Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Maffeo

ducatoni Piacenza

Risposte migliori

Maffeo

Ho notato una curiosa carratteristica comune a sia i ducatoni sia ai doppi e tripli ducatoni emessi dalla zecca di Piacenza per Alessandro Farnese 1588-90 con emissioni postume 1593-99

Ho visto tre o quattro esemplari dal vivo e ho esaminato molte illustrazioni: molti di questi hanno la fronte del busto di Alessandro screpolata o perfino frantumata, nulla di sorprendente perché si tratta probabilmente (?) di coni diffettosi. Tuttavia, moltissimi esemplari sembrano avere un tipo di aggiunta sulla fronte come se la screpolatura fosse stata riempita... Mi domando se questo rappresenti un tentativo di riparazione contemporanea di questi pezzi o un tentativo odierno mirato al mercato numismatico?

Ho consultato la rilevante letteratura (CNI, G. Crocicchio, Le monete dei Farnese: La zecca di Piacenza 1545-1731, etc.) ma non ho trovato nulla in merito.

Forse qualche eruditissimo lamonetario??

In allegato: (1) immagine di un ducatone con screpolatura sulla fronte

post-1393-1161954671_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maffeo

2° allegato: immagine del D. di un ducatone con la fronte riparata (?)

post-1393-1161954803_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maffeo

3° allegato: immagine di un triplo ducatone con la fronte riparata (?)

post-1393-1161954887_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

Credo, che la ragione stia, come ha fatto notare Lei nella qualità del conio, e presumo anche nella amalgama della lega di argento.

I doppi ed i tripli ducatoni, soprattuto questi ultimi erano meno destinati alla circolazione ordinaria, eppure presentano non solo il problema della fronte ma anche il mancanze di metallo generalizzate nel tondello, dei veri e propri buchi o falle di metallo. Si direbbe quindi una produzione poco curata in contrasto con l'importanza della moneta. In quel periodo a coniare dei simili massimali in argento erano assai poche zecche. Milano ad esempio si avvicinò alla coniazione del doppio ducatone solo nel secolo successivo, Roma non l'ebbe mai a coniare.

Genova lo faceva abitualmente ma era moneta destinata alla circolazione ordinaria ed aveva regole di zecca completamente come diverse. Non v'è n'è traccia in altre zecche importanti quali Firenze. Rarissimi sono quelli piemontesi. A Venezia il multiplo in argento dello scudo della croce o del ducato è rarissimo e mi pare anche in questo caso più tardo. Napoli non ricordo ci siano state coniazioni di multiplo in argento.

Immagino, ripeto immagino che ci fossero delle oggettive difficoltà di coniazione, e probabilmente il risultato non era soddisfacente da motivarne la fatica.

Le riparazioni (se di ciò si tratta) non mi pare siano moderne, anche perchè generalmente l'artista non si sarebbe limitato alla fronte; non avrebbe resistito ad altri interventoi chirurgici .... già che ci sono.

Potrebbero, ed uso sempre il condizionale, essere coeve sul conio o sul prodotto finito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sadomenico

parlo da osservatore perche non conosco la moneta , ma vedo ( almeno mi sembra ) che ha dei rilievi molto pieni , quindi credo che , come dice picchio , il fattore lega sia il principale indiziato , perche nei punti di maggior rilievo nel mezzo dei campi , mi pare che la lega sia collassata a causa della pressione crepandosi , fatto che forse poi a portato al rinnego della coniazione delle principali zecche , questa ipotesi porta poi al fatto che incisori meno esperti abbiano fatto una serie di imprecisioni nella preparazione dei coni , si notano leggende non ben allineate cosi come la perlinatura dei bordi , inoltre mi par di vedere che su almeno una moneta il conio sia saltato leggermente creando un effetto come di ribattitura ( non so se poi e' normale per le monete dell'epoca ) .

ciao

Domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

Il mosso di conio è abbastanza comune per la monetazione coniata a martello, prima del torchio. Soprattutto per i grandi nominali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67
Il mosso di conio è abbastanza comune per la monetazione coniata a martello, prima del torchio. Soprattutto per i grandi nominali.

166111[/snapback]

Anche nei piccoli, buona parte della mia (modesta) collezione di monete mantovane (tutte monete basse) presenta le legende più o meno mosse o sdoppiate... secondo me gli operai della zecca erano soliti farsi un buon bicchiere prima di mettersi al lavoro... :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×