Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
PerUnaLira

120 Grana 1832 ...

Risposte migliori

PerUnaLira

Buonasera,

che ne pensate di questa piastra?

dal vivo i campi non presentano graffi da circolazione, sono quasi perfetti.

Secondo voi i buchetti presenti da cosa possono derivare?

post-19687-0-85894800-1392395321_thumb.j

post-19687-0-91438200-1392395338_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

La piastra del 1832 è tra le più rare di tutte le piastre di Ferdinando ll...... forse più della 1839. Poi la tua è anche spl, se la colorazione dal vivo è più bella rispetto alle foto allora hai fatto un buon affare. A buon intenditor....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gcs

Ciao a tutti, approfitto della discussione aperta dall'amico PerUnaLira per chiedere un parere anche sulla mia 1832 e magari analizzare le differenze.

grazie mille

p.s. foto scattate con lo smartphone :)

post-2835-0-58076700-1392403679_thumb.jp

post-2835-0-30302200-1392403703_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

@@gcs la tua è in conservazione quasi splendida.

Bella patina,ma vari rilievi risultano consunti.I capelli sono ben visibili e la corona non è molto consunta;lettere tutte leggibili

--Salutoni

-odjob

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

PerUnaLira

Qualche ipotesi sui buchetti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

PerUnaLira

Nuove foto più naturali..

post-19687-0-81625500-1392461774_thumb.j

post-19687-0-95080800-1392461799_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ilnumismatico

Qualche ipotesi sui buchetti?

Con le nuove foto mi par di vedere una gradevolissima freschezza del metallo, Spl decisamente.

Le piccole mancanze credo che forse sono da imputare a qualche piccola carenza di metallo nella lega metallica, durante la procedura di preparazione del tondello. Non credo sia nulla di nuovo per questa tipologia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ilnumismatico

Ciao a tutti, approfitto della discussione aperta dall'amico PerUnaLira per chiedere un parere anche sulla mia 1832 e magari analizzare le differenze.

Gradevole esemplare decisamente, anche per l'assenza quasi completa dei graffi tranne che per quella piccola zona tra corona e stemma, ma per me in paragone con la prima ha un'usura decisamente più marcata, almeno da queste foto questa è l'impressione che ho. Bello e regolare il bordo, aspetto inconsueto in questa tipologia, non so se quello al D/ ad ore 5 sia un colpetto o un piccolo difetto dovuto agli incusi sul taglio.

La foto sembra che abbia una predominanza calda di tonalità giallognola, se così fosse presumo che in mano la patina abbia delle gradevoli iridescenze alla periferia del tondello lungo la legenda, sia al D/ che al R/.

Da queste foto per me si attesta in una conservazione ampiamente BB, o BB/qSPL.

In ogni caso rimane un esemplare decisamente gradevole.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rex Neap

@@PerUnaLira :) Il problema potrebbe derivare dalla non corretta esecuzione di creazione del tondello all'origine, come ha anche riferito @@Il*Numismatico ..... infatti potrebbe essere che il tondello era già così prima di essere battuto, infatti nonostante tutto il ritratto, lo stemma, la corona presentano ancora degli ottimi e gradevoli rilievi. La buchelleratura che si nota in alcuni punti potrebbe quindi derivare da un problema tecnico riguardante la lega del metallo, ma è pur vero che i tondelli venivano preparati e calibrati prima della coniazione e che potevano presentare qualche difetto di lavorazione già prima ma qualora avessero avuto difetti superficiali, questi si sarebbero appiattiti con la forte pressione dei coni esercitata dai bilancieri.

Penso quindi che tali corrosioni siano avvenute successivamente, anche a distanza di anni, anche perché i tondelli subivano in genere qualche trattamento e/o riscaldamento prima della coniazione, diversi a seconda del metallo; la coniazione poi doveva riportare tutto “in apparenza” alla normalità ma ovviamente possono essere rimasti alla superficie dei punti "deboli" sui quali l'azione del tempo e degli agenti atmosferici hanno agito.

Altro non saprei spiegarti......comunque sia è davvero un ottimo esemplare :good:

Un saluto cordiale Pietro.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ilcollezionista90

@@PerUnaLira personalmente non andrei oltre al qspl .

Complimenti per l'acquisto :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Nuove foto più naturali..

Le motivazioni tecniche sulla presenza dei micro fori potrebbero essere due: la prima è che i tondelli provengono da verghe di metallo fuse e poi lavorate, schiacciate e modellate dagli obrieri. Se durante tali operazioni di produzione delle verghe c'era presenza di micro-bollicine d'aria all'interno del metallo, di conseguenza te li ritrovi anche sul tondello. Altra motivazione potrebbe essere quella che il metallo, in origine, abbia avuto al suo interno qualche impercettibile particella di metallo plumbeo e che con il passar del tempo l'ossido di piombo abbia fatto sgretolare il metallo poco nobile in superficie lasciandovi al suo posto un piccolo cratere.

Ad ogni modo si tratta di leggeri difetti, impercettibili quasi, riscontrabili in molti altri esemplari coevi e per tanto non penso influisca gran chè sulla quotazione commerciale.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ciao a tutti, approfitto della discussione aperta dall'amico PerUnaLira per chiedere un parere anche sulla mia 1832 e magari analizzare le differenze.

grazie mille

p.s. foto scattate con lo smartphone :)

attachicon.gifWP_000701.jpg

attachicon.gifWP_000702.jpg

Ciao Giuseppe @@gcs , anche la tua non è male ma per poterti dare un consiglio preciso dovresti cortesemente postare qualche immagine scattata alla luce del sole o almeno a luce naturale e non in ambiente domestico. Attendo un tuo gentile riscontro. :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gcs

Grazie Francesco e a tutti coloro che mi hanno dato il loro prezioso parere. @francesco77 Non appena posso ti invio immagini alla luce del sole. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Galenus

Buona domenica a tutti. Ottima moneta, rara e ben conservata. Anche la mia, dello stesso anno, ha quelle piccole porosità (con il cellulare non riesco a copiare il link della discussione, comunque era intitolata "120 grana 1832") e anche un altro esemplare, sempre del 1832 ed attualmente in un listino di una grossa casa d'aste, presenta le stesse caratteristiche. Nulla di deturpante, come ti hanno già detto sono probabili difetti di coniazione che non inficiano per nulla la freschezza dei rilievi. Complimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

PerUnaLira

Grazie per i vostri pareri e le utilissime informazioni! :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×