Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
aldo marchesi

Valutazioni "BERMAN - Papal Coins"

Buona sera ,qualcuno sa dirmi,io non conosco l'inglese,le valutazioni che il papa Coin da'a parte i 26 anni di distanza e la valuta in dollari,il fatto che siano solo su'alcune monete e sopratutto essendo una sola cifra su' quale conservazione è basata,non certo sul fior di conio che a parte che sulle monete dello stato pontificio praticamente non esiste,poi perché in quel caso, per la mggior parte dei casi risulterebbero ridicole,saluti a tutti Aldo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buona sera ,qualcuno sa dirmi,io non conosco l'inglese,le valutazioni che il papa Coin da'a parte i 26 anni di distanza e la valuta in dollari,il fatto che siano solo su'alcune monete e sopratutto essendo una sola cifra su' quale conservazione è basata,non certo sul fior di conio che a parte che sulle monete dello stato pontificio praticamente non esiste,poi perché in quel caso, per la mggior parte dei casi risulterebbero ridicole,saluti a tutti Aldo.

La discussione  nella sezione monete e medaglie pontificie avrebbe avuto più rilevanza,

comunque il Papal Coins di Allen G. Berman, ha i suoi 26 anni, forse fin dall'inizio aveva già qualche limite, a cui hai già fatto presente ( quotazioni in USD, la non completa descrizione per varianti o sottotipi, la carenza di repertorio fotografico).

La quotazione è in dollari USA del 1991 teniamo conto del il dollaro in quell'anno valeva contro  la lira  1.150 e già solo dopo due anni nel 1993 1.600, pari a 1,68 e  1,210,  le quotazioni del Berman  mi pare siano su una  conservazione  media ( BB), penso sia un manuale  più utile ad una prima catalogazione che ad una valutazione economica.

 

Solo un appunto monete dello stato Pontificio anche antiche ( XIV e XV) e naturalmente moderne, in FDCsi trovano  basta pagarle!

Saluti

TIBERIVS

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@@aldo marchesi

Come suggerito da Tiberivs sposto in sezione Pontifice

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Tiberio della tua risposta,pesavo anche io al bb,ma era solo una mia impressione ora confortata anche da te.per quanto riguarda il fior di conio lo so'che ci sono pero' molte sono forzature,molti fior di conio delle aste, non sono nanche spl.saluti Aldo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

leggi a pagina 29 al capitolo "Values and grading" li è spiegato tutto.

le quotazioni sono per gli argenti gVF ovvero good very fine

Alessandro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'ho trovato abbastanza inutile, molto meglio altri testi sulle monete papali e ancora di più vari cataloghi d'asta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per quanto riguarda le valutazioni direi che oggi sono sorpassate, ma non credo che nemmeno ai tempi fossero troppo attendibili...

Devo però dire che qualcosa d'interessante da questo handbook tanto bistrattato esce, di seguito qualche esempio:

  • Vengono catalogate le tessere di Gregorio III e Zaccaria.
  • Sono presenti alcune frazioni di siliqua.
  • Le emissioni degli antipapi sono inserite in linea e non in parallelo alle emissioni di quelli che oggi consideriamo pontefici "regolari". Trovo questo approccio alla materia migliore di quello impiegato dal Muntoni.
  • Trovo comode le tabelle a fine libro con gli stemmi. Lo so, ci sono anche sul Muntoni, ma nel Berman sotto a ogni stemma c'è il nome della casata e ciò permette una ricerca "inversa" (leggi: partire dallo stemma e trovare la moneta).

Poi ovviamente ci sono anche i punti deboli dell'opera (dovuti principalmente al formato e allo scopo per il quale è stata concepita) e alcune sviste non di poco conto. Ad esempio per la SV 1590 viene riportato il baiocco di Fano al n° 1400, e fin qui tutto ok... Peccato che il corrispondente disegno sia quello della contraffazione di Castiglione delle Stiviere! :crazy:

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?