Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
417sonia

Cavalieri di San Marco

Risposte migliori

417sonia
Supporter

Buona serata

Spessissimo, leggendo libri di storia veneziana, ci si imbatte in personaggi di casate nobili qualificati come cavalieri dalla “Stola d'oro”; ma chi erano questi cavalieri e cosa rappresentava la “Stola d'oro”?

Senza alcuna pretesa di scientificità, ho pensato che fosse utile dare alcune informazioni al riguardo; informazioni che, comunque, sono accessibile in rete, ma spesso in maniera non molto omogenea.....

Andrea Tron cavaliere dalla stola d'oro

post-21005-0-34949900-1414254563_thumb.j

Fabio Mutinelli, nel suo libro del 1851 “Lessico Veneto”, da questa definizione:

Erano innalzati a questa dignità i soli patrizi, e lo erano per diritto di discenzenza, per essere stati dichiarati cavalieri da qualche sovrano e per decreto del Senato e del Maggior Consiglio. Della prima classe eran tre sole le famiglie, cui fosse annesso alla primogenitura il cavalierato perpetuo, cioè una dei Contarini appellati dal Zaffo (ramo della famiglia che traeva origine da Giorgio Contarini, creato conte di Giaffa - Zaffo in dialetto veneziano – dalla Regina di Cipro, Caterina Cornaro), una del Quirini (Querini), ed una dei Morosini. Gli altri cavalierati non erano ereditarii, terminando con la morte di chi n'era fregiato.

Fu poi questo cavalierato detto della Stola d'oro avvegnachè l'insegna dei cavalieri era appunto una stola, o batolo, pendente dalla spalla, affatto d'oro in occasione di pubbliche comparse, ed ordinariamente di panno nero ornata di ricco gallone d'oro con frangie parimenti d'oro. I cavalieri dopo il loro nome solean sempre, nelle sottoscrizioni, porre la lettera K, che volea significar cavaliere.

Oltre alle famiglie nominate, che potevano fregiarsi in perpetuo del titolo, wikipedia cita in proposito anche il conte Giacomo Zanotto, insignito cavaliere per il ruolo svolto in occasione della battaglia di Lepanto, la cui concessione del cavalierato aveva beneficio di essere trasmessa in perpetuo ai suoi discendenti legittimi.

Il Mutinelli aggiunge, anche, che esistevano i Cavalieri di San Marco, e così li definisce:

Non appartenevano al patriziato ed avean questo titolo specialmente quei capitani mercantili, che si fossero bravamente difesi contro il Turco e i cordali, cui davasi a premio un'aurea catena con medaglia, pur aurea, avente l'impresa di San Marco. Parlando con rigorosità non può dirsi pertanto, che i fregiati di questo distintivo dovessero considerarsi come addetti ad un vero e proprio ordine equeste.

post-21005-0-95766300-1414254683_thumb.j

Vi è poi il caso della croce concessa ai canonici della Cattedrale di Treviso dal Doge Alvise Mocenigo IV nel 1769, foto che segue.

post-21005-0-26678300-1414254782_thumb.p

Ho trovato anche uno scritto più recente, e molto interessante, del Signor Emiliano Balistreri in “academia.edu” di cui posto il link.

http://www.academia.edu/6885616/I_cavalieri_di_San_Marco

Di seguito posto anche le motivazioni a compendio della croce concessa al Cap. Antonio Benussi di Rovigno, il 26 settembre 1720

post-21005-0-49703400-1414254966_thumb.j

26 settembre 1720 - viene redatto il Privilegio per la nomina a Cavalier di San Marco del Capitan Antonio Benussi di Rovigno:

Jannes Cornelius Dei Gratia Dux Venetiarum etc. - Ad perpetuam memoriam
Pienamente andate per l'intiero corso della spirata Guerra di continuo in gara al concorso tutte le prerrogative più desiderabili di valore, coraggio, e di Fede, per dar
risalti alle benemerenze ben distinte verso la Repubblica Nostra alla persona del Capitan Antonio Benussi, che fruttuosamente servì in qualità di Capitan e d'Ammiraglio
le cariche così ordinarie che estraordinarie delle Pubbliche Nave, riportando molteplici ferite, come giuratamente informano li Provveditori dell'Armar e volendo il Sena-
to rendere confermati li requisiti spetiosi che adornano l'attitudine del Capitano medesimo col lasciarlo meritatamente consolato nelle sue oneste, e giuste istanze, e pale-
sarle con contrassegni di freggio la Pubblica compiacenza è divenuto con decreto delli 5 corrente in deliberatione di ricercarsi ad insignirlo dell'onoriffiche marche di
Kavalier di San Marco.

In riconoscenza però delli di lui comendabili operati, che lo costituiscono in gradi di particolar consideratione, e merito distinto convenendovi prontamente la grata di-
spositione dell'animo nostro, nominiamo et in virtù delle presenti dichiariamo il sopradetto Capitan Antonio Benussi Kavalier di San Marco e come tale gl'impartiamo
facoltà d'usare il titolo, voti, spada, speroni d'oro, et ogni altro militare, et equestre ornamento, e di goder tutte le prerrogative, giurisditioni, libertà e privileggi, che sono
proprij, e consueti a Kavalieri et che alla vera militare, et equestre dignità s'appartengono. Dovendo in ogni luoco, e da chi si sia esser nostra mano, e dal nostro solito
sigillo munito, a memoria de posteri.
Datae in Nostro Ducali Palatio sun die 26 mensis Septembris 1720

Saluti

luciano

Modificato da 417sonia
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×