Jump to content
Create New...
IGNORED

Stemmi monocromatici


Ramossen
 Share

Recommended Posts

Buongiorno, eccomi con un'altra delle tante domande sciocche che spesso mi pongo

Sappiamo che gli stemmi nascono prima di tutto come colore ma non sempre era possibile (e non lo è tuttora) riprodurre i colori su di essi come ad esempio sulle monete e negli stemmi marmorei,

Negli stemmi forzatamente monocromatici spesso si usava sostituire il colore con tratteggio di tipo diverso. Ora la mia domanda è questa: esisteva (ed esiste) un codice di rappresentazione dei colori o questo era soggettivamente lasciato all'estro dell'incisore/scultore/tipografo ?

Cioè, che so io, per rappresentare il rosso(li butto li a caso) tratteggio orizzontale, verticale per il verde, diagonale verso destra per il blu, nulla per il bianco ecc. ecc.?

Non ho proprio nulla a cui pensare Eh !! :blum:

Grazie per la pazienza

R.

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Si' il codice esiste e si chiama metodo Pietrasanta:

http://www.contironco.it/Colori.html

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Ah, e' ancora in uso

malta-2-euro-gross.jpg

Link to comment
Share on other sites


Carissimo, la prova che la tua domanda non è stupida è che essa ha ottenuto risposta già dalla prima metà del '600. Da quell'epoca infatti si è codificata una serie di tratteggi ciascuno dei quali rappresenta univocamente uno smalto (colore o metallo). L'invenzione o comunque la sua rigorosa applicazione è di Padre Silvestro da Pietrasanta (Tesserae gentilitiae... 1637).

ARGENTO: non si fa...nulla (si lascia il campo senza alcun tratteggio);

ORO: puntini;

ROSSO: linee verticali cioè parallele all'asse verticale dello scudo, cioè ancora, parallele al "partito";

AZZURRO: linee orizzontali (parallele al "troncato");

VERDE: linee diagonali da destra a sinistra (araldiche, quindi sinistra e destra di chi guarda) e cioè parallele al "trinciato";

PORPORA: linee diagonali da sinistra a destra (vedi sopra) e quindi parallele al "tagliato";

NERO: quadratini formati dall'incrocio di linee verticali e orizzontali (parallele rispettivamente a partito e troncato);

Credo poi, ma chiedo conferma, che le rappresentazioni "al naturale" (cioè secondo l'aspetto somatico presente in natura) di figure siano rese con ombreggiature o altri particolari che per l'appunto conferiscano ad esse tale aspetto (mi si passi il termine) realistico. Per quanto riguarda la resa in elementi acromi del colore "di carnagione" (mani, volti, braccia umani, nudi e al naturale) si è pensato ad una sorta di piccole "c" (credo rovesciate, ma non vorrei ricordare male) ma in pratica si è sempre ricorso ad ombreggiature e comunque a tecniche del disegno.
Spero di essere stato chiaro e soprattutto di non aver commesso errori. Un caro saluto a tutti.

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Oppure anche in:

g1283.jpg

Link to comment
Share on other sites


Grazie a voi tutti: a Ramossen per l'intelligente quesito, a Incuso e Sorante per le azzeccate risposte e le eccellenti immagini.

Il 2 euro maltese reca una bellezza estetica dal sapore classico, oltre a essere raffinatissimo dal punto di vista della tecnica araldica.

Notare il tratteggio rosso come sfondo alla croce non è elementare (bravo :good: Incuso!).

Link to comment
Share on other sites


Da una prima ricognizione mi risulta che le prime monete papali a riportare lo stemma inciso secondo i parameri del Codice Pietrasanta siano quelle di Clemente XII (1730-1740), quelle del suo predecessore sembrano incise al di fuori dei parametri: è plausibile?

Edited by Ramossen
Link to comment
Share on other sites


Sì, è possibile.

Quello del Pietrasanta fu soltanto uno dei molti sistemi grafici ideati per rendere i colori negli stemmi acromi.

Ma fu quello che si impose su tutti gli altri.

Tanto che viene comunemente adottato tuttora.

Ciò non significa che tutti lo abbiano adottato subito.

Come dimostra l'esempio che hai portato.

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Sulle recenti monete inglesi che riportano lo stemma araldico mi sembra non sia usato ad esempio.

Link to comment
Share on other sites


Anche perché lo stemma del Regno Unito è un po' complesso, e nel circoscritto spazio di una moneta il tratteggio araldico rischia di "impastarsi" con le figure.

Col rischio che non si distingue bene né il primo, né le seconde.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

Problemi con la nuova grafica?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.

Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Write what you are looking for and press enter or click the search icon to begin your search