Jump to content
IGNORED

5 lire 22 marzo 1848


Recommended Posts

sono venuto in possesso di una moneta in argento da 5 lire sul dritto

22 marzo 1848 repubblica veneta sul rovescio unione italiana vorrei capire se è un falso perchè non trovo da nessuna parte una descrizione simile a tale moneta e cioè ha il contorno con scritto f e r t con rosette qualcuno puo aiutarmi

Link to comment
Share on other sites


Ciao Umberto, benvenuto :)

Se il contorno ha i "fert" tipici della monetazione sabauda, non ci sono dubbi, si tratta di un falso.... :rolleyes:

Per scrupolo prova a cotrollare il peso (25 grammi per l'originale), che potresti trovare calante anche di un paio di grammi.

Ciao, RCAMIL B)

Link to comment
Share on other sites


Il contorno non è sbagliato nel senso stretto del termine, è una scelta dei produttori (per non dire falsari) che hanno adottato questo contorno per tutti i falsi con motti sul contorno che hanno "in catalogo", ad esempio le 5 lire di Maria Luigia per Parma, pure qui FERT a volontà.... :rolleyes:

Ciao, RCAMIL B)

Link to comment
Share on other sites


Con buona probabilità i FERT sul contorno di una moneta che non c'entra nulla sono una precisa scelta di chi l'ha prodotta perchè non ci siano possibilità di spacciarla per vera. Un pò come le R che campeggiavano su varie riproduzioni regalate da ditte dolciarie e similari.

Link to comment
Share on other sites


Sono gli stessi tondelli usati , per fare la quadriga , l' elmetto , l' aquila, il littore,il 20 lire impero,il 5 lire del cinquantenario : produzione di massa :D

Link to comment
Share on other sites


Sono gli stessi tondelli usati , per fare la quadriga , l' elmetto , l' aquila, il littore,il 20 lire impero,il 5 lire del cinquantenario : produzione di massa  :D

125354[/snapback]

E il Tallero di Umberto I per l'Eritrea, ovviamente :P

Link to comment
Share on other sites


certo che il fert su un 5 lire del governo provv. di Venezia ci sta proprio male...., il motivo è quello che dice Paolino: in teoria possono dichiarare che è una riproduzione, come il 20 lire elmetto o il 20 lire fascetto con la testa di Mussolini :angry: :angry:

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Non condivido la teoria di Paolino, a mio avviso è questione di risparmio, fatto un tondello poi lo uso per tutti. Altrimenti sulle monete in cui il FERT c'e' dovrebbe esserci qualcosa d'altro o no?

Link to comment
Share on other sites


Non condivido la teoria di Paolino, a mio avviso è questione di risparmio, fatto un tondello poi lo uso per tutti. Altrimenti sulle monete in cui il FERT c'e' dovrebbe esserci qualcosa d'altro o no?

125762[/snapback]

Beh, bisogna vedere se si tratta sempre degli stessi falsari... :D

Cmq quello che è certo è che non si tratta di falsi nel vero senso del termine, quanto di riproduzioni.

Link to comment
Share on other sites


lo ridata indietro al furbetto

era uno scambio con una medaglia in bronzo del duce

e dato che era moltoooooo interessato mi ha dato un 5 lire di vittorio emanuele II

1873 zecca r sembra sia tutto ok è che però guardando il valore mi sembra troppo eccessivo lo scambio per una medaglia non sarà anche questa falsa se avete notizie in merito sarei grato leggervi ciao

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

In questo caso il FERT ci sta, però è una moneta molto rara e di cui esistono patacche allo stesso livello di quella precedente. Quasi sempre il peso è sballato.

Se il contorno assomiglia a quello di mezzo nella immagine seguente siamo di fronte alla solita patacca:

Econfronto_bordi_scudi.jpg

Link to comment
Share on other sites


E' MOLTO difficile che uno si disfi di una moneta del genere con uno scambio di questo tipo; oltretutto i falsi del 1873 Roma abbondano in quantità... visto poi il precedente dell'altra moneta di Venezia con i Fert sul bordo...mah, sono molto scettico <_<

Link to comment
Share on other sites


la scritta fert assomiglia  molto alla moneta centrale

quindi    f a l s a   grazie

127232[/snapback]

Come supponevo, purtroppo. :(

Un'altra cosa brutta di queste riproduzioni è che molto spesso non sono neppure in argento, ma sono di un metallo grigio "senza anima"...

Edited by rosarioma778
Link to comment
Share on other sites


  • 3 months later...
  • 4 weeks later...

Mi è arrivata una moneta da 5 lire 1848 dalla Polonia ... mi affascina l'idea che sia finita là seguendo il flusso dei profughi politici del nostro Risorgimento.

PERO'.......!

come distinguerla da un riconio?

quelli che vedo nei mercatini sono di metallo spento e grigio

il metallo del mio esemplare è argento...

il contorno non è del tipo "fert"

il peso è di 24,92 gr

ci sono altri dettagli che consento di individuarne l'autenticità?

Link to comment
Share on other sites


  • 3 weeks later...

Beh, una foto potrebbe aiutare.

Anche sapere cosa c'è sul taglio.

D'altra parte sul peso va detto che solitamente i falsi sono un po' sottopeso (oppure di peso clamorosamente sballato).

In ultimo mi pare di ricordare che negli anni '80 circolavano dei riconii di "scudi" di metà ottocento, non propriamente in argento ma nemmeno in banale acciaio, bensì in qualche lega vagamente simile al peltro, che si diceva (ma non saprei con quale attendibilità) essere provenienti dall'Est Europa.

Poi però non so.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.