Jump to content
IGNORED

Toscana Piastra Cosimo 1573 R2


fofo
 Share

Recommended Posts

Buongiorno,

 

ecco la piastra che mi mancava tipologicamente, la prima ed enorme moneta emessa a Firenze dopo la repubblica.

 

 

Cosimo I de' Medici (1569-1574) - Piastra 1573
Zecca: Firenze - Fronte: busto drappeggiato e corazzato del Granduca a destra - Retro: San Giovanni stante di fronte con il volto rivolto a destra alza la mano destra nell'atto di predicare e tiene una lunga croce con la sinistra.

32,40 grammi.

 

Cosimo I figlio di Giovanni dalle Bande Nere, il più celebre condottiero del Rinascimento italiano diventa Duca di Toscana nel 1537. Di carattere assai risoluto (nipote di Caterina Sforza di Pesaro, considerata una delle donne più energiche della storia) sviluppò rapporti politici per garantire prosperità alle fortune della città, eliminando ogni possibile resistenza. Vicino a Carlo V di Spagna concesse favori agli Spagnoli occupanti di parte delle sue terre. Intransigente come governatore del Ducato, limitò molte libertà nelle mura cittadine, e fu al tempo stesso artefice di migliorie nell’agricoltura e nel commercio, ambizioso nel programma urbano e mecenate delle arti; la bellezza delle sue monete sono un esempio. Nel 1555 crea un grande Stato Mediceo con la sottomissione di Siena. Pio V lo riconosce Gran Duca nel 1570. Decisivo fu il ruolo della flotta da lui creata nel 1550 nella battaglia navale di Lepanto nel 1571. I conii di questa moneta sono di Pietro Paolo Galeotti successore di Benvenuto Cellini.

 

la moneta ha patina di monetiere e credo sia un BB/SPL con rovescio molto acceso sullo Splendido.

 

di difficile apparizione sopra il BB questa moneta è entrata in collezione, il 1573 anche data più rara del 1572.

 

saluti

fofo

 

post-40880-0-70632400-1455448684.jpg

post-40880-0-21023100-1455448701.jpg

Link to comment
Share on other sites


le altre sempre a luce di finestra con un momento di luce maggiore, queste su pagina bianca, ma forse più scure per colpa di meno luce.

nuvoloso.. 

 

vanno un pò meglio? si vede la patina di antica collezione?

 

son contento di essere riuscito a prendermela..

post-40880-0-93636600-1455456603.jpg

post-40880-0-56797600-1455456612.jpg

post-40880-0-92712700-1455456623.jpg

Link to comment
Share on other sites


Ora la guardo da pc.

Molto meglio le ultime foto, mettono in risalto tutta la particolarità della moneta.

Patina a dir poco strabiliante, noto che ha anche una frattura al R/ a ore 2.

A parer mio la tua valutazione (BB/SPL) mi sembra giusta.

Ti rinnovo i miei complimenti, sei molto bravo e hai un buon occhio perchè riesci a fare sempre dei buoni acquisti per questa tipologia di monetazione. :)

Link to comment
Share on other sites


Frattura non si direbbe, dovrebbe essere anche dall altro lato per poterla chiamare così.

Se fai una ricerca nando sono stato stretto ad indicare bb/spl visto la completezza dei dettagli e i suoi rilievi, ma comunque un bel BB /SPL può starci!!!

considera che in SPL pieno non sono mai passate su aste.

Link to comment
Share on other sites


mi fa piacere che ti piaccia è la prima tipologia della serie di piastre medicee coniate su Firenze, in mano è massiccia e piena, da una sensazione veramente di antico, molto più delle altre piastre venute dopo con gli altri Granduchi.

 

per farti un esempio mi capitò di tenere in mano da un perito un doppio sesterzio Romano, moneta di gran modulo e molto massiccia e grossolana, ma dallo stesso fascino intrinseco di secoli e secoli di tempo giunti sino a noi.

 

una bella sensazione e una bella soddisfazione.

 

praticamente ho tutte le tipologie, non anno per anno ma tutti i tipi, l'unica che mi manca è quella al torchio, ma ha la fustella con la scritta e di fine 600, moneta già per così dire moderna e di coniazione molto più meccanica...

 

@@dabbene so che ti piacciono quelle del 500 di Milano, guardati questa!! 

 

ciao

Link to comment
Share on other sites


Sono monete di grande fascino, certamente le toscane nel nostro Rinascimento sono degli " esempi " anche artistici, oltre che simbolici.

Ovviamente mi piace, sai che non amo sbilanciarmi sulle conservazioni, ma certamente se non è splendida poco ci manca...ancora una volta un importante acquisto su questo non ci sono dubbi.... 

Link to comment
Share on other sites


Grazie amici siete gentili e fa piacere dividere con voi emozioni, alla fine questo sono, almeno per me.

La storia si fonde con la raffigurazione e ostentazione del potere raffigurato dai grandi incisori dell epoca in questi massicci tondelli.

La loro forza e espressione si rispecchia nella monetazione che come già da molto prima, nelle classiche o nelle Romane raccontavano e ostentavano poteri e ritratti degli imperatori o dei Granduchi.

Link to comment
Share on other sites


Da aggiungere come approfondimento:

dal libro monete Fiorentine dalla Repubblica ai Medici del museo nazionale del Bargello

A pagina 60

Riporta la descrizione del cambiamento della raffigurazione dello scudo d oro, lo stemma e la croce fu sostituita sulla piastra d oro con il busto del Duca in ricca armatura, modello poi costantemente adottato dai successori di Cosimo.

Probabile incisore Pietro Paolo Galeotti, artista allievo del Cellini.

Conferma l ipotesi Al confronto e al riferimento a prestigiosi esemplari della monetazione imperiale romana, per ricerca di un immagine autorevole ed illustre, ma anche per passione di numismatico, giacché Cosimo fu appassionato raccoglitore di monete antiche e arricchì di innumerevoli esemplari la già cospicua collezione medicea, che era incominciata con Cosimo il Vecchio.

Saluti

Fofo

Edited by fofo
Link to comment
Share on other sites


Da aggiungere anche che la prima piastra emessa a Firenze di stessa identica tipologia riporta la data 1568 ed essa é retrograda.(la più rara) denominata come piastra con titolo ducale.

Per il 1569 non si conoscono esemplari ne in musei ne in collezioni private.

Le ultime 1570/1571/1572/1573 sono le piastre a titolo Granducale e al diritto la lunghezza del collo del Granduca può variare, agendo così da elemento modificatore dell insieme del ritratto.(dal libro del dr Gustavo di Giulio pagina 8)

Saluti

Fofo

Link to comment
Share on other sites


le prime fatte erano alla luce del sole attraverso la finestra di Domenica.

 

tieni conto che son fatte dal cellulare e io non ho un cellulare super tecnologico, ho una fotocamera da 4 mg px.

 

le monete che ho se fotografate con il giusto apparecchio darebbero qualcosa in più non in meno.

 

la moneta in mano è ancora più bella!

 

ciao grazie

Link to comment
Share on other sites


  • 4 weeks later...
  • 1 year later...

Ecco ho trovato la foto di una piastra del 1572 di Cosimo tutta patinata e fdc incircolata del museo del Bargello.

Ho trovato solo la foto del diritto, il rovescio non l ho trovato.

La tipologia è la stessa, collo corto.

(Questa tipologia presenta meno barba e meno capelli delle altre, come si può notare.)

Assolutamente meravigliosa.

 

 

Bhè la mia è del 1573, ma come diceva sia Mario che altri, se non è splendida poco ci manca.

Vedendo un raffronto con una simile fdc posso dirlo e crederlo pure io.

Quella del Bargello fantastica.

Ma mi difendo bene..

Cosimo_I_granduke_coins,_1569-74,_piastra_del_1572.JPG

post-40880-0-93636600-1455456603.jpg

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.