Jump to content
IGNORED

Un' Augusta ... sfortunata


Illyricum65
 Share

Recommended Posts

Ciao,

 

è da un bel po’ che non compaiono biografie imperiali in Sezione e maneggiando tra i vassoi delle monete ho trovato questo personaggio femminile, nota generalmente ai più in quanto “moglie di Caracalla” e.. poco più. Una “first lady” dell’epoca invero abbastanza sfortunata, come spesso capitò a personalità femminili dell’Impero Romano. Ruolo secondario quello di Augusta ma che talvolta ebbe peso: come dimenticare l’importanza delle consorti del Primo e Medio Impero e dell’impatto che ebbero nella storia dell’Impero? Ma a contrastare alcune personalità femminile preminenti vi sono anche quelle che spesso ebbero vite tutto sommarie tristi, usate per scopi “politici” da parte di padri ambiziosi. Una di queste contraddistinta da una vita tutto sommato infelice (possiamo dirlo? In questo caso direi di sì) è lei:

 

Publia Fulvia Plautilla Augusta  (c. 182-212)

 

post-3754-0-55087100-1463518357_thumb.jp

Moglie di Caracalla e Augusta dal 202 al 205 d.C.

 

Figlia del Prefetto Gaio Fulvio Plauziano* (Gaius Fulvius Plautianus)  fu promessa sposa in giovane età a Caracalla, divenendone moglie nel 202, contro il volere dello sposo, quattordicenne, che la osteggiò, pur sposandola perché a lui ordinato dal padre. Nel 205 si separarono dopo la morte di Plauziano: Caracalla si era sempre rifiutato di mangiare o dormire con lei. Esiliata a Lipari con il fratello fu giustiziata nel 212 dopo l’ascesa al trono di Caracalla. Analogamente al padre fu colpita da damnatio memoriae.

 

 

Benché il suo periodo di splendore sia stato assai breve, appare sulle monete in varie acconciature. In alcune porta le bande dei capelli lisci ed aderenti al capo, coprenti le orecchie e riportate sulla nuca, dov'è una piccola crocchia, sul tipo di Giulia Donna. Talvolta le bande sono ondulate e c'è sulla guancia la caratteristica ciocca di Giulia Domna. Porta anche un'acconciatura in cui i capelli sono divisi in tante scale perpendicolari alla linea del viso e convergono sull'occipite dov'è appuntata una rotellina di trecce, mentre brevi ciuffi scendono sulla fronte. In alcune monete le scale sono parallele alla linea del viso, passano dietro le orecchie e sulla nuca e le estremità sono raccolte in una fila di treccioline ripiegate insù ed appuntate sotto il cocuzzolo, oppure scendono fin sul collo e sono ivi raccolte in un nodo a ventaglio. È difficile dire quale di queste acconciature abbia usato prima e quale dopo, forse le usò alternativamente. La fisionomia appare costante in tutte le monete: fronte di linea curva, naso aquilino, guance rotonde dallo zigomo sporgente, mento pronunciato; l'aspetto è giovanile. Numerosi sono i ritratti attribuiti a Plautilla, ma nessuno risponde ai requisiti offertici dalle monete.  In realtà esistono ben cinque differenti tipologie ritrattistiche di Plautilla. Nelle prime monete che la ritraggono, il nome di Plautilla è reso al dativo, ad indicare che la coniazione è stata eseguita in suo onore. La sua immagine è presenta i capelli divisi al centro e intrecciati in orizzontale e le cinque o sette trecce raccolte in uno chignon dietro la testa. L’immagine ha i tratti quasi infantili, il volto rotondo, la fronte lievemente inclinata e arrotondata, gli occhi grandi sotto due arcuate sopracciglia, il naso camuso la bocca con il labbro superiore sporgente. Nelle rappresentazioni successive l’imperatrice è raffigurata con i tratti leggermente più maturi e meno rotondi ed il naso leggermente aquilino. La pettinatura differisce da quella precedente per l’intreccio che corre verticalmente o diagonalmente e non in senso orizzontale. Più tardi, nella terza iconografia la pettinatura si evolve con i capelli ondulati che incorniciano il volto., fino ad arrivare in fasi successive, alla sua ultima iconografia che ricorda verosimilmente quella della suocera Giulia Domna.

 

post-3754-0-69769600-1463518435_thumb.jp

Tratto da Philipp V. Hill "The Coinage of Septimus Severus and His Family of the Mint of Rome, A.D.193-217"

 

 

  • Like 6
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Ed ecco infine l’esemplare in mio possesso, un denario purtroppo con una lacuna marginale da ore 2 a 4 ma con buoni dettagli (la ricevetti in regalo, per cui a caval donato… ;) )

 

post-3754-0-57008700-1463518558_thumb.jppost-3754-0-22409000-1463518572_thumb.jp

 

D: PLAVTILLAE AVGVSTAE. Busto drappeggiato rivolto a destra.

R: CONCORDIAE AETERNAE. Plautilla (a sinistra) e Caracalla (a destra) si stringono la mano in segno di concordia.

RIC IV-1 361. Zecca di Roma, 202 d.C.  2,6 g - 19 mm

Rated “scarce”

 

Moneta commemorativa il matrimonio tra Caracalla e Plautilla.

 

Il peso di 2,6 g è alquanto calante ma calcolando il peso teorico della parte mancante questo si attesta attorno ad un valore teorico di 3,03 g che corrisponde a quelli inferiori dei denari di Plautilla.

 

Alcuni denari emessi a suo nome:

 

post-3754-0-76947100-1463518689.jpg

Silver Denarius (19mm, 3.25 g.) Rome, 202-205 A.D. PLAVTILLAE AVGVSTAE. Draped bust right. CONCORDIA AVGG. Concordia standing left, holding patera and sceptre.
Reference: RIC 359; Cohen 2; RCV 7065.  (Vcoins.com)

 

post-3754-0-70667200-1463518716.jpg

Impero Romano, PLAUTILLA, Moglie di Caracalla, DENARIO, Emissione del 202-212 d.C., D/ PLAVTILLA AVG, Busto ammantato a dx. con i capelli raccolti dietro la nuca, R/ CONCORDIAE, La Concordia seduta in trono a sx. tiene una patera ed una doppia cornucopia, Zecca di Laodicea, Rif. bibl. R.I.C., 372/S; Cohen, 8/Fr.4; Metallo: AR, gr. 3,54, (MR57942), Diam.: mm. 19,35, qSPL, ®  (Moruzzi.it)

 

post-3754-0-29205300-1463518800.jpg

Plautilla AR Denarius. Rome Mint 202 AD. Obverse: PLAVTILLAE AVGVSTAE, draped bust right, hair coiled in horizontal ridges and fastened in bun at the back. Reverse: PROPAGO IMPERI, Caracalla (on right standing left) and Plautilla (on left standing right) facing eachother, clasping right hands. RIC IV: 362, RSC III 21 Scarce. Size: 18mm, 3.33g. (Vcoins.com)

 

post-3754-0-54682000-1463518862_thumb.jp

Plautilla, wife of Caracalla, Denarius, Rev Pietas standing right holding sceptre and child RIC 367. (downies.com)

Av.: PLAVTILLA - AVGVSTA / draped bust right (Hill: Lii) Rev.: DIANA - LVCIFERA / Diana standing left, bow on back, holding torch with both hand. 3,55 Gr., 12 h die axis
RIC 366, Coh. 13, Hill 702 (forumancientcoins.com)

 

post-3754-0-80962400-1463518903_thumb.jp

Av.: PLAVTILLA - AVGVSTA / draped bust right (Hill: Lii) Rev.: VENVS - VICTRIX / Plautilla as Venus Victrix standing left, holding apple and palm frond, resting arm on shield set on ground; to left, Cupid standing left, holding helmet. 2,90 Gr., 6 h die axis
RIC 369, Coh. 25, Hill 661 (forumancientcoins.com)

Edited by Illyricum65
Link to comment
Share on other sites


In ultimo, prima di ringraziarvi per l'attenzione, posto una breve nota sul padre di Plautilla.

 

*Gaio Fulvio Plauziano, di umili origini e nato a Leptis Magna al pari di Settimio Severo aveva intrecciato buoni rapporti con quest’ultimo. Dopo la nomina a Imperatore di Settimio, Plauziano venne inviato in Oriente a catturare i figli di Pescennio Nigro. Nel 197 d.C. assunse la prefettura del pretorio e ben presto accrebbe sia il suo potere che la propria fortuna economica. Ottenuto il fidanzamento della figlia con Caracalla (197? 200?) e quindi divenuta la sua sposa (202) Plauziano entrò nel Senato e la famiglia entrò nei patrizi. Nel 203 divenne console onorario assieme a Geta e come Prefetto del Pretorio accompagnò Settimio Severo nella campagna partica. Divenne in pratica un terzo Cesare assieme a Caracalla e Geta. Preoccupato dal potere che si stava ritagliando, fu accusato da Caracalla (e dalla madre Giulia Domna) di aver ordito un assassinio ai danni si Settimio Severo: fu eliminato il 22 febbraio 205, facendolo volare fuori da una finestra. Colpito dalla damnatio memoriae subì la distruzione delle molte statue che erano state erette in suo onore nell’Urbe, oltre alla consueta cancellazione del nome dai monumenti; le proprietà familiari furono confiscate. Il figlio Gaio Fulvio Plauto Ortensiano fu esiliato a Lipari assieme alla sorella Plautilla e dopo l’ascesa al trono da parte di Caracalla, alla morte del padre, entrambi furono giustiziati.

 

Ciao

Illyricum

;)

  • Like 4
Link to comment
Share on other sites


  • 4 years later...

Riesumo questa discussione per fare i complimenti a Illyricum, sempre prezioso ed esaustivo.

Sono venuto in possesso di due denarii di Plautilla, per cui ieri ho faticato per trovare notizie storiche su Plautilla e Plauziano, quando solo ora trovo questi post, che riassumono con completezza quello che c'è da sapere... quanto tempo avrei risparmiato se avessi trovato prima questo thread.

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Buonasera @Illyricum65

Mi hai fatto scoprire la storia di un'Augusta di cui non sapevo praticamente nulla (mea culpa!), ma di cui mi hanno sempre affascinato le monete, e di questo ti ringrazio molto. 

Bellissima la tua tipologia "CONCORDIAE AETERNAE", anche se non si può proprio dire che le abbia portato fortuna ?

Edited by Pablos
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Salve, approfitto del ritorno di questa interessante discussione (complimenti a Illyricum65  ) per aggiungere due "limes denarii" di Plautilla, tipi di monete su cui c'è ancora parecchio da scoprire e che, secondo me hanno un loro fascino e una loro bellezza.                              

mm.18   gr. 2,88  Ufficiale  C 1   RIC 363   Catalogato da Cohen come   PB 3   CONCORDIA AVGG

mm 17   gr. 2,11  Ufficiale  C16  RIC 367  PIETAS AVGG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2020-11-18 005 002.JPG

2020-11-18 005 004.JPG

2020-11-18 005 006.JPG

2020-11-18 005 008.JPG

Edited by joannes carolus
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


e questo è il terzo, un po' malmesso ma con acconciatura "interessante" ...

mm. 19    gr.2,41   ufficiale C21  RIC 362     PROPAGO IMPERI

2020-11-18 004 002.JPG

 

2020-11-18 005 012.JPG

Edited by joannes carolus
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


  • 1 year later...

Buongiorno a tutti, ho recentemente messo in collezione un Denario di Plautilla e cercavo di approfondire la storia di questa figura femminile. Le prime notizie le ho reperite da Wikipedia,  non molte ma interessanti,  poi ieri sera spulciando a dovere, mi sono imbattuto in questa interessantissima discussione di @Illyricum65che ringrazio. L'ho letta tutta d'un fiato,  sono rimasto piacevolmente colpito dalla descrizione dei vari tipi si acconciature che si presentano sulle monete di Plautilla. I ritratti Femminili con le loro acconciature sono uno dei miei filoni preferiti insieme alla Serie Fel Temperatio (ma di queste ne parleremo altrove).

Triste la sua storia, la sua breve vita, il suo esilio , l'epilogo della sua vita ed infine la  Damnatio Memoriae .
Bella carrellata di monete anche da parte degli altri utenti.

Partecipo postando il mio esemplare. 


(18mm, 3.31g)
RIC IV 361

E foto di una statua che sembra ritrarla in un misto di bellezza e un velo di tristezza,  oltre alla deturpazione ad opera della Damnatio.
Fonte Wikipedia

Saluti 

Alberto

Screenshot_20220915-134126_Gallery.jpg

Screenshot_20220915-134134_Gallery.jpg

Screenshot_20220911-160621_Samsung Internet.jpg

  • Like 5
Link to comment
Share on other sites


Ciao @Litra68e complimenti per la tua moneta. Come hai specificato nel tuo intervento per questa sfortunata Augusta sono presenti tante rappresentazioni con acconciature molto diverse tra loro. Io ne ho in raccolta due esemplari, in attesa di trovare anche il terzo del tipo Venus Victrix per completare le tre acconciature classiche di base da cui derivano tutte le altre. Seguo con interesse quando posso anche la sezione delle Napoletane(ho postato anche un mio carlino in una vostra discussione) ed apprezzo molto le monete e le discussioni che tu e gli altri collezionisti portate avanti sempre con competenza, dettagliate e sopratutto ci tengo a sottolineare con rispetto di tutti gli interventi e senza mai trascendere. È un cosa che rimarco con molto piacere. Quindi che dire. Veramente complimenti?. Posto foto dei miei due denari di Plautilla, in attesa di trovare il terzo.

ANTONIO 

IMG_20220915_154548-01.jpeg

IMG_20220915_154713-01.jpeg

IMG_20220915_154821-01.jpeg

IMG_20220915_154929-01.jpeg

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Il 17/5/2016 alle 22:58, Illyricum65 dice:

Ed ecco infine l’esemplare in mio possesso, un denario purtroppo con una lacuna marginale da ore 2 a 4 ma con buoni dettagli (la ricevetti in regalo, per cui a caval donato… ;) )

 

post-3754-0-57008700-1463518558_thumb.jppost-3754-0-22409000-1463518572_thumb.jp

 

? PLAVTILLAE AVGVSTAE. Busto drappeggiato rivolto a destra.

R: CONCORDIAE AETERNAE. Plautilla (a sinistra) e Caracalla (a destra) si stringono la mano in segno di concordia.

RIC IV-1 361. Zecca di Roma, 202 d.C.  2,6 g - 19 mm

Rated “scarce”

 

Moneta commemorativa il matrimonio tra Caracalla e Plautilla.

 

Il peso di 2,6 g è alquanto calante ma calcolando il peso teorico della parte mancante questo si attesta attorno ad un valore teorico di 3,03 g che corrisponde a quelli inferiori dei denari di Plautilla.

 

Alcuni denari emessi a suo nome:

 

post-3754-0-76947100-1463518689.jpg

Silver Denarius (19mm, 3.25 g.) Rome, 202-205 A.D. PLAVTILLAE AVGVSTAE. Draped bust right. CONCORDIA AVGG. Concordia standing left, holding patera and sceptre.
Reference: RIC 359; Cohen 2; RCV 7065.  (Vcoins.com)

 

post-3754-0-70667200-1463518716.jpg

Impero Romano, PLAUTILLA, Moglie di Caracalla, DENARIO, Emissione del 202-212 d.C., D/ PLAVTILLA AVG, Busto ammantato a dx. con i capelli raccolti dietro la nuca, R/ CONCORDIAE, La Concordia seduta in trono a sx. tiene una patera ed una doppia cornucopia, Zecca di Laodicea, Rif. bibl. R.I.C., 372/S; Cohen, 8/Fr.4; Metallo: AR, gr. 3,54, (MR57942), Diam.: mm. 19,35, qSPL, ®  (Moruzzi.it)

 

post-3754-0-29205300-1463518800.jpg

Plautilla AR Denarius. Rome Mint 202 AD. Obverse: PLAVTILLAE AVGVSTAE, draped bust right, hair coiled in horizontal ridges and fastened in bun at the back. Reverse: PROPAGO IMPERI, Caracalla (on right standing left) and Plautilla (on left standing right) facing eachother, clasping right hands. RIC IV: 362, RSC III 21 Scarce. Size: 18mm, 3.33g. (Vcoins.com)

 

post-3754-0-54682000-1463518862_thumb.jp

Plautilla, wife of Caracalla, Denarius, Rev Pietas standing right holding sceptre and child RIC 367. (downies.com)

Av.: PLAVTILLA - AVGVSTA / draped bust right (Hill: Lii) Rev.: DIANA - LVCIFERA / Diana standing left, bow on back, holding torch with both hand. 3,55 Gr., 12 h die axis
RIC 366, Coh. 13, Hill 702 (forumancientcoins.com)

 

post-3754-0-80962400-1463518903_thumb.jp

Av.: PLAVTILLA - AVGVSTA / draped bust right (Hill: Lii) Rev.: VENVS - VICTRIX / Plautilla as Venus Victrix standing left, holding apple and palm frond, resting arm on shield set on ground; to left, Cupid standing left, holding helmet. 2,90 Gr., 6 h die axis
RIC 369, Coh. 25, Hill 661 (forumancientcoins.com)

 

Una moneta antica “vive” nel sentimento di affetto che desta in chi l’ha in collezione. Che importa se ne manca un pezzettino: Plautilla è bellissima sul dritto perfettamente centrato e sul rovescio dove stringe la mano al consorte. Io toglierei la esse all’aggettivo nel titolo.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.