Jump to content
IGNORED

Piemonte denaro della zecca di Busca?


Recommended Posts

Ciao a tutti, ho comprato questa moneta ma non riesco a classificarla con certezza. Dovrebbe essere un denaro per Federico II coniato nella zecca di Busca. (Cuneo)

sapete aiutarmi a classificarla con certezza? (riferimenti e rarità)

legenda fronte: MLACEA

retro: IMPATOR con in mezzo FR sotto l' omega

diametro 15 mm.

post-6513-0-97087800-1386859347_thumb.jp

post-6513-0-86192800-1386859354_thumb.jp

vi ringrazio anticipatamente

Edited by adolfos
Link to post
Share on other sites

P.s.: Il Cni non lo attribuisce a Federico II ma a Manfredo II Lancia Marchese (1217-1255). Il Promis, Monete inedite del Piemonte, tav. I, n. 7 e pag. 11 afferma che è stato battuto per concessione di Federico II.

Link to post
Share on other sites

Pare proprio lui! Complimenti per la moneta che risulta essere molto rara. Si tratterebbe quindi di un mezzo denaro imperiale fatto battere da Manfredi II nella zecca di Busca. Al D/ MLANCEA che si può sciogliere sia in Marchio Lancea o in Manfredus Lancia.

Nel MIR (n°110, p. 29) viene considerata con una rarità di R4.

Alcuni dubbi sull'epoca della coniazione e sull'autorizzazione alla sua battitura li puoi trovare su Le zecche italiane fino all'Unità a cura di L. Travaini nella rispettiva voce per Busca trattata da G. Fea.

Link to post
Share on other sites

dabbene

Il MIR lo cataloga come R/4, nel libro " Le zecche italiane " risulta come denaro mezzano scodellato ( mezzo denaro imperiale ) databile ( 1250 -55 circa ? ) e sono citate diverse ipotesi sulla coniazione di questa moneta, sicuramente interessante.

Link to post
Share on other sites

Fa piacere vedere che il mio caro amico noya_noya ha sempre un intuito fuori dal normale! La cosa lascia ben sperare perchè vuol dire che girare per mercatini porta ancora qualche bella sorpresa!Gran bel pezzo che ha il pregio di valorizzare maggiormente le zecche Piemontesi.

Link to post
Share on other sites

  • 3 months later...
dantissimo

Ciao a tutti, ho comprato questa moneta ma non riesco a classificarla con certezza. Dovrebbe essere un denaro per Federico II coniato nella zecca di Busca. (Cuneo)

sapete aiutarmi a classificarla con certezza? (riferimenti e rarità)

legenda fronte: MLACEA

retro: IMPATOR con in mezzo FR sotto l' omega

diametro 15 mm.

attachicon.gifIMG_3134.JPG

attachicon.gifIMG_3133.JPG

vi ringrazio anticipatamente

Buongiorno , sono di BUSCA CN , sto realizzando un libro che parla del marchesato di Busca, gradirei se possibile avere una foto di quella rara moneta coniata nella zecca di Busca, posso scaricarla liberamente ? ( vi sono altre foto?) cordiali saluti.

Link to post
Share on other sites

teofrasto

Buongiorno a voi,

sperando di fare cosa gradita, trascrivo qui di seguito la scheda della voce 'Busca' a firma G. Fea, tratta dalla Guida delle zecche.

Buona giornata, Teofrasto

Busca (Cuneo; Piemonte) G. Fea

Prima di essere costituita in marchesato autonomo Busca fece parte degli estesi domini del marchese di Savona Bonifacio del Vasto. Alla sua morte (1130 circa) il feudo passò in eredità al figlio Guglielmo che ne fu il primo marchese. Il personaggio di maggior spicco tra i componenti la casata fu indubbiamente Manfredi II, figlio di quel Manfredi I che guadagnò alla famiglia il soprannome ‘Lancia’ per essere stato al servizio dell’imperatore Federico I durante l’assedio di Alessandria del 1174-75 [Cordero 1854]. Non a caso la monetazione di Busca è riconducibile esclusivamente a Manfredi II (1217-55 circa), del quale alcuni autori posticipano erroneamente la signoria al 1299-1334 [bazzi-Santoni 1886; Gnecchi 1889; Engel, Serrure 1891]. Uomo di fiducia dell’imperatore Federico II, Manfredi II fu insignito della carica di vicario imperiale ed inoltre numerosi Comuni, tra cui Milano, Alessandria e Chieri, lo vollero come podestà. Non è chiaro quando Manfredi II batté le monete che recano la scritta mlancea (da sciogliere in marchio lancea oppure manfredus lancia); e non è neppure certo che la zecca, tra le tante località che il marchese deteneva in feudo, sia stata avviata a Busca. Promis [1852, p. 13] ritenne che la zecca di Busca sia stata attivata per concessione di Federico II ma non esiste alcun diploma in merito. Un’ipotesi potrebbe essere che il Lancia si sia sentito autorizzato a battere moneta per via del proprio titolo di marchese e vicario imperiale, ma anche questo non è certo. Secondo Rossi [1882b] le monete potrebbero essere state emesse non a Busca ma a Milano, durante il periodo in cui il marchese fu podestà della città, tra il 1252 ed il 1255. Per il diritto di monetazione si veda supra Matzke.

Nominali emessi

Manfredo Lancia, marchese e vicario imperiale (1227-55 circa): in mistura, denaro mezzano scodellato (mezzo denaro imperiale) (1250-55 circa?). Rossi [1882a; 1882b] ha pubblicato un grosso recante le stesse scritte del denaro mezzano, affermando che esso proveniva da un rinvenimento effettuato in provincia di Parma quello stesso anno. Secondo Gnecchi [1888] si sarebbe invece trattato di un falso prodotto a Roma nel 1881. Gli autori successivi hanno ritenuta valida l’ipotesi di Gnecchi e di conseguenza non hanno tenuto conto di quanto affermato da Rossi. Esso è esplicitamente indicato come falso in CNI [iI, p. 50, nota al n. 1]. Brunetti [1966, p. 86, 570] attribuisce, erroneamente, la produzione del grosso falso a Luigi Cigoi (m. maggio 1875).

Collezioni
Roma, MNR, coll. Reale [CNI II, pp. 50-51]; Milano, Civ. R. Num. [belloni 1977; Martini et alii 1987]; Torino, M. Civ. [Fava et alii 1964]; Venezia, M. Correr [Castellani 1925].

Bibliografia: Bazzi, Santoni 1886; Bianchimani 2004, p. 29; Castellani 1925; CNI II, pp. 50-51; Engel-Serrure 1891; Fava et alii 1964; Gnecchi 1889, pp. 46-47; Martini et alii 1987; Promis 1852; Promis 1882.

- Cordero di San Quintino G. 1854, Osservazioni critiche sopra alcuni particolari delle storie del Piemonte e della Liguria nell’undicesimo e dodicesimo secolo, Torino.

- Gnecchi E. 1888, Falsificazioni moderne, «RIN», 1, pp. 266-268.

- Rossi G. 1882a, L’inedito grosso di Manfredi Lancia signore di Busca. Primo marchese e primo nome sull’italiane monete del medio evo, Roma.

- Rossi G. 1882b, Alcune parole sul grosso di Manfredi II Lancia, «BNSSI», 1, pp. 65-79, 117-133.

Link to post
Share on other sites

  • 3 weeks later...
dantissimo

Teofrasto , le tue informazioni sono graditissime, grazie!

Dantissimo, per quanto mi riguarda sei libero di scaricare e utilizzare le foto.

Saluti

Grazie NOYA_NOYA,

chiedo ancora una cortesia , se per caso vi sono altre foto più nitide, altrimenti userò quelle, grazie! Saluti,

PS: quanto potrebbe pesare quella moneta della zecca di Busca?

Link to post
Share on other sites

  • 3 years later...
dux-sab
2 ore fa, piergi00 dice:

un socio del Circolo Numismatico di Lanzo ne ha appena acquistato un esemplare

l'hai vista ? non sarà la stessa ?

Link to post
Share on other sites

savoiardo
Supporter

Non è la stessa di questa discussione..

Posto le immagini dell'esemplare di cui parla Pie

IMG-20170620-WA0011.jpg

IMG-20170620-WA0012.jpg

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.