Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
villa66

Altre tiratura personali?

Risposte migliori

villa66

Non molto tempo fa c'era un thread qui sulle forme a volte dispari che prende il nostro interesse reciproco in monete. Sicuramente ci sono molti altri che hanno colpito la propria monetazione? Mio proprio è un affare molto grezzo, e qui dalla mia "collezione speciale" sono solo due superstiti del mio monetazione "Romana":

post-12167-0-98635200-1411366249_thumb.jpost-12167-0-40594500-1411366264_thumb.j

Ancora una volta, questi sono i due ultimi sopravvissuti dei 15-20 pezzi (uniface) che ha colpito in Italia nel 1967 usando un martello e un cacciavite (di mio pugno!). Il metallo usato è il piombo, e io spray-painted circa 5 ciascuno in oro, argento, e rame. La "denominazione" è visibile al centro: in rame era semplicemente "I", in argento "I-punto", e in oro "I-punto-punto."

Stavamo studiando storia romana nella scuola al momento, quindi "T" per Tiberius è visibile in alto a destra.

Quasi tutti i 15-20 "tiratura" furono alla fine perso o distrutto in vari giochi di finzione, ma almeno uno o due di loro sono stati scambiati per un collezionista adulti per la strada. Quindi forse uno o due altri ancora sopravvivere, ma quasi certamente non.

E poi ci sono i miei modelli "Orientali" dall'anno prossimo, 1968. : D

Eventuali altre tiratura personali?

:) v.

-----------------------------------------------------------------

Not long ago there was a thread here about the sometimes odd forms our mutual interest in coins takes. Surely there are many others who have struck their own coinage? My own is a very crude affair, and here from my “special collection” are the only two survivors of my “Roman” coinage:

post-12167-0-98635200-1411366249_thumb.jpost-12167-0-40594500-1411366264_thumb.j

Again, these are the last two survivors of the 15-20 (uniface) pieces I struck in Italia in 1967 using a hammer and a screwdriver (my punch!). The metal used is lead, and I spray-painted about 5 each in copper, silver, and gold. The “denomination” is visible at center: in copper it was simply “I”, in silver “I-dot,” and in gold “I-dot-dot.”

We were studying Roman history in school at the time, so “T” for Tiberius is visible at upper-right.

Almost all of the 15-20 “mintage” were eventually lost or destroyed in various games of make-believe, but at least one or two of them were traded to an adult collector up the street. So maybe one or two others still survive, but almost certainly not.

And then there are my “Oriental” patterns from the next year, 1968. :D

Any other personal coinages?

:) v.

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

prtgzn

Scusa l'ignoranza. Ma quello che stai chiedendo è se qualcuno di noi ha coniato in proprio delle "monete"?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Scusa l'ignoranza. Ma quello che stai chiedendo è se qualcuno di noi ha coniato in proprio delle "monete"?

Si!

:D v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ray-ban

Io da piccolo disegnavo a mano le banconote che poi usavo per giocare... ma monete non ne ho mai coniate! :D

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Utente.Anonimo3245

Ciao Villa, io non ho mai coniato monete ma qualcuno lo ha fatto per me :P :D , potrai vedere la mia moneta nell'ultima pagina. Le tue monete sono molto belle, bravissimo. Ciao, Giò

http://www.lamoneta.it/topic/127433-riapertura-della-zecca-di-tagliacozzo/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

prtgzn

Sinceramente non mi è mai passato per la mente di farmi, anche per gioco, delle monete "in proprio". Forse perché nella cerchia di amici con cui si giocava non se n'è mai parlato. Sarebbe stata una bella idea, ragionando adesso con il senno di poi. Sarebbe stato bello giocare a qualcosa con le monete fatte in casa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

zenith1

Io da ragazzino ricordo che assieme ad altri ho fatto in un certo senso qualcosa di simile,in particolare come molti altri avranno fatto usavamo i tappi delle bottiglie come tondelli ,ma la differenza era che il bordo doveva essere ben ripiegato sul retro e veniva inciso un numero che era il valore, in funzione della stampa sul dritto,per esempio il tappo con la stella della famosa ditta del santo valeva 10 ,ricordo che per un certo periodo li usammo per acqustare tra ragazzini varie cose tipo fumetti soldatini ecc. poi arrivo' con l'eta' la svalutazione e andarono fuori corso .

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

...arrivo' con l'eta' la svalutazione e andarono fuori corso .

:D v.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Estate 1968, scuola era fuori e vacanze estive erano arrivato con i suoi ettari ed ettari di tempo libero. Una settimana che sperimentato con una nuova "tiratura", apparentemente non molto tempo dopo che avevo imparato così numeri orientali l'estate potuto data mia moneta giapponese. Mio 1968 "modelli:"

post-12167-0-68682300-1411925606_thumb.jpost-12167-0-46262300-1411925619_thumb.j

A sinistra è la denominazione di c.15mm "5", con la c.18mm "10" a destra (ho ancora il "20" ma corrosione ha sorpassato esso.) Ho usato un planchet più spessa rispetto con il "monete romane" l'anno prima, che ha consentito un disegno bifacciale. Sono di piombo ancora una volta e sarebbe stata dipinta, ma non sono mai stati.

E naturalmente i bambini sono bambini, quindi non voglio essere troppo imbarazzato a recitare i dettagli di progettazione. L'Oriental "1" sotto l'alba recto è una data fatta stile dinastica e qui sta per 1968. Orientale grande "5" e "10" occupano il centro di inverte i due. Mie iniziali ci sono, e la "S", beh, collezionisti di monete americane riconoscerà marchio di zecca di San Francisco, che era un mini-ossessione entro l'hobby quando ho conosciuto monete.

La zecca di San Francisco aveva chiuso nel 1955, ma aveva riaperto in metà -anni '60 a seguito della carenza di moneta. A causa della carenza di moneta, tuttavia, tutti mintmarks era stato rimosso dalle monete americane a partire dal 1965 nel tentativo di ridurre la domanda di collezionista. Mintmarks—e soprattutto di San Francisco "S"—restituito alla monetazione degli Stati Uniti nel 1968. E non per coincidenza, fece la sua comparsa prima quell'anno sul mio "monete".

Ma questi modelli 1968 sarebbe la mia ultima avventura in coniatura. Io avevo esaurito il mio metallo approvvigionamento (i piombo piombini da pesca nella cassetta degli attrezzi di papà) e poi—come nel post di ottima di zenith1 sopra—la stessa cosa è successa a me come finalmente succede a tutti i bambini... smettere di essere bambini.

:) v.

---------------------------------------------------------

Summertime 1968, school was out and summer vacation had arrived with its acres and acres of free time. One week that summer I experimented with a new “coinage,” apparently not long after I had learned Oriental numbers so I could date my Japanese coin. My 1968 “patterns:”

post-12167-0-68682300-1411925606_thumb.jpost-12167-0-46262300-1411925619_thumb.j

At left is the c.15mm “5” denomination, with the c.18mm “10” at right (I still have the “20” but corrosion has overtaken it. ) I used a much thicker planchet than with the “Roman coins” the year before, which enabled a two-sided design. They’re of lead again, and would have been painted, but never were.

And of course kids are kids, so I won’t be too embarrassed at reciting the design details. The Oriental “1” beneath the obverse sunrise is a date done dynastic style, and here stands for 1968. The large Oriental “5” and “10” occupy the center of the two reverses. My initials are there, and the “S,” well, collectors of American coins will recognize San Francisco’s mintmark, which was a mini-obsession within the hobby when I first met coins.

The San Francisco mint had closed in 1955, but had reopened in the mid-‘60s as a result of the coin shortage. Because of the coin shortage, however, all mintmarks had been removed from American coins beginning in 1965 in an attempt to reduce collector demand. Mintmarks—and especially San Francisco’s “S”—returned to U.S. coinage in 1968. And not coincidentally, made its first appearance that year on my own “coins.”

But these 1968 patterns would be my last adventure in coining. I had exhausted my metal supply (the lead fishing sinkers in Dad’s toolbox), and then—as in zenith1’s excellent post above—the same thing happened to me as finally happens to all kids…we stop being kids.

:) v.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gallienus

@@villa66

Non c'è che dire, questo significa avere la numismatica nel DNA :)

Io non mi sono mai spinto oltre le prove sui materiali: principalmente sui 10 lire in italma intervenivo con vari strumenti per verificare cosa succedesse al tondello... ne avrò massacrati, forati e stortati una decina.

Ma avevo 11 o 12 anni, non ero ancora legalmente perseguibile :P

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Exergus

Adoro la serie "rising sun" di San Francisco, hanno anche una bella patina :)

Ricordo che da piccolo con una morsa avevo schiacciato diversi tondelli di piombo tra due monete da 50 lire.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Che dire....molto interessante.

Molto grazie...

;) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cancun175

Monete mai coniate. Ma "medaglie" sì. Facevamo (con una banda di amici terribili) le Olimpiadi in giardino a Bolzano e avevamo bisogno delle "medaglie". D'oro, d'argento e di bronzo. Come fare? Semplice: con le monete da 20 lire (oro), da 10 lire (argento) e da 50 lire (bronzo). Ma occorreva far perdere loro l'aspetto di moneta. Ci pensava il tram. Il tram? Certo, le mettevamo sui binari e il tram ci passava sopra. Ora vedo che le venti lire di quegli anni (fine Cinquanta) sono rarette...

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×