Jump to content
IGNORED

coniazione dei falsi


tartachiara
 Share

Recommended Posts

ciao a tutti, visto che il mercato della numismatica è pieno di falsi, da quelli più recenti ai falsi d'epoca, mi piacerebbe sapere come vengono ottenuti questi falsi? quali erano e quali sono le tecniche per ottenere un ottimo falso? come facevano?

grazie a tutti in anticipo.

Link to comment
Share on other sites


Gran bella domanda. Non ho competenze in merito, per potere rispondere a questa domanda, ma credo che le tecniche siano state, nel tempo, diversissime, dalle più artigianali a quelle più "professionali" (inclusi interessanti processi chimici per "portare a galla" piccole quantità d'argento, mescolate ad un mare di stagno. Ti mostro soltanto un link ad una discussione, che ha fatto emergere proprio questa ipotesi.

Link to comment
Share on other sites


grazie per il link adesso leggo la discussione. Comunque mi piacerebbe approfondire le tecniche di produzione dei falsi, se qualcuno è esperto in materia gli sarei molto grato se potesse darmi qualche informazione :)

Link to comment
Share on other sites


A me interesserebbe sapere qualcosa in più su un metodo, che mi è stato descritto. Non avendo competenze in materia di chimica-fisica non posso assicurare, che sia realistico e come avvenga. Sembra che, in passato, venisse utilizzato un sistema che faceva emergere in superficie la piccola quantità di argento, che era legata ad un altro metallo vile, così da falsificarne al meglio l'aspetto. Bufala? Credibile?

Link to comment
Share on other sites


  • 3 weeks later...

A me interesserebbe sapere qualcosa in più su un metodo, che mi è stato descritto. Non avendo competenze in materia di chimica-fisica non posso assicurare, che sia realistico e come avvenga. Sembra che, in passato, venisse utilizzato un sistema che faceva emergere in superficie la piccola quantità di argento, che era legata ad un altro metallo vile, così da falsificarne al meglio l'aspetto. Bufala? Credibile?

questa è la tecnica di sbiancatura, ma veniva utilizzata anche nelle monete a corso legale per portare in superficie l' argento e lasciare all' interno il materiale vile... quindi non è una peculiarità dei falsi... le monete argentee venivano generalmente trattate così (salvo casi di percentuali argentee troppo basse, in questo caso la sbiancatura risultava inefficace

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


con la tecnologia odierna (scanner 3d e frese con tolleranze nell'ordine dei micron) il problema resta il materiale, quantomeno nella monetazione classica e medievale. Nelle moderne, con leghe più "stabili", penso sia meno complicato fare il materiale.... naturalmente bisogna avere gli originali, poi da modificare per renderli diversi tra di loro...

ma questa è solo una mia banalizzazione, ....figuriamoci se si può fare....

Link to comment
Share on other sites


In

ma i falsi vengono coniati o vengono fatti per cosi dire colando il materiale dentro uno stampo?

I Falsi quelli con la F maiuscola fatti bene per essere spacciati come veri, vengono coniati, gli altri quelli col materiale colato che dici tu ( stampaggio a pressofusione ) sono solo dei gettoni facilmente riconoscibili e non vengono neanche considerati dei Falsi.

Link to comment
Share on other sites


La moneta viene prima "scansione" in 3d, tutto quello che viene rilevato attraverso un processore viene elaborato e trasformato in matematica ( assi cartesiani X-Y-Z) il tutto viene rivisto ed eventualmente corretto, tuti i dati acquisiti vengono a questo punto inseriti per essre rielaborati in un altro processore.( post processor) il quale provvederà a gestire il percorso dell'utensile.

( quindi la lavorazione meccanica attraverso macchine utensili a CNC) dando inizio alla modellazione vera e propia.

Questo processo CAD_CAM) si usa abitualmente nel settore meccanico e non, per la lavorazione/ modellazione dell'acciaio

Ho cercato di spegarlo in 2 parole e non so ( sinceramente) quanto sia chiaro per chi non è del settore.

ti inserisco un esempio tanto per darti l'idea. ;)

per un chiarimento più aprofondito puoi anche vedere quì

http://www.directindustry.it/fabbricante-industriale/software-cad-cam-64377.html

post-14814-0-41790700-1327615450_thumb.j

Edited by Euripe
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


o mio dio :) tutto questo casino per fare un falso. grazie per la risposta Euripe. e 100 anni fa come facevano a fare i falsi?

Non per fare un Falso...Ma per fare il conio, dal quale potranno poi, coniare migliaia di Falsi. ;)

come facessero una volta..?...e...questo è un mistero ..bho.. bella domanda però.. :good:

post-14814-0-09248600-1327692874_thumb.j

post-14814-0-90842200-1327692940_thumb.j

Edited by Euripe
Link to comment
Share on other sites


I Falsi quelli con la F maiuscola fatti bene per essere spacciati come veri, vengono coniati, gli altri quelli col materiale colato che dici tu ( stampaggio a pressofusione ) sono solo dei gettoni facilmente riconoscibili e non vengono neanche considerati dei Falsi.

I falsi realizzati per pressofusione, se di buona qualità, possono essere tutt'altro che facili da riconoscere. Quelli che sono in genere "facilmente riconoscibili" sono quelli realizzati per semplice fusione, visto l'ammorbidimento dei rilievi e la generale presenza di bolle nel metallo.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


o mio dio :) tutto questo casino per fare un falso. grazie per la risposta Euripe. e 100 anni fa come facevano a fare i falsi?

Credo che facessero così >

Si procedeva alla fusione di apposita lega metallica da versare in stampi precedentemente preparati mediante l’utilizzo di monete legali (originali e il più possibile nuova con tipo e legende con il massimo rilievo); ottenuto lo stampo in questo si colava la lega fusa in appositi crogiuoli e ottenuta la riproduzione della moneta il pezzo veniva usualmente sottoposto a parecchie operazioni addizionali; in corrispondenza dell’apertura dello stampo che permetteva la colatura della lega di norma si osserva un rigonfiamento del bordo che spesso si estendeva sulle facce della moneta, questo difetto veniva rimosso con l’uso di una fine limetta.

I falsari che intendevano fabbricare le monete mediante il procedimento del conio avevano sempre la necessità di provvedersi di un torchio o del bilanciere; per procurarsi la matrice ponevano al fuoco un piccolo blocco di acciaio dolce, di forma cilindrica e quando questo era divenuto incandescente lo si poneva sotto la pressa di un bilanciere, accoppiato ad una moneta genuina da cui si voleva ottenere l’impronta applicandovi la forza necessaria ad ottenere sul blocco d’acciaio l’impronta; l’operazione si ripeteva per tutte e due le facce della moneta ma il più delle volte era necessario acquisire una certa pratica nell’operazione prima di ottenere uno stampo discretamente riuscito; essendo comunque difficile far penetrare bene l’acciaio incandescente nelle piccole insenature della moneta ottenuto il conio questo era generalmente ritoccato.

Ciao

Edited by peter1
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


grazie mille per la risposta, ma utilizzavano questa tecnica anche per monete rare come ad esempio il 5 lire 1901? non danneggia la moneta?

Link to comment
Share on other sites


Tieni presente che la pratica prima esposta era in uso principalmente con le monete del Regno delle Due Sicilie......per quelle dopo l'Unità d'Italia credo anche, ma di falsi d'epoca di questo periodo....... non ve ne sono molti.

Edited by peter1
Link to comment
Share on other sites


  • 4 months later...

Salve

Vorrei dare il contributo alla discussione, con questa moneta trovata tra le mie (parecchie false) che a mio avviso spiegherebbe in parte come realizzavano un falso. I colori non rispondono al vero, in realtà è più argentata. Sul fronte c'è il cappellone che non so chi è, sul retro c'è un accumulo di metallo ai lati, rimasto incompiuto su moneta probabilmente originale originale francese. A mio avviso ad una moneta non so di che materiale aggiungevano altro materiale e il tutto veniva punzonato. poi anticato. Forse ho fatto confusione, ma vederla dal vivo rende abbastanza l'idea.

Spero di aver contribuito

Ciao Giosuè

post-30796-0-85218000-1339267503_thumb.j

post-30796-0-64263000-1339267524_thumb.j

Edited by Giosuè
Link to comment
Share on other sites


dimmi un pò non è che vorresti fare un falso???? :rofl:

probabilmente qualcuno ci ha già pensato, guarda questa, non so cosa è, più piccola e sottile stranamente, non penso sia autentica, però non si sa mai (non me ne intendo)

anzi se qualcuna sa di cosa si tratta.....

grazie

post-30796-0-31864600-1339444522_thumb.j

post-30796-0-19587000-1339444538_thumb.j

Edited by Giosuè
Link to comment
Share on other sites


Nella storia della numismatica dei "grandi falsari" c'e ne sono sempre stati ... purtroppo.

Ma la coniazione delle monete è una tecnica impossibile da fare,

infatti ogni falso ha dei dettagli che possono essere scovato con apposite tecniche.

:good: Dario

Link to comment
Share on other sites


E' vero, come si è parlato in altre discussioni infatti i metodi per coniare i falsi sono numerosi, in questo caso l'impresa cioccolatiera non ha trovato molte difficoltà poiché la moneta serviva solo e soltanto ad attirare più clienti, e non a ingannare il mercato spacciandola per vera, perciò è facilmente riconoscibile.

:hi: Nik

Link to comment
Share on other sites


  • 2 months later...
  • uzifox pinned this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.