Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
angel

Campania
San Pio da Pietrelcina

Oggi, 23 settembre, cade la Festa di San Pio da Pietrelcina

 

San Pio da Pietrelcina, Padre Pio, al secolo Francesco Forgione, nacque a Pietrelcina (BN) il 25 maggio 1887. Fin da bambino riceveva frequenti visite di Gesù e Maria e vedeva demoni e angeli, ma poiché pensava che tutti avessero queste facoltà non ne faceva parola con nessuno.

Entrato come chierico nell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini, a sedici anni, il 6 gennaio 1903, fu ordinato sacerdote il 10 agosto 1910, nella cattedrale di Benevento.

A causa delle precarie condizioni d salute, il 28 luglio 1916 fu trasferito, nel Convento di San Maria delle Grazie a San Giovanni Rotondo (FG), sul Gargano, dove salvo poche e brevi interruzioni, rimase fino alla morte, avvenuta il 23 settembre 1968, vivendo una vita intensa da taumaturgo e apostolo del confessionale, trascorrendo anche quattordici - sedici ore al giorno ad amministrare il sacramento della confessione, per lavare i peccati e ricondurre le anime a Dio.

La mattina di venerdì 20 settembre 1918, pregando davanti al Crocifisso del coro della vecchia chiesa, ricevette il dono delle stimmate, che rimasero aperte e sanguinanti fino alla morte. Dal momento della comparsa dei segni delle piaghe del martirio di Gesù Cristo, i fedeli lo considerarono già Santo e gli attribuirono numerosi miracoli.

Fondò i “Gruppi di preghiera” e un moderno ospedale, la “Casa sollievo della sofferenza”.

Fu da Papa Giovanni Paolo II beatificato il 2 maggio 1999 e canonizzato il 16 giugno 2002.

 

Maria è il segreto della grandezza e santità di Padre Pio: alla porta della sua celletta, la numero 5, c’era attaccato un cartello con la frase di San Bernardo: “Maria è tutta la ragione della mia speranza”; a Lei, nel maggio 1956, dedicò la “Casa Sollievo della Sofferenza”; il suo testamento spirituale, alla fine della sua vita, fu: “Amate la Madonna e fatela amare. Recitate sempre il Rosario”. Quando gli fu domandato se esistesse una scorciatoia per il Paradiso, Padre Pio rispose. “Sì, è la Madonna”. “Essa – diceva il frate di Pietrelcina – è il mare attraverso cui si raggiungono i lidi degli splendori eterni”. Esortava sempre i suoi figli spirituali a pregare il Rosario e a imitare la Madonna nelle sue virtù quotidiane quali l’umiltà, la pazienza, il silenzio, la purezza, la carità. “Vorrei avere una voce così forte – diceva - per invitare i peccatori di tutto il mondo ad amare la Madonna”. Lui stesso aveva sempre la corona del rosario in mano. Lo recitava incessantemente per intero, soprattutto nelle ore notturne. “Questa preghiera – diceva Padre Pio – è la nostra fede, il sostegno della nostra speranza, l’esplosione della nostra carità”.

 

BIOGRAFIA

 

25 maggio 1887

Nasce a Pietrelcina (BN) da Grazio Maria Forgione, detto "Orazio" (1860 – 1946), e Maria Giuseppa di Nunzio, detta "Peppa" (1859 – 1929), quarto di otto figli, un bambino, che il giorno seguente è battezzato nella chiesa di Sant'Anna con il nome di Francesco, per desiderio della madre molto devota a San Francesco d'Assisi.

 

6 gennaio 1903

Entra nel noviziato dei Cappuccini a Morcone (BN), dove indossa, il 22 gennaio, l'abito religioso e prende il nome di Fra Pio.

 

10 agosto 1910

È ordinato sacerdote, nel Duomo di Benevento.

 

4 settembre 1916

Di salute precaria, è trasferito a San Giovanni Rotondo, ove, a eccezione di qualche breve assenza (negli anni 1916 - 1918), rimane fino alla fine dei suoi giorni terreni.

 

20 settembre 1918

Riceve il dono delle stimmate.

 

1922-1934

Prima indagine.

Il 2 giugno 1922 si hanno i primi provvedimenti del Santo Uffizio.

Il 31 maggio 1923 il Santo Uffizio, dopo un'inchiesta, afferma “non constare della soprannaturalità dei fatti attribuiti a Padre Pio da Pietrelcina”.

Il 9 giugno 1931 è sospeso da ogni ministero, eccetto la Santa Messa da celebrare privatamente.

Il 14 luglio 1933 può nuovamente celebrare la Santa Messa in chiesa e il 25 marzo 1934 riprende a confessare gli uomini e il 12 maggio le donne.

 

anni ‘40

Avvia i “Gruppi di Preghiera” per fermare con la Preghiera la Seconda Guerra Mondiale.

 

19 maggio 1947

Iniziano i lavori per la costruzione dell’ospedale “la Casa Sollievo della Sofferenza”, che viene inaugurata il 5 maggio 1956

 

Settimana di Pasqua del 1948

Il giovane sacerdote Karol Wojtyla (futuro Papa Giovanni Paolo II), studente a Roma, ha sentito parlare del misterioso frate con le stimmate e volendo conoscerlo, si reca a San Giovanni Rotondo nelle vacanze di Pasqua, e vi rimane una settimana.

Durante la visita che Papa Giovanni Paolo II fa il 23 maggio 1987 a San Giovanni Rotondo dice: “Questi luoghi sono legati a ricordi personali, cioè alle visite da me fatte a Padre Pio sia durante la sua vita terrena, sia, spiritualmente, dopo la morte presso la sua tomba”. Questa affermazione lascia presuppore che il sacerdote Karol Wojtyla si sia incontrato anche altre volte con Padre Pio, ma, ad oggi, non sono stati rinvenuti documenti in merito. Si potrebbe anche pensare alle tre lettere, scritte in latino e inviate al frate il 17 e il 28 novembre 1962 e il 14 dicembre 1963 da Karol Wojtyla, ormai vescovo ausiliare di Cracovia che in quei giorni si trova a Roma per il Concilio. Nella prima Wojtyla chiede delle preghiere per guarigione della dottoressa Wanda Poltawska, madre di famiglia, ammalata di cancro. Nella seconda il vescovo lo ringrazia per l'avvenuta guarigione della donna. Nella terza lettera Wojtyla fa riferimento alle precedenti richieste da lui rivolte a Padre Pio: «La paternità vostra si ricorderà certamente che già alcune volte nel passato mi sono permesso di raccomandare alle Sue preghiere casi particolarmente drammatici e degni di attenzione». Il giovane vescovo ringrazia Padre Pio per la guarigione di una donna ammalata di cancro, ma scrive anche di un figlio di un avvocato, gravemente ammalato dalla nascita e scrive «Ambedue le persone stanno bene», per cui potrebbero esserci stati anche altre lettere o incontri.

 

25 aprile 1959

Si ammala e sino all'8 agosto celebra raramente e non in chiesa, ma il 7 agosto, in occasione della visita della Madonna di Fatima, la statua della Madonna Pellegrina, guarisce

 

1960-1964

Seconda indagine.

 

20 settembre 1968

Solenni manifestazioni per il 50º anniversario della stimmatizzazione di Padre Pio.

 

22 settembre 1968

Convegno internazionale dei Gruppi di Preghiera.

Celebra l'ultima Santa Messa.

 

23 settembre 1968

Alle ore 2.30 Padre Pio, ricevuto il sacramento dell'Unzione degli infermi, muore serenamente con la corona del Santo Rosario in mano e con «Gesù!... Maria!...» sulle labbra.

 

2 maggio 1999

Papa Giovanni Paolo II dichiara Padre Pio beato.

 

16 giugno 2002

Papa Giovanni Paolo II proclama Santo il beato Pio da Pietrelcina.

 

post-19012-0-78786600-1442988760_thumb.j

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?