Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
chersoblepte

Ultimi acquisti

Ciao a tutti :),

volevo mostrarvi i miei ultimi acquisti, entrambi presi su VCoins e ricevuti stamattina: si tratta di due antoniniani di Valeriano, entrambi della zecca di Antiochia (anche se il Sear li attribuisce ad una non meglio specificata zecca siriaca :huh:).

Ecco le foto del venditore:

http://www.vcoins.com/ancient/beastcoins/s...log/Z3831LG.jpg

http://www.vcoins.com/ancient/beastcoins/s...log/Z1713LG.jpg

Che ve ne pare? Ho alcune domande a proposito...

Riguardo la prima: qual'é l'esatto significato della legenda VOTA ORBIS? É un "corrispettivo" (se così possiamo chiamarlo) dei vari VOT che compaiono sul rovescio delle monete di IV-V secolo, presi ad augurio di un lungo regno dall'imperatore all'inizio del suo principato, per poi scioglierli e rinnovarli in seguito nell'anno stabilito (mi pare, di base, 10 o 20 anni dopo, non vorrei sbagliarmi)? Ciò potrebbe coincidere con Valeriano (la moneta è datata 253, primo anno del suo regno)... ma allora perché anche ORBIS?

Riguardo la seconda: il primo antoniniano (come detto, datato 253) pesa 4,20 grammi, mentre il secondo (datato 255-256) 3,50... questa differenza di peso è da riferirsi alla semplice diversa conservazione ed "usura" delle singole monete nel corso dei secoli? O uno scarto di quasi 1/7 del peso della seconda rispetto alla prima è da implicare anche all'aggravarsi della crisi (a tutti i livelli, politica, sociale, religiosa e, in questo caso, soprattutto economica) che stava colpendo l'Impero, considerando anche che il secondo antoniniano fu coniato almeno 3 anni dopo il primo?

Grazie sin da ora ;).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non posso aiutarti, ma la prima è bellissima! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Ciao

La seconda è un originale delle zecche Moesia-Asia RIC 287.

La prima mi sembra una imitazione piu barbara sempre delle zecche orientali; l'originale coriisponde al RIC 294.

La secoda è un pezzo che mi piace molto.

agrì

Modificato da agrippa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie agrippa ;), non posso che confermare le tue classificazioni secondo il RIC: interessante il fatto che la seconda possa essere un'imitazione, non l'avrei mai detto:o... puoi spiegarmi in base a quali aspetti arrivi a questa conclusione? Secondo te è per questo che il Sear la attribuisce (anzi, le attribuisce entrambe) ad una "generica" zecca siriaca, e non, come il RIC, a quella di Antiochia?

In effetti, in quel periodo Valeriano era impegnato nella guerra contro Sapore, e questo potrebbe aver provocato la coniazione di monete in zecche itineranti (che si muovevano al seguito dell'esercito e del fronte che man mano, seguendo la controffensiva romana, dalla Siria si spostava verso l'Eufrate) o comunque non proprio ufficiali :unsure:...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto belle complimenti per l'acquisto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusa Cherso

E' la prima che mi sembra una imitazione semibarbara.

Sono giunto a questa considerazione riferito oltre che allo stile della moneta anche al fatto che la prima moneta sembra al 100% bronzo mentre sappiamo che il poco argento negli antoniniani fu drasticamente ridotto nel 258.

Capirai...... un antoniniano di Valeriano della stessa zecca che nel 253 AD ha meno argento di un altro del 255 AD mi porta a cattivi pensieri... :D

agrì

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti molto belle! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Belle.

La monetazione di Valeriano la conosco poco. Mi risulta un imperatore sfuggente, vedo sempre una moneta diversa dall'altra. Ma sbaglio o vedere un antoniniano di buona lega di questo imperatore è cosa rara??

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bravo cherso, belle monete. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Belle, soprattutto la prima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Innazitutto grazie a tutti per gli apprezzamenti :D...

La prima mi ha colpito subito per la splendida patina, la seconda per il forte richiamo storico del rovescio: il fatto che reciti RESTITVT ORIENTIS non è da ricondurre esclusivamente a meri fini propagandistici (come si potrebbe pensare, visto il momento critico che l'Impero stava attraversando), ma sta ad indicare (e penso che in questo il RIC concordi, datandola al 255-256) la riscossa romana contro l'offensiva persiana (giunta ad insediare, nel 253, Antiochia e a toccare, dopo secoli, le rive del Mediterraneo)... riscossa che, però, finì male per il povero imperatore, che, con un esercito imperiale ormai allo stremo per le fatiche e la peste, a Edessa fu catturato con l'inganno (o forse lui stesso si consegnò volontariamente, sicuro oramai della sconfitta) dal re dei Persiani, Sapore I, e, prigioniero ingabbiato nel centro della capitale persiana Ctesifonte, fu spettacolo per le rise e le ingiurie del popolo, anche dopo la sua morte (pare che il suo corpo sia stato impagliato e tenuto lì per giorni)...

Scusa Cherso

E' la prima che mi sembra una imitazione semibarbara.

Sono giunto a questa considerazione riferito oltre che allo stile della moneta anche al fatto che la prima moneta sembra al 100% bronzo mentre sappiamo che il poco argento negli antoniniani fu drasticamente ridotto nel 258.

Capirai...... un antoniniano di Valeriano della stessa zecca che nel  253 AD ha meno argento di un altro del 255 AD mi porta a cattivi pensieri...  :D

agrì

120189[/snapback]

Agrippa, sul metallo hai sicuramente ragione, e penso quasi certamente anche sul fatto che la moneta sia un'imitazione semibarbara: soprattutto il ritratto non mi sembra quella tipico di Valeriano (come invece per la seconda), almeno a confronto con le (poche) monete di questo imperatore che ho in collezione.

Belle.

La monetazione di Valeriano la conosco poco. Mi risulta un imperatore sfuggente, vedo sempre una moneta diversa dall'altra. Ma sbaglio o vedere un antoniniano di buona lega di questo imperatore è cosa rara??

120291[/snapback]

Su queste considerazione spesso non c'azzecco :P... però, anche a riguardo di quanto detto da agrippa (il contenuto d'argento degli antoniniani inizia a calare drasticamente negli ultimi anni di regno di Valeriano), mi par di poter dire che non sia poi cosa così rara trovare antoniniani di questo imperatore con un contenuto d'argento ancora almeno decente (e non, esclusivamente, bronzo ricoperto da una patina d'argento come per gli imperatori successivi): prova a dare un'occhiata alla carrellata d'immagini relative a Valeriano su DirtyOldCoins ;).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?