Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal

Sono iniziati i lavori di aggiornamento della piattaforma, potrebbero verificarsi problemi sia sul forum che nei cataloghi.

Sign in to follow this  
Mirko

Assi alla francese o alla tedesca

Recommended Posts

Mirko

Qualcuno di voi sa perché si è scelto di coniare con gli assi alla francese piuttosto che alla tedesca?

In altre parole, in Francia, Italia ecc. le monete vengono coniate con gli assi "alla francese", cioè le due facce sono sfalzate di 180° (il che tra le altre cose è sommamente frustrante per un collezionista); in Germania vengono coniate con gli assi alla tedesca, con le facce non sfalzate.

Mi chiedo (e vi chiedo) c'è una ragione storica/tecnologica/pratica per cui sono stati scelti questi due modi di coniare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Supporter

Secondo me gli assi a 180 sono piú comodi per osservare una moneta, in quanto tenendola con una sola mano viene piú facile girarla in modo da osservare le due facce.

Ho sempre trovato l'asse non girato un po' troppo medaglioso, quasi celebrativo dell'autorità emittente. Come sono le monete francesi prima della rivoluzione?

Con l'Euro avrebbero potuto lasciare ad ogni stato la facoltà di continuare la tradizione precedente, ma non lo hanno fatto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

toto
... in Germania vengono coniate con gli assi alla tedesca, con le facce non sfalzate...

121041[/snapback]

Ciao Mirko,

scusami perché non sono un patito EURO... Ma meravigliato un po' dalla tua affrmazione, ho cercato e credo di avr trovato nel borsellino un 20 cents tedesco del 2004.

Mi sembra anche lui alla francese.

Allora credo di aver capito male capito male una parte della tua domanda...

Un salutone,

Edited by toto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko

Ehm... tutti gli euro sono con gli assi alla tedesca :D

Le lire invece, ad esempio, erano con gli assi alla francese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

toto
Ehm... tutti gli euro sono con gli assi alla tedesca :D

Le lire invece, ad esempio, erano con gli assi alla francese.

121058[/snapback]

Perfetto Mirko,

ora dopo anche la mia... :lol:

mi sembra che siamo arrivati a convergenza... :)

Salutoni,

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paolino67

Se in Germania non si coniasse con gli assi alla tedesca che assi alla tedesca sarebbero? :P

Semmai si lamenteranno i francesi, che adesso non possono più coniare alla francese :lol:

Gli italiani? Beh, già sotto Vittorio Emanuele III° qualche tipologia (cinquantenario) fu coniata alla tedesca...

Scherzi a parte, concordo con Incuso, forse gli assi alla teutonica sono un pò troppo "medal-like"... è però anche vero che gli Euro tutti belli incasellati, e visibili sia da una parte che dall'altro nel senso giusto, in un raccoglitore stanno molto meglio.... :rolleyes: visto che, a mio parere, l'Euro è una monetazione nata per essere collezionata, non escluderei che quando si è dovuto scegliere il tipo di asse da adottare, si sia tenuto conto anche di questa cosa...

Per quanto riguarda le tipologie vecchie, non so. Secondo me è stata solo questione di abitudine.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko

Il fatto di preferire l'uno o l'altro tipo di coniazione, non risponde alla domanda :P

Perché in certe zone fu scelto di coniare secondo un asse, e da altre secondo un altro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giuseppe

Perchè si scegliesse un sistema od un altro a seconda del periodo o del paese non saprei...

Conoscevo i due sistemi come allineamento "moneta" (quello che chiami sistema francese) od allinemento "medaglia" (l'altro) penso proprio per i motivi detti da Incuso: la moneta la si gira rovesciandola nel senso che la si gira in senso verticale mentre la medaglia la si gira attorno all'appiccagnolo e quindi nel verso orizzontale.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

lopezcoins
Il fatto di preferire l'uno o l'altro tipo di coniazione, non risponde alla domanda :P

Perché in certe zone fu scelto di coniare secondo un asse, e da altre secondo un altro?

121083[/snapback]

Ciao Mirko. Non ho trovato risposta a questa domanda in alcun documento trovato in rete. Mi pare comunque una domanda interessante e merita di essere posta a qualche storico numismatico. Perché non scrivi a Cronaca Numismatica?

Marco

P.S. Comunque stasera provo a fare una mappatura mondiale contemporanea sulla scelta degli assi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

uzifox

:blink: Interessante quest' interrogativo...

PS sinceramente io li preferisco alla tedesca

Share this post


Link to post
Share on other sites

azzogsal

Perchè gli inglesi guidano a sinistra e usano i pollici e tutte le altre unità di misura anglicane? non c'è un perchè così pure gli assi,uno trova più comodo girare a destra, l'altro sottosopra, uno più comodo guidare a sinistra l'altro a destra,

Share this post


Link to post
Share on other sites

incuso
Supporter

Sulla guida a destra ho sentito due teorie interessanti, una riguarda l'organizzazione del primo giubileo in cui data la moltitudine di pellegrini si scelse di regolamentare il traffico.

L'altra riguarda Napoleone che decise di cambiare la mano normalmente seguita dagli eserciti da destra a sinistra (peraltro scelta irrilevante in tempi di armi da fuoco) e con lui tutta l'europa occupata dalle truppe francesi (ho peraltro l'impressione che nella maggioranza dei paesi si tenga la sinistra)

Comunque il mio istruttore di guida soleva raccontare che una volta si teneva la destra in città e la sinistra fuori (veramente comodo!)

Il sistema di misure in uso negli USA (gli inglesi ormai sono passati a malincuore al decimale) non era loro esclusiva e fino all'inizio dell'800 un po' ovunque si usavano unità di misura bizzarre. Anche qui la rivoluzione francese e il successivo dominio francese su mezza europa con relativa esportazione delle idee illuministiche portarono il sistema decimale ad affermarsi.

Non ci sono però riusciti con il calendario e le ore (peccato!):

http://numismatica-italiana.lamoneta.it/ca...ne_francese.php

Share this post


Link to post
Share on other sites

ersanto
Perchè gli inglesi guidano a sinistra e usano i pollici e tutte le altre unità di misura anglicane? non c'è un perchè così pure gli assi,uno trova più comodo girare a destra, l'altro sottosopra, uno più comodo guidare a sinistra l'altro a destra,

121226[/snapback]

...e fra l'altro gli inglesi hanno un po' di monete alla francese ed un po' alla tedesca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

lopezcoins

Al link di seguito, la mappa del mondo. In blu, gli assi alla tedesca, in rosso alla francese.

Assi monete

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

ersanto
Al link di seguito, la mappa del mondo. In blu, gli assi alla tedesca, in rosso alla francese.

Assi monete

Marco

121265[/snapback]

Ma gli inglesi non sono misti ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

lopezcoins

Non solo gli inglesi, ma anche altre nazioni hanno assi misti.

Ho cercato di fare uno schema di massima. Tra l'altro mancano alcuni Stati di cui non posseggo nemmono una moneta.

Marco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giuseppe
Comunque il mio istruttore di guida soleva raccontare che una volta si teneva la destra in città e la sinistra fuori (veramente comodo!)

Ho letto da qualche parte che uno dei motivi principali della confusione durante la ritirata di Caporetto fu che chi era originario del Sud teneva la sinistra e chi del Nord la destra così che riuscirono ad intasare il traffico e rallentare la ritirata.

(Prendete la notizia con le molle perchè non l'ho verificata).

Non solo gli inglesi, ma anche altre nazioni hanno assi misti.

Sarebbe interessante verificare se nel caso di assi misti l'allinemento medaglia sia prevalentemente per coniazioni commemorative od importanti e l'altro per il resto.

Vedo prima o poi di fare un pò di ricerca.

Da notare che per il Belgio (ma può darsi non sia il solo caso) si colleziona anche per asse di un tipo o dell'altro che coesiste per il medesimo tipo ed anno.

Edited by Giuseppe

Share this post


Link to post
Share on other sites

ersanto

Ho letto da qualche parte che uno dei motivi principali della confusione durante la ritirata di Caporetto fu che chi era originario del Sud teneva la sinistra e chi del Nord la destra così che riuscirono ad intasare il traffico e rallentare la ritirata.

(Prendete la notizia con le molle perchè non l'ho verificata).

A quei tempi gli spostamenti avvenivano soprattutto a piedi, credo. Se riesci a ricordare dove l'hai visto, sarei interessato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giuseppe

Dove ho letto la notizia non lo ricordo; ad ogni modo riporto qualche nota tratta da una rapida ricerca fatta ora:

La pagina peggiore di Caporetto non fu il successo degli Austro Tedeschi, ma quello che seguì: il caos sulle strade, l'assenza di coordinamento e di collegamento, le brigate accerchiate e lasciate al proprio destino, i soldati dispersi, i furti e le violenze. Quando le armate in ritirata giunsero sulle rive del Tagliamento, della Livenza e del Piave, lí sui ponti la retrocessione delle truppe divenne un indescrivibile groviglio di uomini, carri, cavalli uccisi, colonne ferme per decine di chilometri. Non sarebbe andata cosí se i comandanti fossero stati capaci di organizzare la circolazione stradale, il traffico delle notizie e i rifornimenti. La disfatta di Caporetto costò agli italiani 11600 morti, 30000 feriti, 265000 prigionieri, 3200 cannoni, 1700 bombarde, 3000 mitragliatrici, 300000 fucili.

Ricavato da "http://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Caporetto"

Ai lati delle strade che portavano a Latisana erano stati abbandonati una serie interminabile di carri ed automezzi fuori uso, materiale militare e rifiuti di ogni genere. .....

Le strade si fanno sempre più ingombre. Carri, cannoni, autocarri, truppa a piedi, profughi...

Caporetto!

di Giorgio Milocco

Per altre notizie sul parco automezzi nella prima guerra mondiale:

http://www.cimeetrincee.it/motori.htm

Ovviamente gli automezzi non erano in quantità paragonabile alle epoche successive (ma nemmeno le strade lo erano in quantità e qualità) e penso anch'io che il grosso si muovesse a piedi, tuttavia le testimonianze sono piuttosto chiare in merito agli ingorghi stradali; purtroppo non ho trovato il riferimento che cercavo sulle differenze nel senso di circolazione.

Tieni anche conto, relativamente all'argomento originale del senso di circolazione stradale, che questo vale anche per carri, cannoni, ecc... diversi dagli automezzi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko

Tuttavia resta inesaudita la domanda ;)

Storicamente o tecnologicamente, che cosa ha portato a due "sistemi" di assi di coniazione?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giuseppe
Storicamente o tecnologicamente, che cosa ha portato a due "sistemi" di assi di coniazione?

Ho provato a cercare con Google "coins alignment" ed è venuta fuori una miriade di riferimenti...

Per i relativamente pochi che ho rapidamente letto non sembra ci sia una precesa ragione; non credo comunque si tratti di un motivo tecnico.

Qualche osservazione in merito l'ho trovata in

http://www.24carat.co.uk/headupsidedowninv...verseframe.html

Share this post


Link to post
Share on other sites

luke_idk

Riporto "a galla" questa vecchia discussione, decisamente interessante.

Se non erro, prima della nascita degli "Stati nazionali", erano i sovrani (spesso seguendo la tradizione familiare) a determinare l'asse della moneta. Con l'accorpamento di altri territori e/o con le unificazioni nazionali, l'asse della moneta nazionale, riprendeva quello della casata "egemone" (gli Hohenzollern, i Savoia).

Sicuramente, nel tempo, la scelta seguiva esclusivamente canoni estetici; se in origine esistessero altre ragioni particolari, non saprei e la domanda di Mirko, rimane aperta...

Share this post


Link to post
Share on other sites

luke_idk
Al link di seguito, la mappa del mondo. In blu, gli assi alla tedesca, in rosso alla francese.

Assi monete

Marco

Ma gli inglesi non sono misti ?

Gli inglesi, però, considerano gli assi alla francese, quasi come un "errore". Gli stessi numismatici (almeno da quel pochissimo che mi hanno detto) auspicano un allineamento integrale alla tedesca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

aldo marchesi

Riguardando il libro di giovanni attardi sulle monete in lire della repubblica italiana, lui non cita mai asse alla tedesca o alla francese, le lire avevano l'asse all'italiana, poi è normale che potesse coincidere con quello usato in altre nazioni.saluti aldo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

apollonia
Supporter

Molte monete sono state coniate sia con assi alla francese (coin alignment/rotation) sia con assi alla tedesca (medal alignment/rotation). Ad es. le sterline d’oro con la testa della regina Vittoria giovane del 1871 (coin) e quelle con la regina Vittoria del giubileo del 1887 (medal).

 

post-703-0-68338800-1460896778.jpg

 

post-703-0-62821000-1460896823.jpg

 

Con gli assi alla francese, se uno tiene la moneta diritta tra h 12 e h 6 davanti a sé e la capovolge lungo l’asse verticale, vede l’altra faccia pure diritta.

Con gli assi alla tedesca, partendo dalla stessa posizione uno vede l’altra faccia diritta se ruota la moneta di 180° attorno all’asse verticale. In questo caso si parla di allineamento/rotazione a medaglia perché le medaglie assegnate in premio o come riconoscimento sono predisposte ad essere indossate e quindi munite di un fermaglio di sospensione girevole, in modo che se nei movimenti di chi la porta si presenta la faccia del rovescio invece di quella del diritto, l’osservatore vede in ogni caso l’immagine diritta.

 

Io credo che l’allineamento a medaglia di alcune monete usualmente coniate alla tedesca possa essere attribuito al valore commemorativo delle monete stesse, come ad es. le emissioni del Regno d’Italia del 1911 (cinquantenario).

 

 

apollonia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.