Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Matteo69

Gettone o tessera ?

Risposte migliori

Matteo69

Salve a tutti,

tempo fa acquistai questo gettone o tessera, è in rame ha un dimetro di 22 mm e pesa 3,13 gr , dalla tipologia stilistica sembrerebbe del periodo rinascimentale però non essendo competente di gettoni mi sarebbe gradito un vostro parere in merito, grazie.

post-2134-0-46353000-1406710666_thumb.jp

post-2134-0-57611400-1406710723_thumb.jp

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pozleo

Complimenti. Tessera molto bella. Molto probabilmente Venezia XV sec.

Tipologia poco studiata.

Allego le immagini di due miei esemplari coniati utilizzando gli stessi conii della tua per una delle loro facce.

O meglio il conio del personaggio assiso è lo stesso, della testa laureata è identico il disegno.

post-10355-0-55524300-1408474894_thumb.j

post-10355-0-01267800-1408474953_thumb.j

La bibliografia per questa tipologia di tessere è scarsissima.

pozleo

Modificato da pozleo
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gigetto13

interessantissime! che utilizzo possono aver avuto? gettoni per qualche gioco, forse.

da cosa si deduce che siano veneziane? non ho ancora consultato il voltolina ma dubito di trovarle, però secondo me come attribuzione ci sta. in particolare è davvero interessante la figura del personaggio (romano?) laureato. mi ricorda molto una figura che si trova sul fregio di Giorgione nella casa di Castelfranco, e rimanda (nel caso l'attribuzione a Venezia fosse come io credo verosimile) forse a qualcosa di misterico. (intendo appartenente a quelle "società" che sorsero a Venezia in quel periodo, dove grandi pensatori, filosofi, artisti e umanisti si riunivano con finalità puramente intellettuali)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pozleo

Inizio a dare qualche risposta.

- No! Voltolina non le ha inserite nella sua opera sulle tessere Veneziane. Ne avevo discusso anche con lui ma non potendo riferirle a nessuna delle istituzioni, confraternite o enti veneziani, le aveva tenute nel cassetto.

- L'unica bibliografia riferibile risale addirittura al secolo XIX, Almeno così mi risulta non avendo reperito altro.

- Il testo più esaustivo è quello di J.von Schlosser, Die altesten Medaillen und die Antike, Wien, 1897, che illustra le tessere di questa tipologia conservate al Museo Bottacin di Padova,

- L'attribuzione è per la famiglia dei Sesto di Venezia, orafi e intagliatori di monete e medaglie.Famiglia numerosa che tramandava da padre in figlio l'arte loro. Vissuti nel XV secolo.

- Il più recente commento è di A.M.Stahk e L.Waldman, in The earliest know medalists: the Sesto brothers of Venice. in American Journal of numismatics, 5-6, New York, 1993-94. Che dubitano dell'attribuzione ai Sesto: "The style of Alessandro's reverse has led some people to suggest, without compelling evidence, that he was the creator of a large series of bronze tokens from the Veneto"

- Personalmente li ritengo frutto di incisori di Venezia. Per ragioni stilistiche che non possono dar adito a dubbi.

- Per il loro utilizzo risponerò di tardi

pozleo

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gigetto13

grazie mille per le risposte.. Stahk credo tu intenda Stahl? --- bellissime testimonianze e, nel mio piccolo, sono d'accordo con l'attribuzione a Venezia: troppi indizi a favore, pochi contro; non saprei spiegare perché ma l'iconografia mi rimanda inevitabilmente a quella città.

Un'ultima domanda: si possono considerare emissioni (magari non ufficiali) della zecca o private? So che molte tessere venivano comunque coniate all'interno della zecca, ma si tratta di emissioni per confraternite o alimentari. Nel caso delle vostre tessere, non si vedono simboli espliciti né religiosi né tantomeno commerciali.

Piuttosto, io ci vedo immagini pseudo mitologiche o misteriche (passami il termine), o anche semplicemente "classiche" come il busto laureato, che si inseriscono molto bene nel periodo culturale e filosofico della Venezia rinascimentale...

Per intendersi, qualcosa che ha a che fare con l'Hypnerotomachia Polyphili, scusa l'arditezza filologica. Sono davvero molto curioso di conoscere la tua idea riguardo all'utilizzo. (anche in MP, al limite)

Ciao

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gigetto13

ultimissima domanda: pare quindi che i conii di dritto e rovescio fossero intercambiabili? questo è molto curioso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pozleo

Ovviamente è Stahl. Sono ancora in vacanza e utilizzo un portatile. Avrai notato che non è il solo errore. Perché capita che io pigi due tasti contenporaneamente.

Per quanto riguarda la bibliografia non devo dimenticare il primo numismatico (per quello che ne so) che le studiò. Fu il numismatico veneziano Carl Kunz che descrisse una decina di tessere attribuendole a Tiberio di Marco Sesto. Tutte tessere che poi sono state illustrate anche da von Schlosser. Anche in un vecchissimo catalogo del Museo Correr questa tipologia di tessere è attribuita ai Sesto.

Per quanto riguarda i conii questi erano utilizzati unendoli più volte ad altri conii creando una sequenza che ci permette di creare un albero che apparenta le tessere più diverse. I conii poi si usuravano o si rompevano e venivano sostituiti con altri con lo stesso disegno. Disegno che non poteva essere identico ma differiva da qualche particolare. Come quello della testa di giovane laureato che Von Schlosser descrive come "Testa di un giovane Cesare romano (il giovane Elagabalo?)"

post-10355-0-70184600-1408570677_thumb.j

Anche questa tessera utilizza conii già impiegati sulle due tessere che avevo postato

Cercherò di risponderti sull'utilizzo di queste tessere (solo ipotesi). Forse domani.

Non ho ancora sentito Matteo69!

Leopoldo

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Matteo69

Salve Pozleo,

ti ringrazio per le tue delucidazioni molto interessanti, non essendo collezionista di questo genere di tessere avevo solo supposto che si potesse trattare di una tessera rinascimentale solo per via dello stile, infatti presumevo che la tessera fosse del 1400-1500, tu mi hai dato una conferma e in più adesso so anche che molto probabilmente è una tessera veneziana. Sono molto interessanti quelle che tu hai in collezione, da li si evince che i coni del dritto e del retro potevano essere accoppiati sostituendo solo il dritto o il retro, scusa se non ti ho risposto prima ma non mi sono collegato per un po' di tempo e solo oggi ho visto i nuovi post.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×