Jump to content
IGNORED

Denario celtico che assomiglia ad un Wesen


ARES III
 Share

Recommended Posts

Mi hanno inviato le foto di questo denario (senza peso ne misure......pensano che faccio il mago....lasciamo perdere), ancora da classificare, ma che molto probabilmente è celtico o barbarico.

Quello che ha attirato la mia attenzione, seppur la moneta è quasi un rudere, è stata la somiglianza del volto sulla moneta con un personaggio di fantasia che ho visto in una serie TV, precisamente "GRIMM".

Per coloro che non hanno mai seguito la serie TV "Grimm" (canali Mediaset sia in chiaro che a pagamento) saranno facilitati (perché non suggestionati) a dire se effettivamente la moneta raffigura quasi un capo piumato con un naso che ravvisa ad un becco.

Speculazioni sciocche a parte, essendo per me una tipologia nuova ed ancora da studiare, Vi chiederei se potete aiutarmi.

Grazie sin da ora.

ARES III

000o00.jpg

000o0.jpg

Link to comment
Share on other sites


Supporter

A mio parere è un denario imperiale.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


non può essere che abbiano bulinato malamente il profilo e l'occhio ?

Link to comment
Share on other sites


Certamente che il modello che ha ispirato è un denario romano imperiale.

Ora il problema è individuare chi lo ha fatto.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

DE GREGE EPICURI

Anche a me sembra un denario imperiale, che ha avuto una vita lunga e travagliata. E' possibile che poi qualcuno abbia cercato malamente di rifargli l'occhio. Secondo me la scritta è in senso antiorario, e questo mi fa pensare ad uno dei Flavi.

Link to comment
Share on other sites


sono d'accordo sulla lettura della legenda che ha fatto @gpittini aggiungerei che il volto nella zona dell'occhio è deturpato probabilmente da una ribattitura ,visibile proprio davanti agli occhi del soggetto.

 

Link to comment
Share on other sites


Sono d'accordo sul fatto che il prototipo possa essere un denario dei Flavii e che la moneta sembri ribattuta. Su chi l'abbia potuta produrre, in assenza di riscontri precisi, che al momento non mi vengono in mente, non ne ho idea. 

Azzarderei comunque l'ipotesi di una produzione contemporanea alla circolazione del prototipo nelle aree marginali dell'impero, e come area di produzione piuttosto che la Germania propenderei per l'area transdanubiana.

Ma sono ipotesi "in libertà", basate solo sulla logica e non su riscontri che sarebbero necessari.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Awards

  • 1 month later...

Grazie per aver segnalato queste pagine, molto interessanti. Credo che ci siamo.

Link to comment
Share on other sites

Awards

Adesso avremmo bisogno di qualcuno che conosce il cirillico e le lingue slave.

Scusa @Brios il sito menzionato da brugnea al post n. #9  è in russo ?

http://barbarous-imitations.narod.ru/index/127_144/0-148

Se si, oppure se conosci la lingua utilizzata, ed hai naturalmente voglia e tempo, potresti tradurci quello che c'è  scritto?

Grazie.

 

PS: l'invito naturalmente è esteso a tutti coloro che conoscono le lingue slave in grafia cirillica ed hanno voglia di aiutare. Grazie di nuovo.

Link to comment
Share on other sites


Per ogni moneta viene segnalato il luogo di rinvenimento, il metallo (серебро=argento) ed il peso in grammi. Il titolo recita più o meno "Catalogo delle imitazioni barbariche di moneta romana". Fino a qui con le mie scarse nozioni di russo arrivo agevolmente. Il sottotitolo specifica essenzialmente che si tratta di un archivio dei ritrovamenti di tale monetazioni in Ucraina e Repubblica Moldava. Ma per una traduzione letterale aspettiamo @Brios...

Link to comment
Share on other sites

Awards

12 ore fa, ARES III dice:

Adesso avremmo bisogno di qualcuno che conosce il cirillico e le lingue slave.

Scusa @Brios il sito menzionato da brugnea al post n. #9  è in russo ?

http://barbarous-imitations.narod.ru/index/127_144/0-148

Se si, oppure se conosci la lingua utilizzata, ed hai naturalmente voglia e tempo, potresti tradurci quello che c'è  scritto?

Grazie.

 

PS: l'invito naturalmente è esteso a tutti coloro che conoscono le lingue slave in grafia cirillica ed hanno voglia di aiutare. Grazie di nuovo.

№ 146 

https://www.google.ru/maps/place/Казатинский+район,+Винницкая+область,+Украина/@49.6674885,28.4144034,10z/data=!3m1!4b1!4m5!3m4!1s0x472d1edcd51681f3:0xf8f4483127a23560!8m2!3d49.7144023!4d28.6161344

!000монетка 000.1 ааа. 0 м1.а2 ааа1 04.jpg

Edited by Brios
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


26 minuti fa, g.aulisio dice:

Per ogni moneta viene segnalato il luogo di rinvenimento, il metallo (серебро=argento) ed il peso in grammi. Il titolo recita più o meno "Catalogo delle imitazioni barbariche di moneta romana". Fino a qui con le mie scarse nozioni di russo arrivo agevolmente. Il sottotitolo specifica essenzialmente che si tratta di un archivio dei ritrovamenti di tale monetazioni in Ucraina e Repubblica Moldava. Ma per una traduzione letterale aspettiamo @Brios...

Lei ha ragione.  Il luogo del rilevamento moneta .

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


quello che piu' si avvicina a questo denario,di quelli postati nel link in cirillico,e' il 140 e la sua descrizione  e' questa,posto dove e' stato trovato provincia di....(Hmelnizk-odierna ucraina),argento grammi3,3 diametro 19.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.