Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
ImmensaF

Gallieno

Chiedo aiuto per la corretta classificazione di questo Antoniniano di Gallieno.

Il peso è di 3.30 g ed il diametro di 22 mm. Cercando su Wildwinds l'ho classificato come RIC 485 ma non mi torna la lettera in esergo che dovrebbe essere una D.

Grazie in anticipo a chi mi vorrà essere di aiuto.

Luca 

post-46390-0-65496200-1461761645_thumb.j

post-46390-0-19905500-1461761647_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Concordo, si tratta della RIC 485 con la lettera in esergo ("P" come prima officina e non "D").

Considera inoltre che per gli antoniniani di Gallieno ci sono infinite varianti non censite nel RIC (la tua invece è quella canonica): anzi per questo periodo il RIC può essere a ragione considerato piuttosto carente...

Nell'esempio seguente la lettera "P" è nel campo (variante):

http://numismatics.org/collection/1974.136.63

Modificato da Ross14
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La classificazione è giusta.

La lettera in esergo non è una D ma una P (officina prima)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@@ImmensaF complimenti! Questo antoniniano è catalogato nel libro Mediolanum al n°202/5 con rarità R3 (le rarità riportate su Mediolanum sono molto più realistiche di quelle del RIC, merito delle approfondite ricerche dell'amico Toffanin). Per quanto riguarda lo stile della lettera in esergo, è una caratteristica tipica della zecca milanese. Nel RIC infatti è riportato come le M e le N siano realizzate solitamente con un unico punzone (e non con 3/4 stanghette come a Roma) e le P spesso siano chiuse molto in basso, formando appunto una D.

Buona serata,

Antonio

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?