Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
crispo57

Catalogazione moneta

Risposte migliori

crispo57

Come avevo anticipato alcuni giorni fa, ho un'altra moneta la cui catalogazione mi fa dannare. Presumo che sia un denaro di Marco Aurelio in ottime condizioni con sul fronte la scritta: AVRELIVS CAESAR AVG P II FIL  e sul retro la scritta: COS I. Non riesco a trovare il retro. Ho trovato monete con HONOS sul retro ma con COS II ma nessuna con COS I. La moneta è in bronzo con argentatura mancante parzialmente sulle lettere e le parti più in rilievo. E' un denaro (18mm)?. Non penso inoltre che sia un COS II con un trattino consumato in quanto la moneta non ha tracce forti di usura e il COS II ha il fronte con la scritta che termina con F e non FIL. Chiedo aiuto per la sua catalogazione, grazie anticipatamente.

MARCO AURELIO.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cato_maior

si tratta di un denario di Marco Aurelio coniato fra il 145-146 come Cesare sotto Antonino Pio a Roma, con:

D/ AVRELIVS CAE—SAR AVG PII F; testa nuda a destra

R/ COS II; la Pax in piedi a sinistra, tiene ramo e cornucopia (la prima I si intravede a fianco della cornucopia)

RIC 429(a).

saluti, Cato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

crispo57

Non sono per nulla d'accordo. Il fronte  termina in FIL e non in F e i COS è I e non II. Mi dimenticavo inoltre la dea è HONOS e non  PAX.

Saluti e grazie

 

Modificato da crispo57
Dimenticanza

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cato_maior

si scusa , non è venuta la IL...

comunque è O honos O la pax...non è così certo che sia honos...si informi

varianti con il COS I non creda esistano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rorey36

Ho cercato sul Cohen e mi pare che di COS I non ci sia traccia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

Ma il problema vero è: di che metallo è questo denario? Ci sono solo leggere e superficiali tracce di Ag, su una moneta che sembra di rame. Ma non pare un suberato, o almeno non a prima vista: nei suberati lo strato di Ag è più significativo, anche quando si distacca in parte, mentre qui sembra trattarsi di una "spolveratina".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

crispo57

Anche questo aspetto per me è un dilemma. Sono 15 giorni che mi rompo la testa ma non sono riuscito a trovare da nessuna parte riferimenti a una moneta simile. E' presente all'interno di un lotto di denari acquistato dall'Austria da venditore altamente affidabile. Lo stato della moneta è ottimo e anch'io ho l'impresisone della spolverata di Ag e non di una foderatura. Grazie per l'aiuto. Crispo57

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maumo

Ho controllato anche sull'RSC e non risultano leggende al rovescio con COS I, tuttavia vista la posizione del I è possibile che ci fosse anche l'altro piu' in alto; in effetti non sembra un classico suberato, ma sembra quasi una spolverata di argento come gli antoniani di molti anni successivi. La butto li',  falso d'epoca?

saluti maumo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

crispo57

La moneta come dicevo è in buone condizioni e in mano è migliore della fotografia. Non mi pare che vi sia una I consumata.  Ma oltre a tale aspetto non ho avuto riscontri di COS II e tanto meno I su monete con il fronte: AVRELIVS CAESAR AVG PII FIL (sottolineo il FIL finale). I falsi solitamente copiano monete ben note, però tutto è possibile. Grazie ancora per le osservazioni che fate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gallienus

Non esiste COS I, la legenda per il primo consolato è semplicemente COS. Qui è palesemente un COS II con la prima I che è venuta meno. Si capisce anche dalla disposizione delle lettere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

crispo57

Sono andato a vedermi la moneta allo stereo microscopio ed effettivamente c'è una leggera traccia di un I a ore 2. Resta il problema del FIL ma a questo punto io catalogherei la moneta come una variante del RIC III Antoninus Pius 429A. Le pare una soluzione corretta? Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×