Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
matteo95

Il valore della pubblicazione

Risposte migliori

matteo95
Supporter

Nel mondo dell'arte la pubblicazione sulla monografia dell'artista o su un catalogo di una mostra, di un'opera d'arte non è solo motivo d'orgoglio per il proprietario ma, anche un fattore che aumenta sensibilmente il valore della stessa.

Essendo le monete oggetti prodotti in serie la probabiltà per i collezionisti che i propri esemplari siano pubblicati è sicuramente inferiore a quella delle opere d'arte; ciò nonostante saltuariamente capita di vederne passare in asta, specialmente in occasione delle vendite di grandi collezioni.

Mi piacerebbe pertanto sapere se per voi l'eventuale pubblicazione conferisce un surplus alla moneta o meno, facendovi andare oltre al prezzo che paghereste per un analogo esemplare in conservazione simile :) 

Matteo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cinna74

Per quanto mi riguarda, sapere che il pezzo proposto è immortalato in una pubblicazione, mi indurrebbe a spendere qualcosa di più rispetto ad un esemplare del tutto paragonabile. Quanto di più è direttamente proporzionale all'importanza del libro. Ritengo che sia un qualcosa che conferisce pregio alla moneta e rende fiero il possessore. 

Resta la mia opinione.

Buona serata 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rintintin
Supporter

Penso anche io sia un valore aggiunto, é un'ottima documentazione ed una sorta di perizia fotografica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rorey36
Supporter
46 minuti fa, rintintin dice:

Penso anche io sia un valore aggiunto, é un'ottima documentazione ed una sorta di perizia fotografica.

Sempre che non si tratti di un "falso da studio" di Inasta poi proposto come inedito e rarissimo su un libro. E' già successo !

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

matteo95
Supporter

vero, trovo infatti assolutamente condivisibile l'affermazione di Cinna.

L'importanza del volume su cui la moneta è pubblicata, così come anche per gli altri ambiti, è fondamentale. Purtroppo a volte anche testi ritenuti  validi contengono immagini di falsi ( vedi Mec 12 ) ma, in genarale questo è piuttosto raro ed aggiungerei pure che è un fenomeno recente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Per la numismatica classica il pedigree è fondamentale, si compra quello oramai. Nel caso di aurei o di monete di alto valore una pubblicazione che ne attesti liceità, autenticità direi che vale più della moneta.

In aggiunta posso dire in linea generale che qualsiasi cosa aggiunga informazioni certe dell'oggetto collezionato ne aumenta il valore. Le contromarche di famose collezioni, gli ex libris (per i libri), l'essere appartenuto a famose collezioni,  insomma, il poter creare per quell'oggetto una sua storia personale lo rende più pregevole ed ambìto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter
Il 23 gennaio 2017 at 23:03, matteo95 dice:

vero, trovo infatti assolutamente condivisibile l'affermazione di Cinna.

L'importanza del volume su cui la moneta è pubblicata, così come anche per gli altri ambiti, è fondamentale. Purtroppo a volte anche testi ritenuti  validi contengono immagini di falsi ( vedi Mec 12 ) ma, in genarale questo è piuttosto raro ed aggiungerei pure che è un fenomeno recente.

E' un fenomeno recente perche con il progredire delle tecniche e soprattutto la crescita del ricco mercato numismatico i falsi sono aumentati - negli ultimi 15 anni - a dismisura.

basti guardare cosa successo per i bronzi siciliani. Nelle aste tedesche soprattutto si e' assistito ad un'invasione ...

questo fenomeno tocca purtroppo anche le pubblicazioni ed e  ' il piu' pernicioso perche tocca gli studi che dovrebbero essere il riferimento per tutti. 

La nuova disciplina di tutela per i beni culturali introdotta daMibac inasprisce   le pene - gia' severe - per la detenzione illecita di beni archeologici ma e ' sempre sorprendentemente blanda per chi produce o commercia dei falsi sul mercato 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

skubydu
1 ora fa, numa numa dice:

E' un fenomeno recente perche con il progredire delle tecniche e soprattutto la crescita del ricco mercato numismatico i falsi sono aumentati - negli ultimi 15 anni - a dismisura.

basti guardare cosa successo per i bronzi siciliani. Nelle aste tedesche soprattutto si e' assistito ad un'invasione ...

questo fenomeno tocca purtroppo anche le pubblicazioni ed e  ' il piu' pernicioso perche tocca gli studi che dovrebbero essere il riferimento per tutti. 

La nuova disciplina di tutela per i beni culturali introdotta daMibac inasprisce   le pene - gia' severe - per la detenzione illecita di beni archeologici ma e ' sempre sorprendentemente blanda per chi produce o commercia dei falsi sul mercato 

penso sempre di più al pezzo di Paolo Rossi, "Sogno All'incontrario" ..

 

skuby

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

il valore della pubblicazione a mio  avviso resta alto anche se il tempo porta a scoprire che una moneta è falsa.

non parlo di valore strettamente economico, ma del valore i un percorso storico numismatico che può rimanere legato anche a una moneta che dopo 30 o 40 anni si è dimostrata falsa....che fu vista e pubblicata a fine ottocento, poi ripresa etc etc....

tutt'altro discorso invece per la valanga di falsi che invade il mercato oggi, e che per molti sono già "falsi noti" e che altri pubblicano nella speranza di costruire un "passato" a questi falsi moderni...facendoli passare per varianti inedite o stili da zecche ignote in passato..... questo, nemmeno lo commento....e sta accadendo per un numero impressionante di nummi del V secolo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa
Supporter

Già' mi domando perché proprio il V secolo sia stato così preso di mira. I pezzi non sono più così valorizzati dal mercato ma le monete di questa fase sono in effetti più' facili da falsificare ( perché di stile più' barbaro) esistono meno repertori che per altri settori e vi sono ancora molti inediti che lasciano maggior margine di manovra ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poemenius

mi permetto di aggiungere che c'è un'enorme ignoranza degli stili e del "noto" soprattutto tra gli esperti di molte case d'asta oneste che però di questo periodo sanno poco o nulla e così fanno il gioco di chi inquina il mercato

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

adelchi
1 ora fa, Poemenius dice:

il valore della pubblicazione a mio  avviso resta alto anche se il tempo porta a scoprire che una moneta è falsa.

non parlo di valore strettamente economico, ma del valore i un percorso storico numismatico che può rimanere legato anche a una moneta che dopo 30 o 40 anni si è dimostrata falsa....che fu vista e pubblicata a fine ottocento, poi ripresa etc etc....

tutt'altro discorso invece per la valanga di falsi che invade il mercato oggi, e che per molti sono già "falsi noti" e che altri pubblicano nella speranza di costruire un "passato" a questi falsi moderni...facendoli passare per varianti inedite o stili da zecche ignote in passato..... questo, nemmeno lo commento....e sta accadendo per un numero impressionante di nummi del V secolo

A quanto pare non solo per le monete ma anche per i manufatti,vedi "tesoro di Agilulfo" nella sezione barbariche.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rorey36
Supporter

al post 4 ho scritto:

" Sempre che non si tratti di un "falso da studio" di Inasta poi proposto come inedito e rarissimo su un libro. E' già successo ! "

Se chi ha comprato il "falso eccetera" aggiunge alla moneta il libro che la cataloga  potrà rivenderla come rarissima. Basta che chi la compra non sia uno di quelli che prima di comprare una rarità va a farsi un giro nei siti di falsi. Ma in fondo ciò non avrebbe senso. La moneta è sul libro, dunque è sicuramente buona....

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×