Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
L. Licinio Lucullo

Il Sole in quadriga

Recommended Posts

L. Licinio Lucullo
Supporter

http://numismatica-classica.lamoneta.it/moneta/R-G255/1

 

Immagine.jpg

Edited by L. Licinio Lucullo

Share this post


Link to post
Share on other sites

L. Licinio Lucullo
Supporter

Una delle più belle emissioni repubblicane, con uno stile tra i più raffinati e ricchi. Se ne sa poco, a iniziare dalla data di emissione e dal monetario, forse uno dei generali che nel 107 prese parte alla guerra giugurtina; si propende per un Aulus Manlius Sergianus Quinti filius, anche se Mattingly (From Coins to History: Selected Numismatic Studies, p. 144) nota che nessun appartenente alla nobile gens Manlia portava il praenomen Quintus e preferisce ritenere questo triumviro come un esponente di origine plebea di una casata minore.

Crawford dice sbrigativamente che sono “interamente oscure” le ragioni per ritrarre il sole circondato da luna e stelle emergere dalle onde del mare; altri vedono nella scena un’allegoria della vittoria che viene da Oriente. Infatti Cneus Manlius Vulso, possibile antenato del magistrato, console nel 189 riportò una grande vittoria contro i Galati in Asia Minore; sebbene in un primo momento il Senato lo avesse accusato di aver minacciato la pace fra i Seleucidi e Roma, assolto da tali accuse celebrò il trionfo.

Belloni (La moneta romana) individua un parallelismo compositivo tra questa moneta e Cr. 310/1, ritenendole ispirate da uno stesso ambiente culturale e, forse, anche contemporanee: il D/ è pressoché simile, con un volto dai caratteri duri, quasi mascolini, identificato da una legenda posta in identica poszione; entrambi portano il segno del valore X sebbene, ormai, il denario valesse 16 assi; infine, al R/ riportano entrambi scene mitologiche che rinviano all’Oriente.

Qui la X è al R/, posta in posizione opposta al sole per evitare uno scompenso asimmetrico. L’importanza che assumeva (per il monetario) la rappresentazione del crescente è attestata dal fatto che il Sole lo guardi e dalla considerazione che, senza Luna, si sarebbe potuto pure omettere la (ormai desueta) X. Completano la scena due stelle, a significare l’alternanza di giorno e notte. Per Babelon (non accolto dal Crawford) e Belloni potrebbe essere un riferimento ai successi di Cneo Manlio Vulsone in Asia e Grecia, durante il suo consolato (189). Per Amisano, è evidente un collegamento con un successivo verso di Virgilio (Eneide, XII, 114): “Quando, di buon mattino, i cavalli del Sole sorgono dal profondo del mare, spargendo luce dalle nari dilatate”

Edited by L. Licinio Lucullo

Share this post


Link to post
Share on other sites

L. Licinio Lucullo
Supporter

Discussioni su questa emissione:

https://www.lamoneta.it/topic/185255-un-pezzo-di-arte-dallantichità/

 

Edited by L. Licinio Lucullo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.