Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
L. Licinio Lucullo

Monetazione di Rufus

Risposte migliori

L. Licinio Lucullo

Asse

Materiale: Bronzo

Diametro: 28 mm

Peso: 10,64 g

Anno: 34-31 a.C.

Zecca: Cyrene

D/ Testa Zeus-Ammone

R/ Sella castrensis con bilancia sulla seduta; fasci littori ai lati; nel campo L a sinistra della sella, Λ a destra

RPC 919: al D/ ΑΥΛΟC ΠΟΥΠΙΟC L, al R/ TAMIAΣ ANTICTPA

RPC 920: al D/ KAI TAMIAC L, al R/ ΠΟΥΠΙΟC ANTICTPAC

post-13865-0-10083600-1360755108_thumb.j

Modificato da L. Licinio Lucullo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L. Licinio Lucullo

Semisse

D/ ΠΟΥΠΙΟC. Ariete a destra. Sotto, L

R/ POYOC TAMIAC. Sella quaestoria, hasta e sacculus. Nel campo a destra, L

RPC 921

D/ ANTICTPA. Ariete a sinistra. Sotto, L

R/ ΠΟΥΠΙΟC TAMIAC. Sella quaestoria, hasta e sacculus. Nel campo a destra, L

RPC 922

Quadrante

Testa a destra (Libia? Apollo?). Dietro, L

ΠΟΥΠΙΟC. Serpente attorcigliato. L

RPC 923

Modificato da L. Licinio Lucullo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L. Licinio Lucullo

Il monetario è conosciuto unicamente per queste emissioni. La sella castrensis (differente dalla sella curulis) e i fasci, presenti sull'asse, erano attributi dei propretori, mentre la sella quaestoria, l'hasta e il sacculus presenti sul semisse erano attributi dei questori. La legenda greca lo qualifica infatti TAMIAΣ [KAI] ANTICTPA[THΓOΣ], quaestor pro praetore.

La datazione delle monete (34-31, secondo Buttrey) è tradizionalmente attribuita a un periodo intermedio fra i governatorati, altrimenti noti, di tali Crassus e 31 Scato; in ogni caso l'emissione deve precedere la riforma augustea del 27, quando Creta e Cirenaica divennerpo province senatorie governate da un praetor pro consule, anzichè da un quaestor pro praetore.

Secondo l'opinione più diffusa, la zecca per la Cirenaica doveva trovarsi a Cyrene; tuttavia un quadrante noto in unico esemplare reca la sigla ∏T, che secondo Piotr Jaworski (An Unknown Coin of Pupius Rufus Struck in Cyrenaica, Wiadomosci Numizmatyczne 53, 2009) sta per Ptolemais e riprende una legenda (∏TOΛEMAI) presente anche sull'emissione RPC 916 di Crassus (predecessore di Pupio Rufo).

La L sempre presente al D/ sta per Lybia. La tipologia scelta è tipicamente locale (Zeus-Ammone era quasi un emblema nazionale della Cirenaica) eccetto il seprente attorcigliato, presente sul quadrante, che compare per la prima volta nella monetazione di questa regione ed è sicuramente un riferimento religioso, anche se non ancora chiarito. Il ritratto presente al dritto del quadrante viene identificato nella Libia da Robinson, da Buttrey e dal RPC, in Apollo dal Müller.

Jaworski (Jaworski, Biuletyn Numizmatyczne 4, 2006) recensisce un quadrante noto in soli 2 esemplari, che al retro presenta le lettere ∏ P, interpretate come le iniziali di nomen e cognomen del magistrato.

Modificato da L. Licinio Lucullo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×