Jump to content
IGNORED

Incusi di Taranto


VALTERI
 Share

Recommended Posts

In asta Bertolami  29 al lotto 24 il prossimo 22-03-2017 , un raro esemplare  di statere incuso di Taranto appartenente all'ultima tipologia della breve serie incusa tarantina .

Per raffronto con la fotografia Bertolami , unisco le fotografie di 2 altri esemplari da NAC 13 ( 1998 ) e Kunstfreundes-exGillet ( 1974 ) .

L'occasione può valere per ricordare come  la breve stagione della monetazione incusa di Taranto ha prodotto 3 tipologie incrociate tra di loro , la cui peculiarità è anche illustrata da G. Gorini  ( monetazione incusa della Magna Grecia . 1975 )

011 Bertolami 29 lotto  24.jpg

012 NAC 13 lotto 72 ( 1998 ).jpg

013 Kunstfreundes  (ex Gillet) lotto 50 ( 1974 ).jpg

014 G. Gorini.jpg

015 Gorini.jpg

Link to comment
Share on other sites


Sicuramente gli incusi di Taras con Giacinzio, sono delle più belle rappresentazioni della Magna Grecia.

Altri due stateri arricchiscono la collezione GulbenKien.

Gulbenkien.thumb.jpg.2859a1280838cf00d69a5b4fc1c74d22.jpg

 

Link to comment
Share on other sites


A me la moneta in asta da Bertolami piace poco, come tante altre presenti nella stessa asta.

patina inesistente, provenienza assente, eppure si tratta di una moneta piuttosto rara.....

mah

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


@FrancoMari anche qui il caso di una moneta un tempo rarissima e che ormai compare quasi in tutte le aste.

Link to comment
Share on other sites


@deadhead post 4 dice "...anche qui il caso di una moneta un tempo rarissima  e che ormai compare quasi in tutte le aste "    

D'altra parte il mercato è piuttosto ricettivo se quanto proposto da Hirsch  319 lotto 16 lo scorso 02-03-2016 a 5000 euro , è stato da qualcuno acquistato a 8000 

020  Hisch 319 lotto 16.jpg

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Veramente pacchiano come falso ....

probabilmente anche la composizione dell'argento è completamente diversa. È troppo grigio scura forse per la presenza di piombo per rendere più facile la coniatura.

Link to comment
Share on other sites


Probabilmente quel braccio tesò era un messaggio subliminale per chi la guardava... " fermi..... " 

E invece non è andata così....

Cmq, l attenzione deve essere sempre alta soprattutto nelle vendite tedesche... A parer mio

Skuby 

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Veramente pacchiano come falso ....

probabilmente anche la composizione dell'argento è completamente diversa. È troppo grigio scura forse per la presenza di piombo per rendere più facile la coniatura.


È FALSO !
Link to comment
Share on other sites


Veramente pacchiano come falso ....

probabilmente anche la composizione dell'argento è completamente diversa. È troppo grigio scura forse per la presenza di piombo per rendere più facile la coniatura.


Questo statere della Hirsch ... È FALSO !
Link to comment
Share on other sites


2 ore fa, skubydu dice:

Probabilmente quel braccio tesò era un messaggio subliminale per chi la guardava... " fermi..... " 

E invece non è andata così....

Cmq, l attenzione deve essere sempre alta soprattutto nelle vendite tedesche... A parer mio

Skuby 

 

Concordo

 

sono ormai 5 anni che lo vado ripetendo avendo intravisto il fenomeno gia' parecchio tempo prima che divenisse patente ....

Link to comment
Share on other sites


Concordo

 

sono ormai 5 anni che lo vado ripetendo avendo intravisto il fenomeno gia' parecchio tempo prima che divenisse patente ....


Purtroppo, con regolarità, si parla di pezzi proposti da questa o quella casa d'asta in relazione alla loro autenticità. Sarebbe bello poter commentare i pezzi in relazione alla loro bellezza, centratura, qualità, rarità, patina, storia, ecc. Tutti parametri che passano in secondo piano data la quantità di falsi che il mercato sta offrendo.

Mi domando se sia ancora possibile collezionare monete classiche evitando di mettere in collezione della robaccia. L'unico argine sembra essere rimasto l'autorevole parere dei più esperti e la serietà e conoscenza di pochissimi commercianti. Molte case d'asta invece stanno dimostrando di non essere all'altezza nel contrastare il fenomeno.
Come ne usciremo?

Un caro saluto..
Link to comment
Share on other sites


@Cippal  post 13

un pensiero ,  probabilmente privo di fondamento

Forse i tempi dei bravi artigiani che producevano copie  ( a volte anche inventando ) per nobili , grandi collezionisti affamati di rarità ed unici , si sono evoluti in una "industria" delle copie che produce molto per molti collezionisti molto meno preparati e sempre più inclini all'acquisto tramite fotografia .

Vendite sempre più ravvicinate e numerose , richiedono sempre più conferenti , meglio probabilmente  se conferenti di molte monete ; se tra le monete sono mescolate delle copie , in fondo , che  i conferenti continuino a conferire ..

Link to comment
Share on other sites


La cosa che lascia perplessi e' il livello basso dei falsi , poi che i "conferenti" tra le monete buone mettano monete false e' sempre accaduto....

Sara' interessante vedere dove verra' riproposta la moneta tarantina.....

 

 

Link to comment
Share on other sites


34 minuti fa, luigi78 dice:

La cosa che lascia perplessi e' il livello basso dei falsi , poi che i "conferenti" tra le monete buone mettano monete false e' sempre accaduto....

Sara' interessante vedere dove verra' riproposta la moneta tarantina.....

 

 

temo che ci siano anche i falsi di livello alto. 

Link to comment
Share on other sites


3 ore fa, cippal dice:


Purtroppo, con regolarità, si parla di pezzi proposti da questa o quella casa d'asta in relazione alla loro autenticità. Sarebbe bello poter commentare i pezzi in relazione alla loro bellezza, centratura, qualità, rarità, patina, storia, ecc. Tutti parametri che passano in secondo piano data la quantità di falsi che il mercato sta offrendo.

Mi domando se sia ancora possibile collezionare monete classiche evitando di mettere in collezione della robaccia. L'unico argine sembra essere rimasto l'autorevole parere dei più esperti e la serietà e conoscenza di pochissimi commercianti. Molte case d'asta invece stanno dimostrando di non essere all'altezza nel contrastare il fenomeno.
Come ne usciremo?

Un caro saluto..

io arrivo quasi a pensare che a volte non interessi più di tanto ciò che viene offerto.....basta vendere..

Diamine, noi semplici amanti della numismatica antica passiamo ore ed ore in rete o sui libri (spendendo dei capitali in bibliografia), e certi  "professionisti"?

Dai, è ora che cambino modus .....prima effettivamente che i collezionisti cambino loro i gusti...

 

skuby

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


4 ore fa, luigi78 dice:

La cosa che lascia perplessi e' il livello basso dei falsi , poi che i "conferenti" tra le monete buone mettano monete false e' sempre accaduto....

Sara' interessante vedere dove verra' riproposta la moneta tarantina.....

 

 

Ci sono anche falsi molto sofisticati purtroppo..

ma quello che sgomenta non e' tanto il livello ma la quantità' - industriale - di falsi che passa sulmercato  con un livello di guardia - da parte di molti ( non tutti) commercianti bassissimo .,,

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


....intendevo il livello basso che passa tranquillamente molti controlli, riconoscibile da semplice confronto con esemplari veri.

Il livello "buono"  e' un problema riservato a studiosi e volponi, altra storia....

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.