Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Legio II Italica

Massenzio , un “Conservatore” del IV secolo

Risposte migliori

Legio II Italica

Massenzio e’ uno degli Imperatori , anche se non fu mai riconosciuto come tale , al quale la Storia antica , quella scritta dai contemporanei , non ha reso giustizia o almeno una parvenza di obiettivita’ storica , anzi e’ stato descritto dalla parte avversa come un feroce tiranno , della peggiore specie ; naturalmente come sempre avveniva , tali giudizi furono postumi alla morte e senza alcun dubbio nocque alla memoria di Massenzio la sua “fede” negli antichi Dei di Roma non avendo compreso l’ importanza dei tempi e delle tendenze religiose che cambiavano , mutazioni che al contrario l’ opportunista Costantino seppe fare sue cambiando drasticamente il mondo romano quando dopo la morte di Licinio , rimase unico Imperatore .
Comunque il tema del post non e’ quello prettamente religioso e morale di Massenzio , che lo oppose al nascente astro Costantino , per chi volesse approfondire questo argomento basta leggere le opere di Lattanzio , di Nazario , di Prudenzio e sopra tutto di Eusebio , tutti scrittori cristiani quindi di “parte” e accusatori di Massenzio colpevole di ogni infamia sia in ambito civile che religioso ; tranne il solo Lattanzio quando sembra di affermare che Massenzio non fu un persecutore di Cristiani o che comunque pose fine alle persecuzioni ed anzi permise loro di praticare i loro culti sia alla Chiesa romana che a quella di Cartagine .
Massenzio fu in pratica l’ ultimo Imperatore che visse da Romano antico , era convinto pagano e onorava il culto della Dea Roma , delle origini di Roma e di Marte in particolare , una cui base di marmo esiste ancora oggi davanti alla Chiesa di Sant’ Adriano nel Foro Romano , l’ antica Curia del Senato , che tra altre frasi dice : “ Marti invicto patri et aeternae urbis suae conditoribus dominus noster Imp Maxentius p.f. invictus Aug ……” base dedicata a Massenzio da Furium Octavianum “virum clarissimum curatorem aedium sacrarum” ; capi’ anche , primo tra gli Imperatori dichiaratamente pagani , che la politica delle persecuzioni era fallimentare e prese la via della tolleranza , anche Eusebio , suo acerrimo accusatore , riconobbe a Massenzio almeno questo merito .
Notevolissima fu l’ attivita’ edilizia di Massenzio , specialmente se rapportata alla brevita’ del suo imperio , una delle opere piu’ famose e giunte fino a noi , e’ la grande Basilica sulla Via Sacra , ricostrui’ il Tempio di Venere e Roma , costrui la immensa Villa sulla Via Appia composta da un Palazzo , da un Circo e da un Mausoleo di famiglia , che forse contenne le sole ceneri del solo Romolo , il figlio morto ancora giovane ; fu un manutentore di Strade , moltissime arterie viarie riportano il suo nome inciso sui cippi e colonne miliarie .
Quasi tutte le monete emesse da Massenzio , dei Follis o minimi di Follis , riportano come iconografia la sua fede religiosa pagana e il suo spirito di “Conservatore” delle tradizioni antiche romane , sono monete numerosissime e normalmente comuni ma stilisticamente belle , abbastanza monotone come legende dei rovesci , ma cariche di questo significato tradizionale antico , quasi a voler inculcare nei sudditi il ricordo delle origini e delle divinita’ di Roma ; tipici esempi monetali sono i Dioscuri della zecca di Ostia , con o senza la Lupa che allatta Romolo e Remo circondati dalla scritta Aeternitas Aug N , oppure la lunga serie emessa dalle varie zecche di Aquileia , Roma e Ticinum con al rovescio un Tempio con la Dea Roma , da sola o con Massenzio a cui la Dea Roma offre il Globo , oppure il Tempio con la Vittoria e la Dea Roma , tutte circondate dalla scritta Conserv urb suae , o Conservatores urb suae . Concludendo , Massenzio fu l’ ultimo imperatore di un mondo religiosamente in via di cambiamento definitivo , tento’ con metodi che oggi definiremo “mediatici” , tramite l’ edilizia e principalmente della monetazione , di rinverdire nei sudditi il ricordo dei vecchi Dei e delle antiche origini di Roma , ma fu travolto , oltre che dal Tevere , dal nuovo astro di Costantino e dalla nuova Religione ormai incuneatasi profondamente nel mondo romano e portatrice di nuove speranze per l’ umanita’ .

post-39026-0-35886300-1428761828_thumb.j

post-39026-0-58808300-1428761844_thumb.j

post-39026-0-61281900-1428761862.jpg

post-39026-0-82658400-1428761874.jpg

post-39026-0-23544200-1428761890_thumb.j

post-39026-0-87607700-1428761908.jpg

Modificato da Legio II Italica
  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Bel lavoro @@Legio II Italica e comunque belle monete peccato sia cosi comuni e svendute per pochi euro non gli rendono giustizia.

 

Ciao @@vandalo85 e grazie , e' vero le monete di Massenzio , follis e frazioni per le tipologie sopra esposte nel Post , sono in generale abbastanza comuni e come dici tu piuttosto svalutate , forse nuoce l' iconografia troppo ricorrente sebbene di buona fattura , pero' attenzione , una classificazione BB non si paga pochi euro , ma se comprata regolarmente , qualche decina di euro almeno e piu' se ha traccia di argentatura , poi il prezzo dipende dalla tipologia del dritto (busto di Massenzio) , dalle zecche e in particolare dal simbolo e numero di officina e dai simboli esistenti nel fronte del Tempio ; sono insomma monete "comuni" ma da studio per alcune particolarita' iconografiche , tant'e' che nel RIC alcune di queste sono classificate anche con R2 (vedi foto) ; facendo attenzione a questi fattori si puo' acquistare con un po' di fortuna qualche esemplare da "urlo" .

post-39026-0-88276200-1428819912.jpg

Modificato da Legio II Italica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Druso Galerio

Esteticamente è un tipo di monetazione che, per quanto ripetitiva, trovo gradevole, come in generale buona parte di quella della I Tetrarchia.

 

Riguardo la figura di Massenzio, non so se sia corretto considerarlo "romano" in tutto e per tutto, nel senso che - al netto delle nefandezze attribuitegli dalla propaganda avversa - credo anche che il suo spingere sull'identità romana tradizionale probabilmente non sia esente da una certa porzione di calcolo politico, considerato che il suo apparato militare si fondava appunto su elementi romano-italici.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Esteticamente è un tipo di monetazione che, per quanto ripetitiva, trovo gradevole, come in generale buona parte di quella della I Tetrarchia.

 

Riguardo la figura di Massenzio, non so se sia corretto considerarlo "romano" in tutto e per tutto, nel senso che - al netto delle nefandezze attribuitegli dalla propaganda avversa - credo anche che il suo spingere sull'identità romana tradizionale probabilmente non sia esente da una certa porzione di calcolo politico, considerato che il suo apparato militare si fondava appunto su elementi romano-italici.

 

Ciao @@Druso Galerio , indubbiamente Massenzio non era "Romano" nel senso tradizionale del termine , forse lo era di nascita , non e' certo dove nacque ; infatti il padre Massimiano era nativo di Sirmio in Pannonia e la madre Eutropia era siriana , ma ormai nel IV secolo chi poteva definirsi "vero Romano" , specialmente riferito ad un Imperatore ?

Se fu un calcolo poiltico per ingraziarsi la fazione pagana romano italica , sicuramente ancora preponderante , non e' dato sapere , ma fu un' abile mossa politica che gli procuro' consensi , in particolare dall' ambiente militare , infatti sappiamo che nel corso della battaglia di Ponte Milvio , pochi fuggirono tra cui Massenzio forse per difendere Roma , mentre il nucleo dell' esercito di Massenzio formato da Pretoriani e Italici mori' sul campo senza retrocedere di un passo .

Se una cosa fu rinfacciata a Massenzio dalla storia , fu la sua scarsita' come uomo di guerra ; tanto e' che fu indotto a combattere in campo aperto contro Costantino perche' indotto dagli indovini che promettevano la morte sul campo al "nemico di Roma" inteso essere Costantino , mentre i suoi generali consigliavano di rimanere dentro Roma , da poco rinfonzata lungo la linea delle Mura Aureliane .

Per il resto fu veramente un amante della romanita' classica .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Druso Galerio

Sicuramente sbagliò i suoi calcoli nel considerare Costantino semplicemente un "buon generale" come lo era stato ad esempio Severo II, ma credo che anche la storia della sua sortita sulla base di responsi divinatori sia più propaganda che altro.

Massenzio, probabilmente, sapeva che nonostante tutto, in termini puramente tecnici e anche di consenso politico, a Costantino era impossibile porre un assedio duraturo a Roma: troppo grande e troppo importante...ma era altresì conscio che il suo stesso consenso, in fase calante anche fra i suoi sostenitori, non avrebbe retto anche al solo bluff, di un assedio, e che probabilmente sarebbe andato incontro a rivolte interne che avrebbe svolto il lavoro senza che Costantino si dovesse impegnare direttamente.

Scelse quindi, immagino, di giocarsi il tutto per tutto sul campo.

Modificato da Druso Galerio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ciao , esiste un ottimo testo , purtroppo di un secolo fa che tratta esplicitamente della battaglia dei Saxa Rubra , detta un po' erroneamente di Ponte Milvio , libro esemplare .

post-39026-0-39667600-1428832212_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Druso Galerio

Interessante! certo bisogna vedere se in qualche modo è reperibile, magari in copia fotostatica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Interessante! certo bisogna vedere se in qualche modo è reperibile, magari in copia fotostatica.

 

@ Druso Galerio , vedo con piacere che sei interessato all' argomento ; oggi non posso , forse in serata o piu' probabilmente domani , posto alcuni fogli , quelli piu' salienti , del raro libro , consideralo un "omaggio storico" a Massenzio , ciao .

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Ti ringrazio in anticipo!

 

@@Druso Galerio , ho fatto in tempo , ti posto alcuni fogli in due blocchi , puoi ingrandirli o stamparli per una facile lettura , ciao e buona domenica

 

post-39026-0-19878900-1428835014_thumb.j

post-39026-0-72707900-1428835034_thumb.j

post-39026-0-20111900-1428835054_thumb.j

post-39026-0-83883700-1428835076_thumb.j

post-39026-0-80259100-1428835094_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Legio II Italica

Secondo blocco

post-39026-0-00568000-1428835190_thumb.j

post-39026-0-60646000-1428835208_thumb.j

post-39026-0-26725200-1428835232_thumb.j

post-39026-0-24026900-1428835255_thumb.j

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciosky68
Supporter

molto interessante...

 

Roberto

 

il mio contributo e solo per queste monete..

post-11614-0-70268800-1428864473.jpg

post-11614-0-32809300-1428864537_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×