Jump to content
IGNORED

Cavallo Federico ribattuto su Carlo


Recommended Posts

Salve,oggi ho finalmente ricevuto questa moneta che dovrebbe,vista la mia scarsa esperienza,essere un Cavallo di Federico ribattuto su Carlo viii zecca dell'Aquila?

diametro 19/20mm

peso 2,45 

Grazie in anticipo

cavallo-1.jpg

$_3-1.jpg

Link to comment
Share on other sites

Salve @morellino... e si proprio cosi.... ribattuto su carlo viii zecca dell'aquila.... infatti sul retro è possibile notare nell'esergo "* AQ.." parte della scritta che precedentemente era impressa sul tondello "CIVITAS AQUILANA".... 

per giunta davvero un bel esemplare.... ottimo!

un saluto

Edited by giarea
Link to comment
Share on other sites


lascio qui una domanda anche io riguardo la moneta in oggetto... il peso è sopra la media per un cavallo di carlo viii ribattuto? 

Ps: voglio segnalare questa discussione al caro amico @santone che sicuramente avrà qualcosa da dirci in più.... :D

Link to comment
Share on other sites


Ciao giarea e grazie per il tuo intervento.Riguardo al peso mi stavo chiedendo la stessa cosa;potrebbe essere un Doppio Cavallo? Inoltre,quella S sotto il cavallo è la parte finale della vecchia legenda o potrebbe essere l'iniziale di un maestro di zecca (sembra tra due rosette).Infine sotto la stelletta situata sul cavallo,cosa potrebbe esserci (aquiletta? )..

Link to comment
Share on other sites

 Confermo cavallo di Federico III ribattuto sopra Carlo VIII dell'Aquila,

la S in esergo fa parte della precedente legenda, sulla stella sopra il cavallo io ci vedo una crocetta, 

l'aquiletta si trova nella direzione opposta della rosetta in esergo ,quindi sotto la S di EQUITAS,ovvero a ore 12 del R,

per il peso come ho detto più volte , personalmente non credo ai doppi cavalli,

ma sono cavalli di peso eccedente ,dovuto alla lavorazione dello spessore differente delle lastre di metallo

Edited by santone
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Secondo me la S sotto al cavallo, data l'inclinazione, e l'ultima lettare di CIVITAS del sottotipo di Carlo VIII. Bella moneta, complimenti!

Antonio

 

PS mi sono sovrapposto a Santone ma vedo che siamo d'accordo :)

Edited by anto R
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


@morellino mi associo anche io a quanto detto da @santone ed @anto R con l'aggiunta, mi vogliano correggere se sbaglio, che la moneta di Carlo VIII sulla quale è stato ribattuto il cavallo di Federico era un cavallo della zecca dell'aquila con croce tripartita, da quanto ho potuto intuire dalla foto del retro riportata in basso...

 

a.jpg

Edited by giarea
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Grazie a tutti voi per i preziosi insegnamenti. .Ora la domanda è questa;esiste una catalogazione di riferimento per questo cavallo? Al momento la mia "dotazione" cartacea si riduce al Gigante e poco altro..

Link to comment
Share on other sites

Salve @morellino, concordo in pieno con quanto finora è stato detto. Mi associo anche ai complimenti perché questa bella monetina merita: queste ribattiture mi hanno sempre colpito. Per la classificazione io opterei per i "classici" cataloghi per Napoli, ovvero il Pannuti-Riccio ed il CNI e, a volte, il Cagiati ed anche il D'Andrea-Andreani. Tenendo conto che si tratta di una moneta ribattuta e quindi non tutte le sue parti sono visibili, potrei indicarti, per iniziare, questa classificazione per il tuo pezzo: Pannuti-Riccio, p. 77, n° 16 (dipende all'esergo cosa c'è: n° 16 = nulla; n° 16a = lettera I; n° 16b = lettera L; n° 16c = lettera T). Ora, per dare anche gli altri riferimenti, tutto dipende da cosa c'è all'esergo del rovescio. Io vedo una stella all'esergo, quindi ci sarà stata sicuramente qualche lettera (forse L o I).

Edited by Caio Ottavio
Link to comment
Share on other sites


5 minuti fa, santone dice:

altra particolarità :

corona a 4 punte

Ciao @santone, si tratta forse di una particolarità simile a questa: https://www.deamoneta.com/auctions/view/67/382 ?

382D[1].jpg

Anche questo cavallo è ribattuto su Carlo VIII. All'esergo non riesco a capire se si tratta di una L o una I. Dovrebbe comunque essere di tipo simile a quella postata da @morellino.

Link to comment
Share on other sites


Salve @morellino, concordo in pieno con quanto finora è stato detto. Mi associo anche ai complimenti perché questa bella monetina merita: queste ribattiture mi hanno sempre colpito. Per la classificazione io opterei per i "classici" cataloghi per Napoli, ovvero il Pannuti-Riccio ed il CNI e, a volte, il Cagiati ed anche il D'Andrea-Andreani. Tenendo conto che si tratta di una moneta ribattuta e quindi non tutte le sue parti sono visibili, potrei indicarti, per iniziare, questa classificazione per il tuo pezzo: Pannuti-Riccio, p. 77, n° 16 (dipende all'esergo cosa c'è: n° 16 = nulla; n° 16a = lettera I; n° 16b = lettera L; n° 16c = lettera T). Ora, per dare anche gli altri riferimenti, tutto dipende da cosa c'è all'esergo del rovescio. Io vedo una stella all'esergo, quindi ci sarà stata sicuramente qualche lettera (forse L o T).


Grazie@caio ottavio , so che il Pannuti Riccio è pressoché introvabile,in ogni caso farò il possibile per reperire testi sulla monetazione Napoletana in genere..
Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, morellino dice:


Grazie@caio ottavio , so che il Pannuti Riccio è pressoché introvabile,in ogni caso farò il possibile per reperire testi sulla monetazione Napoletana in genere..

Di nulla @morellino: il Pannuti-Riccio è un libro di carattere generale per la monetazione napoletana, abbastanza raro e anche piuttosto costoso oggi da trovare, ma non proprio del tutto introvabile. In alternativa, puoi usare anche gli ultimi due volumi del CNI che non sono certo da scartare: elencano un buon numero di varianti per le monete di Napoli e sono consultabili gratuitamente dal sito del Portale Numismatico dello Stato: http://www.numismaticadellostato.it/web/pns/iuno-moneta/biblioteca/corpus (per Napoli sono i volumi XIX e XX, gli ultimi). Per quanto riguarda poi il tipo del tuo cavallo è, secondo me, lo stesso di quello illustrato nel mio post #13: bisognerebbe vedere, però, cosa si legge all'esergo, al R/, tra le due stelle. Anche nel tuo esemplare ho visto una stella all'esergo, ma non riesco ancora a capire di che lettera possa trattarsi. Forse una I?

Edited by Caio Ottavio
Link to comment
Share on other sites


Risulta molto difficile,per me , capire la presenza di una lettera in esergo.Ho provato con una semplice applicazione a fare un negativo della foto,nella speranza di mettere in risalto qualche particolare nascosto. .

20161021_194301.jpg

Link to comment
Share on other sites

Bellissima moneta. No se ve la sigla del maestro de ceca, pero probablemente por el tipo de busto con corona radiada de 4 puntos y cabello corto pueda ser una pieza similar a VALL-LLOSERA nº 346, la más común con la sigla L. 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Bellissima moneta. No se ve la sigla del maestro de ceca, pero probablemente por el tipo de busto con corona radiada de 4 puntos y cabello corto pueda ser una pieza similar a VALL-LLOSERA nº 346, la más común con la sigla L. 


muchas gracias...
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.