Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
gpittini

Massimiano: la nostalgia del potere.

Risposte migliori

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

M.Aurelius Valerius Maximianus era un compaesano dalmata di Diocleziano, e fu uno dei suoi primi e più stretti collaboratori. Inviato dall'imperatore a stroncare la rivolta dei Bagaudi, popolazione gallica semi-cristianizzata che aveva eletto Amandus come proprio capo (ai Bagaudi ed alle loro diffuse scorrerie contro gli occupanti romani ed i possidenti bisognerebbe dedicare una discussione specifica).

Massimiano li sconfisse e nel 286 fu nominato Augusto.

Le vicende della tetrarchia sono di una complessità snervante, e sarebbe molto noioso riassumerle in modo compiuto. Diciamo che nel 305 Diocleziano abdicò come previsto, e costrinse il riluttante Massimiamo ad imitarlo. Ma il meccanismo delle successioni "per chiamata" andò in pezzi già nel 306, quando si ripresentò in modo dirompente il principio dinastico: prima Costantino pretese di succedere al padre Costanzo Cloro, poi Massenzio al padre Massimiano. Non solo: Massenzio invitò il padre a riprendere la porpora, e questi si affrettò a farlo, dando inizio nel 306 al suo "secondo regno". La confusione regnò sovrana nell'impero, ed i conflitti divamparono.

Ma verso la fine del 307 padre e figlio litigarono e Massimiano fuggì in Gallia, chiedendo protezione ...a Costantino, niente meno. Dopo l'incontro di Carnuntum e la mediazione di Diocleziano, Massimiano nel 308 abdicò di nuovo. Ma nel 310 ci ripensò ed iniziò il suo 3° Regno. Assediato a Marsiglia da Costantino, dopo la conquista della città fu messo a morte, o forse si suicidò.

Insomma, una figura tragica, che non seppe mai rinunciare al potere e finì per morirne. Ad illustrazione di tutto questo vi mostro tre monete, due di Massimiano vivente ed una post-mortem.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

La prima (che avete già visto) appartiene al Primo Regno ed è stata coniata a Lugdunum. Al D:, ritratto con elmo radiato e crestato, IMP C MAXIMIANUS PF AUG. Al R. VIRTUTI AUGG, Ercole mentre strozza il leone nemeo. Occorre ricordare la particolare simbologia religiosa messa in auge durante la tetrarchia: Diocleziano aveva come protettore Giove, mentre Massimiano aveva Ercole (ed era detto Erculeo, così come il suo cesare Costanzo Cloro). E' la C566, RIC V-2 439.

post-4948-0-66583800-1392666079_thumb.jp

Modificato da gpittini
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

Rovescio.

post-4948-0-20096100-1392666132_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

La seconda è del Secondo Regno (estate 307), e la condizione di "augusto anziano" è testimoniata dal titolo SEN (senator), assunto dopo la prima abdicazione; la moneta è molto deteriorata, ma interessante per questo. La titolatura al D suona: IMP MAXIMIANUS SEN AUG. Al R, tempio esastilo con divinità al centro. Zecca di Cartagine (PKA in esergo). E' la RIC VI, Cartagine, 59.

post-4948-0-68413700-1392666473_thumb.jp

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

Rovescio.

post-4948-0-88266500-1392666518_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

L'ultima è un follis post-mortem, coniato da Massenzio per ricordare il padre: il ritratto velato al D è infatti quello di Massimiano, con legenda: IMP MAXENTIUS DIVO MAXIMIANO PATRI. Al rov., tempio esastilo con cupola, ed aquila sul fastigio; porte chiuse al centro del tempio. AETERNA MEMORIA, MOSTS. E' la RIC VI, Ostia n. 26. Coniata fra il 309 ed il 312.

post-4948-0-22786900-1392666804_thumb.jp

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

Rovescio.

post-4948-0-50947100-1392666856_thumb.jp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Massenzio

L'ultima è un follis post-mortem, coniato da Massenzio per ricordare il padre: il ritratto velato al D è infatti quello di Massimiano, con legenda: IMP MAXENTIUS DIVO MAXIMIANO PATRI. Al rov., tempio esastilo con cupola, ed aquila sul fastigio; porte chiuse al centro del tempio. AETERNA MEMORIA, MOSTS. E' la RIC VI, Ostia n. 26. Coniata fra il 309 ed il 312.

La porta è aperta.

Modificato da Massenzio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

E' eccezionale quel IMP MAXIMIANVS SEN AVG, il il SEN che in termini moderni si può tradurre con "augusto emerito". ma forse, meglio, come "senatore a vita". Cioè con un significato allo stesso tempo di passo indietro e di rivendicazione imperiale. Il SEN AVG mi sembra, insomma, un capolavoro di diplomazia: da una parte con Diocleziano, dall'altra con se stesso.

Sono d'accordo con @@gpittini sui bagaudi: meriterebbero una discussione a parte. Ma pongo subito un quesito: in Britannia esistevano organizzazioni (perché di tale si tratta) analoghe?

Modificato da cancun175

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

@@Massenzio: hai ragione, è aperta; o per meglio dire, socchiusa.

@@cancun175: quanto ai Bagaudi, a me risultano documentazioni per la fine del III secolo in Gallia (soprattutto regione della Loira) e per fine IV-V secolo in Gallia e Hispania. Sembra si trattasse di popolazioni agricole, ancora sostanzialmente celtiche e pochissimo romanizzate, che si ribellarono a soprusi dell'esercito romano ed alla oppressione dei latifondisti. Si armarono (in modo un po' primitivo) e fecero scorrerie in molte zone; repressi da Massimiano nel 286, come poi lo saranno da Ezio nel V secolo.La cosa strana (appresa ad un corso di Cristianesimo Antico nel 2010) è che nei secoli successivi furono "artificialmente" cristianizzati,mentre in realtà non lo erano; e nell'XI secolo furono considerati martiri cristiani; in alcuni casi, anzi, soldati romani cristiani "martirizzati" per il loro rifiuto di combattere e di uccidere, un po' come certi martiri (autentici) dell'Africa ai tempi di Diocleziano. La vicenda (anche cronachistica) è molto complicata. Pare comunque che esistesse un "Castrum Bagaudarum" a 12 Km da Parigi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×