Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
Cromio di Aitna

G. E. Rizzo (tetradramma di Aitna)

Tra le tante volte che mi è capitato di sfogliare il volume "Saggi preliminari su l'arte della moneta nella Sicilia greca" di Giulio Emanuele Rizzo (ristampa anastatica dell'edizione del 1938, pubblicata nel 1980 da Arnaldo Forni Editore), mi ha sempre incuriosito alla fine della prefazione - a pagina 6 - la presenza di una foto che raffigura al dritto un tetradramma di Aitna.

 

post-29207-0-73856800-1444485895_thumb.j

 

Come si evince dalla foto che ho allegato, tratta dal volume in questione, il sileno presenta una barba perfettamente integra rispetto all'esemplare di Bruxelles.

Partendo dal presupposto che tutt'oggi l'unico tetradramma di Aitna con testa di sileno conosciuto ufficialmente, è l'esemplare acquistato da Lucien de Hirsch nel 1882, deduco quindi che il pezzo presentato da Rizzo, seppur in maniera parziale (solo il dritto) è un falso.

 

Personalmente reputo il pezzo più affascinante rispetto agli altri falsi tetradrammi di Aitna che sono apparsi nel corso degli anni. Molto prababilmente sono stato ingannato dalla foto in bianco e nero, che rende forse più suggestiva l'immagine, ma nel complesso posso affermare che la moneta mi è piaciuta, così come deve essere piaciuta a Rizzo che l'ha pubblicata.

 

Dopo queste brevi osservazioni personali, chiedo agli utenti del forum i loro pareri, e se conoscono la storia di questa moneta, che io per ovvie ragioni ho definito un "falso".

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Questa in bianco e nero non potrebbe essere tratta da un calco? I calchi venivano spesso ritoccati e "migliorati" e apparivano pertanto più gradevoli rispetto alla moneta da cui erano stati tratti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Caro Cromio

 

mi sembra veramente molto interessante ciò che hai postato, e sebbene provenga ragionevolmente da un calco, come sottolineato da Aemilianus, mi pare chiaro che i due pezzi derivino dalla medesima impronta/conio pur essendo distinti. 

 

Ho messo dapprima a confronto i due pezzi affiancandoli, poi nella seconda fotografia ho cerchiato alcuni evidenti punti in comune tra i due esemplari che, al netto delle ombre, non sembrano lasciare scampo...

 

Sebbene anche il pezzo "ufficiale" di  de Hirsch sia stato a più riprese criticato quanto ad autenticità, a torto o a ragione, aspetterei a definire, anche come falso, quest'altro "fratello" misconosciuto... 

 

Incredibile che sia passato così nel silenzio, almeno per quanto mi riguarda non ne ero a conoscenza...

 

 

Il mistero si infittisce... :shok:

 

Cordialmente,

Enrico

post-1488-0-67278600-1444491697_thumb.pn

post-1488-0-86350000-1444491712_thumb.pn

Modificato da vitellio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come dice un anziano numismatico presente in quasi tutti i convegni, "qui l'affare si ingrossa!" :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Se devo essere sincero pure io all'inizio avevo pensato all'utilizzo di un calco ricavato dall'originale, ma non riesco a capire come il Rizzo, o chi per lui, ne sia entrato in possesso, anche perchè in base alle mie conoscenze personali ( seppur limitate) non mi risulta che dal tetradramma di Aitna custodito a Bruxelles siano stati fatti dei calchi.

Modificato da Cromio di Aitna

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Per essere più corretti, in una discussione aperta tempo fa da Acraf sul tetradramma di Aitna, leggevo che l'unica copia autorizzata della moneta fu eseguita nel 1942, ma copia e conii furono depositati dallo stesso medaglista nel medagliere di Bruxelles.

Modificato da Cromio di Aitna

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Onestamente non sapevo dell'esistenza di questo calco, che mostra differenze rispetto all'originale di Bruxelles.

Posso chiedere di scansionare la pagina del Rizzo che ne parla e se è stato riportato anche il rovescio....

Almeno per capire se accenna a una sua provenienza....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sul forum qualcuno aveva postato - diversi anni fa - un tetra di aitna spacciandolo per autentico e arrabbiandosi quando glielo abbiamo bocciato

Concordo con Acraf: controlliamo cosa eventualmente dice il Rizzo in merito a questo pezzo. Sarebbe il colmo se si scoprisse un fratello del Sileno di Bruxelles magari della Pennisi :) ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ovviamente già al tempo del Rizzo esistevano delle copie false, che però erano generalmente di modesta fattura.

 

Così il famoso falsario greco Costantin Christodoulos, attivo nei primi decenni del XX secolo aveva creato questo modesta copia:

 

post-7204-0-72464100-1444498567.png

 

Un altro vecchio falso, censito da IBSCC vol. 23, 1/2, 1998, p. 5, peso 17,75 g:

 

post-7204-0-87283700-1444498625.png

 

Quindi interessa l'origine di quel calco riportato dal Rizzo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sul forum qualcuno aveva postato - diversi anni fa - un tetra di aitna spacciandolo per autentico e arrabbiandosi quando glielo abbiamo bocciato

Concordo con Acraf: controlliamo cosa eventualmente dice il Rizzo in merito a questo pezzo. Sarebbe il colmo se si scoprisse un fratello del Sileno di Bruxelles magari della Pennisi :) ...

 

Mi domando se sia possibile risalire all'immagine di questo tetra di aitna da voi bocciato, per confrontarlo eventualmente con l'immagine da me postata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mistero risolto!

 

A pag 61  dei Saggi Preliminari... Rizzo conferma che il tetra di Aitna è unico ma afferma che l'opera è talmente bella che egli desidera "restituire graficamente la compiuta bellezza dell'opera d'arte  (citando la  figura a pag 6  che sarebbe il tetra con la barba completa). Dicendo di essersi ispirato ad una delle litre di Aitna (riprodotta in Tav. I n.4 del citato saggio) ove figurava la testa del Sileno con la barba completa.

 

Di piu' il Rizzo non dice ma è evidente che questa moneta gli interessava talmente tanto sotto il profilo artistico che ne aveva riprodotto - graficamente  (immagino quindi solo con il disegno piuttosto che con il gesso o addirittura creando appositamente un conio) - l'immagine completa senza le cesure indotte dal decentramento del pezzo originale che tagliava un pezzo di barba. Quindi nessun secondo esemplare (e forse nemmeno nessuna copia essendo quello riprodotto a pag. 6 del suo libro credo semplicemente un disegno che perfeziona e completa l'unico esemplare originale a disposizione..

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Unisco il calco dell'esemplare " unico " in Bruxelles , pubblicato da Naster nel 1959 per il suo libro " la collection Lucien de Hirsch "

post-41289-0-75689900-1444515031_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Ecco, mi sembrava.... Per questo avevo chiesto la scansione della pagina, non avendo sottomano il libro di Rizzo.

Mi aveva colpito il particolare della barba, molto più lunga rispetto alle modeste copie false, e simile a certe litre.

 

La discussione più esaustiva sul tetradramma di Aitna la ritrovate qui (e sono 4 pagine....), compresa la riproduzione di un falso a cui accennava Numa.

 

http://www.lamoneta.it/topic/78828-il-tetradramma-di-aitna/

Modificato da acraf

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io ricordo una discussione sul forum in cui un forumista postò una foto di tante monete greche d'argento trovate a casa di sua zia (?) e una di queste monete mi sembra di ricordare che fosse la moneta di Bruxelles sopra raffigurata col sileno.

 

purtroppo non so rintracciare la discussione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mistero risolto!

 

A pag 61  dei Saggi Preliminari... Rizzo conferma che il tetra di Aitna è unico ma afferma che l'opera è talmente bella che egli desidera "restituire graficamente la compiuta bellezza dell'opera d'arte  (citando la  figura a pag 6  che sarebbe il tetra con la barba completa). Dicendo di essersi ispirato ad una delle litre di Aitna (riprodotta in Tav. I n.4 del citato saggio) ove figurava la testa del Sileno con la barba completa.

 

Di piu' il Rizzo non dice ma è evidente che questa moneta gli interessava talmente tanto sotto il profilo artistico che ne aveva riprodotto - graficamente  (immagino quindi solo con il disegno piuttosto che con il gesso o addirittura creando appositamente un conio) - l'immagine completa senza le cesure indotte dal decentramento del pezzo originale che tagliava un pezzo di barba. Quindi nessun secondo esemplare (e forse nemmeno nessuna copia essendo quello riprodotto a pag. 6 del suo libro credo semplicemente un disegno che perfeziona e completa l'unico esemplare originale a disposizione..

 

Bene ha fatto Numa a consultare il testo, a questo punto sembra proprio svanire il mito del secondo esemplare.

 

Mi rimane solo un dubbio : quella fotografia difficilmente mi sembra possa passare per un semplice disegno... piuttosto un ottimo calco, completato e rifinito in maniera esemplare...quasi pronto per farne un conio...

 

 

Ricordo anche che una notevole ed approfondita discussione, non ancora terminata del tutto, è stata fatta sull'altro forum:

 

http://www.tuttonumismatica.com/topic/1608-il-tetradramma-di-aitna-con-testa-di-sileno-unicum-autentico/page-6

 

Cordialmente,

Enrico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

anche a me la foto ha dato la stessa impressione, piu' che un semplice disegno sembra qualcosa di più.

 

Purtroppo il volume in questione non è di mia proprietà, ma mi è capitato di consultarlo diverse volte nella biblioteca di archeologia della mia università, dove ho scattato le foto. Per quanto riguarda invece le foto presenti nel volume - se ricordo bene - furono fornite dal dott. Agostino Pennisi, Barone di Floristella, figlio del piu' noto don Salvatore.

Modificato da Cromio di Aitna

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono d'accordo ho usato il termine disegno ma intendevo tutto il processo: disegno / passaggio ad un modello per il calco ; completamento di un calco con tanto di barba piena presa da una litra probabilmente ; gesso finale e infine foto

Tra l'altro confrontandoli con l'unicum di Bruxelles il calco sembra essere non solo piu completo e centrato ma addirittura piu' fine nei dettagli!

Il Rizzo - che non nasceva come numismatico bensi come storico dell'arte - aveva una sensibilita' straordinaria e se questo calco e' uno dei suoi frutti possiamo ben apprezzare di quale livello

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lo stesso Rizzo nella prefazione de "le monete greche della sicilia" afferma che per i suoi studi qualora non gli era stato possibile studiare le monete vere e proprie si avvaleva di calchi.. per cui quasi sicuramente quello è un calco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io possiedo il volume in questione ma riedito dalla Clio, devo dire è assente la foto del "rifacimento" mentre è presente la foto dell'originale. Però all'interno il volume è stracolmo di rifacimenti fatti dal Rizzo o fatti fare per suo conto di molte opere,ceramiche,disegni,etc.. quindi nulla di più facile,inoltre come già detto la sensibilità artistica del Rizzo era elevatissima,alcune sue opere potrebbero essere scambiate per originali se non si sapesse il contrario.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con Numa. Il Rizzo aveva una particolare sensibilità verso l'arte sulle monete e possedeva una grande raccolta di calchi (chissà dove sia andata a finire...), grazie anche a una stretta corrispondenza con i principali musei, che volentieri gli forniva calchi dall'originale.

Quindi ritengo assai verosimile che abbia fatto creare un calco per ricostruire tutta la fisionomia della testa del diritto e per le ottime foto si avvaleva della collaborazione del grande collezionista Agostino Pennisi, che aveva anche una grande passione per la fotografia e sapeva fare ottime riprese da calchi....

E' interessante il fatto che nella nuova riedizione, postuma, del suo Saggio sia scomparsa quella immagine e sostituita da quella dell'originale. Scientificamente è più corretto....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?