Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
chersoblepte

Grosso Alessandro VI, zecca di Ancona

Risposte migliori

chersoblepte

Come anticipato in questa discussione:
http://www.lamoneta.it/topic/145993-giulio-paolo-iii-zecca-di-roma/

proseguo nel mostrare altre monete pontificie in mio possesso: in questo caso, nello specifico, dovrebbe trattarsi di un grosso di Alessandro VI coniato dalla zecca di Ancona.

Diametro 25 mm. - peso 2,6 gr.

N.B. ho corretto il dato relativo al peso 

Potreste aiutarmi a determinare una classificazione precisa ed una valutazione economica di massima?

post-1130-0-29982100-1453902416_thumb.jp

post-1130-0-18127200-1453902506_thumb.jp

Modificato da chersoblepte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sixtus78

Generalmente il grosso della zecca anconetana del papa Borgia è indicato come raro. Il tuo sembra ben conservato e sarebbe importante saperne il peso esatto che in questi esemplari spesso è sotto i 3 g. ma non per forza indica la tosatura. Penso che come valore economico siamo certamente sopra i 100 euro come minimo, saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miroita

Moneta gradevole che classificherei come CNI 10 - Muntoni 23

peccato per la tosatura che ne abbassa la valutazione.

Ti allego come riferimento i passaggi in asta di questa moneta da me registrati (e che puoi trovare anche sulla scheda del catalogo).

http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-ALEVIA/2

 

post-11314-0-37095600-1453911598_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sixtus78

Ciao Miroita, già la tosatura.... Su questo pezzo c'è sicuramente, non molta ma c'è. Esistono però monete di questa zecca che hanno peso basso ( anche sotto i 2,80 g. ) e non sono tosate. È il solito problema che riguarda la monetazione del Borgia in questo periodo con svalutazioni e tosature abbondanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miroita

Ciao Miroita, già la tosatura.... Su questo pezzo c'è sicuramente, non molta ma c'è. Esistono però monete di questa zecca che hanno peso basso ( anche sotto i 2,80 g. ) e non sono tosate. È il solito problema che riguarda la monetazione del Borgia in questo periodo con svalutazioni e tosature abbondanti.

Questa dovrebbe pesare circa 3,20 gr. per un diametro di 27 mm.

La moneta della discussione pesa 2,6 gr. per 25 mm

Anche la mia qui sotto è tosata e pesa 2,86 gr per 26,4 mm. - Poi naturalmente la tosatura incide sul prezzo.

 

Io ne ho addirittura una che pesa 2,40 gr. , ma quella oltre ad essere tosata è anche ultra rara, per tipologia. Da Nac ne passò una nel 2014 a quasi 2.000€ qFDC.

 

Fonte Cataloghi Online

Fonte Cataloghi Online

Modificato da miroita

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

chersoblepte

Grazie mille ad entrambi @@sixtus78 e @@miroita per il prezioso contributo  ;).

Immaginavo che la tosatura fosse una consuetudine per questo genere di coniazioni, ed una volta notati peso e diametro "calanti" avevo intuito che questo grosso avesse subito un'operazione di questo tipo  :rolleyes:... 

Purtroppo il mio bilancino non si spinge oltre il decimo di grammo, ma posso assicurarvi che la moneta in questione, anche dopo altre prove di peso, non supera i  2,6gr.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sixtus78

Non so se vale anche per Ancona ma io ho avuto grossi zecca di Roma di Alessandro VI che sembravano tosati con modulo stretto e irregolare che pesavano più di 3,30 g. e grossi di modulo ampio e circolare che pesavano meno di 3 g.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

miroita

Il mio precedente messaggio non aveva agganciato le immagine della moneta da me citata; ora ho corretto e si vede.

@@sixtus78 per le dimensioni del tondello, largo o stretto, dobbiamo poi andare a vedere anche lo spessore. Il peso indicativo è di 3,2 gr. , poi uno viene 3,3 un'altro 3, ma 2,60 è molto sotto peso, è  il 15-20% in meno.

La moneta di @@chersoblepte molto probabilmente è di modulo stretto (25 mm) ma anche di spessore elevato, e a questo punto anche una leggera tosatura porta il tondello a scendere notevolmente di peso. D'altra parte, se guardiamo il D/  (al R/ la cosa è meno evidente perché in basso si nota una parte del bordo) la tosatura c'è e si vede in particolare nella parte alta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×