano già da tempo diffusi diversi tipi di simboli cristiani e, semplicemente, i più noti furono utilizzati per la composizione della scena rappresentata sulla moneta.

Il dubbio che mi ero posto però credo fosse lecito: in uno spazio così piccolo, dare così tanta importanza alla diversificazione del simbolo, potrebbe far sorgere qualche domanda in più.

Ma scartata l'ipotesi che collega il simbolo ad una regione geografica, non trovo altri spunti significativi :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×