Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
numismaticasicula

Doppia Pio VII pareri su autenticita'.

Risposte migliori

numismaticasicula
Supporter

Doppia di Pio VII A.XVII zecca di Bologna, proviene da gioiello, diametro 22 mm, peso 5,17, il bordo non presenta limature, nè la moneta mi pare una riproduzione pacchiana,è coniata e ha circolato, il titolo dell'oro corrisponde. Cosa ne pensate?

post-21624-0-03173800-1391707223_thumb.j

post-21624-0-75658000-1391707252_thumb.j

post-21624-0-06188300-1391707281_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giov60

La moneta è sicuramente autentica.

La tipologia con la sigla del Mercandetti corrisponde agli anni di Pontificato XVI (1815-1816, moneta forse impropriamente definita R5, comunque almeno R4) e XVII (1816-1817, moneta definibile R).

Più rara la tipologia senza il monogramma di Tommaso Mercandetti (coniata dopo la sua morte) per gli anni di pontificato XXI (1820-21, definita da alcuni cataloghi R2 ma, di non certa esistenza e, semmai, molto più rara) e XXII (ragionevolmente R2).

La moneta è gradevole, complessivamente qSPL se non fosse per alcuni colpettini diffusi nel campo (oppure segni di montatura) al R\ sulla figura di S.Pietro.

:)

Modificato da Giov60

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numismaticasicula
Supporter

La moneta è sicuramente autentica.

La tipologia con la sigla del Mercandetti corrisponde agli anni di Pontificato XVI (1815-1816, moneta forse impropriamente definita R5, comunque almeno R4) e XVII (1816-1817, moneta definibile R).

Più rara la tipologia senza il monogramma di Tommaso Mercandetti (coniata dopo la sua morte) per gli anni di pontificato XXI (1820-21, definita da alcuni cataloghi R2 ma, di non certa esistenza e, semmai, molto più rara) e XXII (ragionevolmente R2).

La moneta è gradevole, complessivamente qSPL se non fosse per alcuni colpettini diffusi nel campo (oppure segni di montatura) al R\ sulla figura di S.Pietro.

:)

Perfetto, concordo, ma come si spiega il peso di 0,3 gr in meno (non presenta usura tale da far perdere tabto peso) e 1 mm. in meno sul diametro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giov60

Proveniente da gioiello ... i segni al rovescio sono quelli di una spilla? Se così fosse in fase di rimozione del fermaglio è possibile che sia stato asportata qualche minuscola frazione di metallo appartenente alla moneta. Comunque si tratta di una differenza in peso del 5% circa, non nella tolleranza teorica ma sarei curioso di verificarla praticamente in un congruo numero di esemplari.

Per quanto riguarda il diametro, se la moneta non è stata cerchiata nel montarla (e la perlinatura evanescente sul bordo potrebbe farlo sospettare) e dunque "costretta" entro la montatura (purtroppo la foto, per quanto ben fatta, non è tridimensionale) non mi sembra causa l'epoca e la zecca che sia un dato particolarmente significativo. Bologna era rimasta inattiva per un paio d'anni dopo la caduta di Napoleone, e la produzione di coni interna alla zecca era già stata interrotta con l'invasione napoleonica. Dunque una "faticosa" ripresa!

Comunque non preoccuparti. La moneta è indubbiamente autentica!

Modificato da Giov60
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numismaticasicula
Supporter

Proveniente da gioiello ... i segni al rovescio sono quelli di una spilla? Se così fosse in fase di rimozione del fermaglio è possibile che sia stato asportata qualche minuscola frazione di metallo appartenente alla moneta. Comunque si tratta di una differenza in peso del 5% circa, non nella tolleranza teorica ma sarei curioso di verificarla praticamente in un congruo numero di esemplari.

Per quanto riguarda il diametro, se la moneta non è stata cerchiata nel montarla (e la perlinatura evanescente sul bordo potrebbe farlo sospettare) e dunque "costretta" entro la montatura (purtroppo la foto, per quanto ben fatta, non è tridimensionale) non mi sembra causa l'epoca e la zecca che sia un dato particolarmente significativo. Bologna era rimasta inattiva per un paio d'anni dopo la caduta di Napoleone, e la produzione di coni interna alla zecca era già stata interrotta con l'invasione napoleonica. Dunque una "faticosa" ripresa!

Comunque non preoccuparti. La moneta è indubbiamente autentica!

No, non era in una spilla quei segni sembrano stati fatti con qualcosa di appuntito, ma senza asportazione di metallo. La montatura era con cerchietto in oro di diametro superiore a quello della moneta, che si reggeca con gangetti che non hanno lasciato alcun segno dopo rimozione. Anche il contorno presenta le "foglie" in rilievo su tutta la circonferenza. Allora possiamo concludere con coniazione approssimativa...tipo zecca di Napoli o Palermo dove spesso il diametro non è mai uguale, anche se con l'oro il peso era rispettato. Ti ringrazio per i pareri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×