Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
margheludo

Toscana sesino pisa

Risposte migliori

margheludo

Buongiorno a tutti,ho trovato giusto ieri la discussione relativa a questa rara moneta in cui @monbalda dava ad un utente tutte le spiegazioni del caso.vorrei chiedere a lei,e a chiunque sappia rispondermi,se questo mio esemplare appartiene al suo gruppo( AX1a )e se nel frattempo gli esemplari conosciuti sono aumentati ed eventualmente cambiato l' indice di rarita'(R4 per il MIR).altra domanda se a dx del bambino Gesu cio' che si vede e' il suo braccio o qualcosaltro.grazie a tutti buona notte. Peso 0,87 diam 19mm rovescio ben leggibile con i segni di abbreviazione (C`) e sul piede della P.

Al dritto credo non ci siano dubbi sul segno di zecca ☆ e, credo ,l'unica differenza nell interpunzione,con due punti invece che uno tra lr parole PROTEGE :VIRGO

post-29237-0-29392200-1414370368_thumb.j

post-29237-0-00314100-1414370388_thumb.j

Modificato da adolfos

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

monbalda

Caro @@margheludo,
L'esemplare che hai postato e' un sesino del mio gruppo A.X.1, ma del sottogruppo c, proprio perché ha due punti sovrapposti tra la parola "protege" e la parola "virgo" e mi pare che poi abbia un punto solo invece tra "virgo" e "pis": tu che puoi vedere meglio con la moneta in mano confermi queste interpunzioni?.

Rientra in quel sottopgruppo anche perchè sull'altra faccia la legenda presenta un punto prima , tra e dopo ciascuna parola.

La rarità attribuita a questo tipo di sesino era eccessiva già ai tempi del MIR (basta vedere tra le varie interpunzioni in legenda già quanti ne compaiono nel mio volume del 2010...) perché proprio negli ultimi 10-15 anni ne sono saltati fuori diversi esemplari, sopratutto di questi con la stella (molto rari al momento rimangono invece i sesini con gli altri tre segni noti, ovvero rami uniti, globetto e scudo gotico).

A destra del braccio del bambino, come penso tu sappia, non dovrebbe esserci nulla. per quello che posso vedere dalla tua foto in basso a destra mi pare di vedere un altro spezzone del cerchio perlinato, frutto di un leggero scivolo di conio. Il segnetto un poco sopra non lo vedo molto bene da poterne dire l'origine, ma mi pare assolutamente qualcosa di non voluto. Comunque per dire qualcosa di più preciso su queste monete dovresti caricare fotografie più grandi e fatte non con flash, che ci spara sempre un poco sopra, ma con luce radente (ovviamente ancora meglio la visione diretta, come detto anche altre volte).

Spero di aver risposto a tutti i tuoi quesiti in modo chiaro, altrimenti fammi sapere.

Dacci poi conferma sulle interpunzioni per favore, così da 'incasellare' bene anche il tuo pezzo. Grazie anche per i dati metrologici postati, che continuo a registrare per tutte le monete pisane, in modo da avere una migliore campionatura possibile per gli istogrammi/ medie dei pesi anche dei sottogruppi.

Un caro saluto MB

Modificato da monbalda

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

Buona sera,grazie come al solito per l'esauriente risposta,in questa sezione sono tutti molto preparati ma quando si parla di PISA bisogna sempre sperare in un tuo intervento che e' ,infatti, arrivato puntuale come sempre.tu sai quanto pisa sia importante per l'elba,e non so se mi deprima di piu' stare sotto la provincia di livorno o lo scarso interesse che questa zecca riscuote all interno di questo forum.(sto scherzando ovviamente).L' isola e'piena di testimonianze della dominazione pisana ,il nostro granito e' disseminato in qa e in la tra i monumenti e gli edifici pubblici della tua citta',per non parlare del ferro,quindi ho sempre considerato questa zecca molto importante.ma torniamo al sesino,ti confermo la sequenza delle interpunzioni come avevi gia osservato. D/+:PROTEGE:VIRGO.PIS(nessun punto prima della croce) R/+.FEDERIC.IMPATOR . ho un ultima domanda da farti.ho notato che tutte le R delle legende,pur avendo le "zampe "che si toccano , c'e' sempre un accenno di piedino sporgente che di fatto e' sufficente per disringuerle dalla B.ma nella R di IMPATOR questo non avviene,sembra proprio una B.giusto per curiosita',cosa ne pensi?grazie per la tua gentilezza buona notte a presto.

Modificato da margheludo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

monbalda

Buona sera,grazie come al solito per l'esauriente risposta,in questa sezione sono tutti molto preparati ma quando si parla di PISA bisogna sempre sperare in un tuo intervento che e' ,infatti, arrivato puntuale come sempre.tu sai quanto pisa sia importante per l'elba,e non so se mi deprima di piu' stare sotto la provincia di livorno o lo scarso interesse che questa zecca riscuote all interno di questo forum.(sto scherzando ovviamente).L' isola e'piena di testimonianze della dominazione pisana ,il nostro granito e' disseminato in qa e in la tra i monumenti e gli edifici pubblici della tua citta',per non parlare del ferro,quindi ho sempre considerato questa zecca molto importante.ma torniamo al sesino,ti confermo la sequenza delle interpunzioni come avevi gia osservato. D/+:PROTEGE:VIRGO.PIS(nessun punto prima della croce) R/+.FEDERIC.IMPATOR . ho un ultima domanda da farti.ho notato che tutte le R delle legende,pur avendo le "zampe "che si toccano , c'e' sempre un accenno di piedino sporgente che di fatto e' sufficente per disringuerle dalla B.ma nella R di IMPATOR questo non avviene,sembra proprio una B.giusto per curiosita',cosa ne pensi?grazie per la tua gentilezza buona notte a presto.

Caro @@margheludo,

in effetti Pisa è stata importante per l'Elba e l'Elba è stata altrettanto importante per Pisa. Ti farà piacere sapere che di recente quando a Pisa è stata rifatta la Piazza dei Cavalieri gli scavi archeologici hanno documentato la presenza di un vastissimo quartiere per le lavorazioni siderurgiche (XI-XIII secolo), probabilmente del ferro elbano. Le fonti scritte ne accennavano, ma vedere i resti di quei forni e gli accumuli di scorie per uno spazio così ampio e in una zona così centrale anche per la Pisa medievale, faceva immediatamente capire la rilevanza del fenomeno.

Per quanto riguarda il particolare che tu hai osservato devo fare una verifica su tutti gli esemplari che ho schedato, ma non sarei così certa che sia sempre sempre così, anche se è vero che è presente su diverse serie. Appena potrò darò un'occhiata e ti farò sapere.

Tuttavia anche se fosse che tutti gli esemplari mostrassero questa variante di R non sarebbe facile spiegare la cosa, visto che non mi pare che possa essere dovuto a motivi tenici o "funzionali". Del resto per quanto ci possiamo sforzare, non è sempre possibile spiegare tutto quello che riguarda periodi a noi così lontani, ed il fascino che essi hanno per noi è dovuto anche un poco a questo.

Un caro saluto MB

Modificato da monbalda

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

Buona sera Monica,non sapevo dell'esistenza di forni per la riduzione del ferro in citta',infatti PISA fondeva direttamente in prossimita' delle zone di estrazione,praticamente lungo tutte le vallate,e non solo quelle grandi,dell'isola.unico requisito la presenza di acqua,ma come accadde in epoca romana,probabilmente a causa di una cattiva gestione della ruotazione delle zone di taglio della macchia,oppure semplicemente perche' questa non bastava ,o per il crescente quantitativo, imposto da Pisa, di ferro prodotto,si inizio'a trasportare il minerale sulla terra ferma.io ho a casa sul muro del giardino 4 formelle di ferro di cui 2 attaccate tra loro a mo' di stecca di cioccolato,provenienti da valle buia a seccheto,di epoca pisana ancora integre(quello si che era ferro,non quello della carrozzeria della mia 500 giardinetta)per quanto riguarda la moneta e quella strana R,in effetti tutte le lettere hanno forme non convenzionali ,le E in particolare sono bellissime per quanto sono strane,e cosi' tutte le altre.veramente affascinanti.grazie per l'interesse buona notte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

Buon sera a tutti, il mio secondo sesino g.0,82  mm.17 per @monbalda che ne registra i dati metrologici, quelle di questo nominale sono a mio avviso le aquile più belle di tutta la monetazione Pisana che ne sfoggia spesso di bizzarre, con fattezze che vanno dal Dodo al tacchino.🐓 La moneta è malconcia ma sufficientemente leggibile, si vede la stella a 5 punte quindi gruppo A.X.1 probabilmente sottogruppo "a" ma non escludo che possa avere 2 punti anziché 1 tra "protegge" e "virgo". A seguire le foto della moneta e del curioso confronto tra le "R" finali di IMPATOR. Nei due esemplari, Sembra che nel caso della moneta precedente abbiano usato per sbaglio un'altro punzone, saluti a tutti e buona serata.

2017-03-06_19.47.15.jpg

2017-03-06_19.49.05.jpg

2017-03-04_16.34.48.jpg

2017-03-05_23.49.04.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

@margheludo Belli davvero gli aquilotti!

Il punzone (o incisione?) della stanghetta della R sembra posizionato al contrario. Forse un errore di conio.

Hai già riscontrato questa particolarità in altri esemplari di conio diverso? Te lo chiedo perché, se sì, è voluto.

Cari saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

margheludo

Ciao @adolfos , non credo sia un caso che l'unica R Con Gambetta aperta tipo quella del confronto qui sopra che ho visto, sia quella di un esemplare dello stesso gruppo (A.X.1a.) O almeno così sembra dalla foto sul volume di Monica ed è la R di FEDERIC. La moneta non è sicuramente R4 come proposto da Montagano ma pur sempre molto rara e non ne ho viste altre "de visu", sembra comunque che il sottogruppo "c" a cui appartiene la prima moneta postata abbia come caratteristica questa R chiusa con un accenno di piede che la rende riconoscibile come R, mentre quella di IMPATOè diversa, resta da capire se le lettere sono un punzone unico o sono composte da diversi punzoni,( o incise?) Giusto per escludere il dolo.Buona notte a tutti.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adolfos

@margheludo

Ora ho capito. Alcuni elementi mi erano sfuggiti.

Grazie per la spiegazione

ciao

Modificato da adolfos

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×