Jump to content
IGNORED

allestimenti museali


polase
 Share

Recommended Posts

In questa nouva discussione vorrei affrontare i problemi che incontrano gli appasionati di numismatica quando visitano collezioni e mostre sulle monete.

Soprattutto la scarsa qualità degli espositori e la pochezza di informazioni presenti.

Ho visionato la collezione di aurei presenti presso la Soprintendenza d'Abruzzo (Castello Cinquecentesco) e devo dire che mi ha lasciato un po perplesso. Ma non si poteva trovare una soluzione migliore? Utilzzare delle luci diverse? Mettere a disposizione una lente d'ingrandimento? Riposizionare le monete cadute?

Quali sono state le vostre esperienze? Cosa consigliereste?

ciao

Polase

Link to comment
Share on other sites


L'unica soluzione ottimale fra quelle che ho visto, è quella adottata dal "Musée de la Monnaie" a Parigi, dove dei pannelli (verticali) di plexiglas disposti in mezzo alle sale contengono le monete disposte in "fori", pronte ad essere esaminate dal dritto e dal rovescio.

Link to comment
Share on other sites


Sull'ultimo numero di Cronaca Numismatica presentavano delle vetrine a rotazione per poter ammirare entrambi i lati delle monete, nonché i bordi, spesso altrettanto interessanti.

Comunque, lavorando in un museo posso assicurarvi che è piuttosto difficile curare un allestimento... Finora ho lavorato con i curatori che espongono da noi per cinque anni e solo ora sarei in grado di allestire una mostra da solo... e noi facciamo quattro mostre all'anno... certi musei allestiscono una volta ogni dieci...

Link to comment
Share on other sites


L'unica soluzione ottimale fra quelle che ho visto, è quella adottata dal "Musée de la Monnaie" a Parigi, dove dei pannelli (verticali) di plexiglas disposti in mezzo alle sale contengono le monete disposte in "fori", pronte ad essere esaminate dal dritto e dal rovescio.

149239[/snapback]

Soluzione utilizzata anche nella saletta del medagliere del Palazzo Ducale di Urbino.

P. :)

Link to comment
Share on other sites


L'unica soluzione ottimale fra quelle che ho visto, è quella adottata dal "Musée de la Monnaie" a Parigi, dove dei pannelli (verticali) di plexiglas disposti in mezzo alle sale contengono le monete disposte in "fori", pronte ad essere esaminate dal dritto e dal rovescio.

149239[/snapback]

Soluzione utilizzata anche nella saletta del medagliere del Palazzo Ducale di Urbino.

P. :)

149283[/snapback]

Anche al Museo Archeologio di Siviglia

Link to comment
Share on other sites


In qualche museo, in aggiunta ai pannelli di plexiglas/vetro, contenenti le monete visibili sia al dritto che al rovescio, è a disposizione anche una lente di ingrandimento scorrevole........ un accortezza che evita a molti visitatori di spiaccicare gli occhi sulle vetrine. Queste soluzioni purtroppo non sono spesso prese in considerazione da chi si occupa degli allestimenti museali, tanto per fare un esempio nel comune dove risiedo, le collezioni numismatiche sono visibili solo da un lato (a volte dal D e altre dal R, con quale criterio boh :whome:).......

Link to comment
Share on other sites


Supporter
L'unica soluzione ottimale fra quelle che ho visto, è quella adottata dal "Musée de la Monnaie" a Parigi, dove dei pannelli (verticali) di plexiglas disposti in mezzo alle sale contengono le monete disposte in "fori", pronte ad essere esaminate dal dritto e dal rovescio.

149239[/snapback]

Soluzione utilizzata anche nella saletta del medagliere del Palazzo Ducale di Urbino.

P. :)

149283[/snapback]

Anche al Museo Archeologio di Siviglia

149351[/snapback]

Anche la collezione Bovi a Napoli è esposta con questo sistema.

Link to comment
Share on other sites


Ma questo tipo di esposizione la trovate comoda? Funzionale?

A me lascia un po perplesso.... mi sembra una soluzione buona per far vedere le monete a chi non è realmente interessato...

Se uno vuole studiarsi una moneta... magari dovrebbe poter accedere a soluzioni più comode... metti caso che voglio prendere due appunti... o voglio approfondire la visione di alcuni particolari...

Link to comment
Share on other sites


Bè io credo che come museo, sia già abbastanza farti osservare lamoneta da tutte le angolazioni.

Non saprei altrimenti come esporre la moneta senza metterla a rischio... :(

Al museo di palazzo Schifanoia a Ferrara, le poche monete (della bellissima collezione non visibile :director: :aug: :bash: ) visibili, sono esposte sotto una teca formata da delle lenti sopra alle monete.

In questo modo si possono apprezzare meglio i dettagli, ma questo è il modo migliore credo. :(

Link to comment
Share on other sites


L'unica soluzione ottimale fra quelle che ho visto, è quella adottata dal "Musée de la Monnaie" a Parigi, dove dei pannelli (verticali) di plexiglas disposti in mezzo alle sale contengono le monete disposte in "fori", pronte ad essere esaminate dal dritto e dal rovescio.

149239[/snapback]

Soluzione utilizzata anche nella saletta del medagliere del Palazzo Ducale di Urbino.

P. :)

149283[/snapback]

Anche al Museo Archeologio di Siviglia

149351[/snapback]

Anche la collezione Bovi a Napoli è esposta con questo sistema.

149375[/snapback]

Hai perfettamente ragione. Me ne ero dimenticato!

Link to comment
Share on other sites


Credo che solo noi amanti della numismatica possiamo apprezzare certe monete e certe particolarità in esse. :(

E in percentuale siamo pochini, rispetto alla massa di gente che ogni giorno visita un museo.

Alla maggior parte della gente, interessa leggere i talloncini o le legende che indicano di cosa si tratta, senza nemmeno guardare l'oggetto.

Non importa quindi vedere dritto o rovescio, ma importa l'oggetto in se.

Solo un pubblico esperto, o meglio appassionato può apprezzare, non solo un dritto o un rovescio, ma i rilievi, la patina, i disegni...

:wub: :wub:

A maggio mi è capitato tramite l'università, di visitare il cantiere di restauro del castello di Baia, sopra Pozzuoli, dove si sta allestendo un bel museo con monili e reperti recuperati con gli scavi e i restauri di zona.

In una parte del museo ho potuto ammirare qualche bell'asse repubblicano e qualche didramma di Neapolis. Vi posso assicurare che mentre ai miei colleghi o ai professori, questi pezzi non facevano nè caldo nè freddo e non erano neanche degnati di uno sguardo, io li osservavo con "amore" e venivo guardato come un "malato mentale"...

La soluzione più giusta credo che sia quella già citata sopra, che permette di osservare la moneta su entrambi i lati.

La soluzione con lente, forse è più appropriata per mostre numismatiche dedicate principalmente agli amanti in materia... :P

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.