Jump to content
IGNORED

Baiocco S.V. 1740 - Munt. 22


DARECTASAPERE
 Share

Recommended Posts

Buonasera,

nella recente J. Elsen nr. 132 al lotto 646 e' stato esitato questo esemplare del Baiocco di Roma emesso durante la Sede Vacante del 1740:                            

58c822a300404_Elsen132D.jpg.e70ca5f1251e00470bca1e5884145774.jpg58c822f15fc14_Elsen132R.png.6cf29edb5132ad8206a89b66294fda5e.png

La moneta in questione e' indubbiamente un inedito e spiego brevemente perche':

 - non e' censita dal CNI in quanto nessuna descrizione del Corpus cita le caratteristiche di questo conio di Dritto, severi nell' indicare tutte le possibili ribattiture e  punteggiature, figuriamoci se avrebbero fatto passare quel punto dopo la data MDCCXXXX mancante in tutti gli altri coni. 

-  L'immagine del Munt. 22 e' un esemplare di Dritto come questo, (ma non abbinata a questo Rovescio..) e comunque non riporta nella descrizione i caratteri e la disposizione della data come da foto, ho tratto come conclusione che ci sia stata una distrazione nel descrivere le immagini delle tavole in quanto questo Dritto avrebbe avuto ragione di essere classificato e descritto separatamente per le troppe oggettive diversita' che presenta.

 Allego l'immagine del conio di Dritto piu' simile per "Stemma Grande e "legenda piu alta" (Munt. 20 I) dove notiamo, oltre a quanto detto, una diversa sagoma dello stemma, una diversa disposizione dei cordoni, una diversa croce sopra lo stemma.  

D2.JPG.629ea07b776421fa28ca9ef7dab9e7ac.JPG                                                                                                                                                 

ha dimenticavo.......manca anche nel Catalogo online della Moneta.It ?

Ma non finisce qui....la particolarita' che ha subito attirato la mia attenzione da amante delle varianti delle monete con l'ombrellino, e' stata questa stella a 8 punte nello stemma Albani che non trova eguali in nessun altro Baiocco del 1740.

Incuriosito da questa anomala "raggiatura" (tutte le altre anno sei punte..) mi sono messo a controllare anche tutte le altre tipologie monetarie di questo Cardinale che, essendo stato il Camerlengo piu' "attivo" nella storia della monetazione di Sede Vacante (1721, 1724, 1730, 1740) potrebbe fare collezione a se.....solamente lo Zecchino e il Giulio del 1730 hanno lo stemma con una stella a 8 punte, tutte le altre monete ne hanno 6.

Non mi voglio divulgare oltre ma lasciatemi dire che a volte c'e' piu' soddisfazione a mettere in collezione una moneta di contenuto valore ma MAI VISTA E CENSITA piuttosto che una importante ma che troviamo nelle aste quasi ogni anno.......questa e' una di quelle volte ☺️

Gradite come sempre segalazioni di altri esemplari noti

Buona serata

Daniele      

  • Like 5
Link to comment
Share on other sites


Daniele ormai la tua collezione ha una densità di monete estremamente rare...imbarazzante! :D

Hai già detto tutto tu, da parte mia nulla da segnalarti.

Buona serata,

Antonio 

Link to comment
Share on other sites


Accidenti! Bel "colpo"! Ho sempre pensato che la sede vacante del 1740 sia stata la più affascinante dall'ambito numismatico. Già il fatto di coniare baiocchi per una sede vacante é abbastanza inusuale, poi la piastra più rara dello stato pontificio ed ora stelle con un numero di punte diverso di moneta in moneta...

Di solito le monete della sede vacante sono tra le più ricercate e collezionate quindi sono rimasto veramente stupito dopo la tua scoperta di un pezzo ancora non conosciuto appartenente a tale tipologia!

complimenti.

PS: ero appena riuscito a trovare il quarto e credevo ultimo baiocco per la mia collezione ?

IMG_0373.thumb.PNG.b61b29d5262be3b633edd4ae1308b448.PNGIMG_0374.thumb.PNG.fa4bdac3d70ea83e258820b05230bd23.PNG

Edited by Martin_Zilli
Link to comment
Share on other sites


Adesso viene naturale chiedersi se il diritto sia stato usato solo in abbinamento con questo rovescio...chissà... (stesso ragionamento che avevamo fatto con i grossi sempre del '40).

Link to comment
Share on other sites


24 minuti fa, anto R dice:

Adesso viene naturale chiedersi se il diritto sia stato usato solo in abbinamento con questo rovescio...chissà... (stesso ragionamento che avevamo fatto con i grossi sempre del '40).

Diciamo che se il Muntoni non si e' sbagliato (come presumo...) il nr 22 e' un abbinamento tra questo Dritto e il Rovescio con la ghirlanda, ma anche di questo io non ho notizia di esemplari noti.....

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Daniele muntoni non si è sbagliato,perché  se tu osservi bene le due facce che illustra con il numero 22 lamoneta è  quella,saluti Aldo.

Link to comment
Share on other sites


48 minuti fa, aldo marchesi dice:

Daniele muntoni non si è sbagliato,perché  se tu osservi bene le due facce che illustra con il numero 22 lamoneta è  quella,saluti Aldo.

Ciao Aldo, m fa' sempre piacere vedere i tuoi interventi sulle monete di Sede Vacante..

Cerco di spiegarmi meglio postando un paio di immagini del Muntoni (perdonatemi se sono un po' pasticciate dai miei appunti, sono fotocopie che uso per comodita'..)

Questa e' la pagina dedicata alle monete della S.V. 1740, come si vede il Dritto al nr. 22 e' lo stesso dell'esemplare in questione, il Rovescio del 22 e' invece il tipo con la ghirlanda

20170316_202312.thumb.jpg.4a1e3be584ff645267abe6c46f9f10af.jpg

 

La pagina che descrive il nr.22 conferma quanto sopra detto, pero' non menziona il punto dopo l'ultima X della data, aggiungo "stranamente" in quanto sono indicate tutte le punteggiature nelle descizioni di tutti gli altri tipi di Baiocco..... 

20170316_202215.thumb.jpg.4ca4490d7fe197b633ad8c98a7c939a0.jpg

 

Ribadisco la mia perplessita' nel non avere descritto piu' dettagliatamente un Dritto cosi' diverso per tutti i particolari gi' detti al mio post di apertura, in primis questa meravigliosa stella a 8 punte !!!

Nell' auspicio di essere stato piu' chiaro

Buona serata

Daniele

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Per ulteriore contributo,ho guardato il Cinagli, lui non parla mai della stella però, al n 19 mte due punti dopo vacanze e dopo la data e il retro in ghirlanda con stella,e al n 20 mette un punto dopo la data e il retro in cartella.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Comunque ti confermo che io intendo dire , che sono due monete diverse,forsennato Cinagli la conosceva,saluti Aldo.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

 Scusa Daniele ma mi sono accorto che il tablet questa sera mi storia tutte le parole,spero si capisca ugualmente.

Link to comment
Share on other sites


11 minuti fa, aldo marchesi dice:

 Scusa Daniele ma mi sono accorto che il tablet questa sera mi storia tutte le parole,spero si capisca ugualmente.

Ho compreso cosa volevi dire Aldo, se il Cinagli 20 indica il Dritto con il punto dopo la data e il Rovescio in cartella, è quello.

Non ho il Cinagli, ma posso recuperare le immagini Domenica mattina al ns. Circolo. 

Link to comment
Share on other sites


Il problema con il Muntoni è che spesso le descrizioni non  sono precisissime  (ma l'opera è monumentale, ci sta tutto) e quindi per lo specialista diviene difficile in alcuni casi capire quale sia veramente la moneta-tipo. 

Daniele il Cinagli se non sbaglio si trova online... prova a controllare.

 

Link to comment
Share on other sites


23 minuti fa, aldo marchesi dice:

Comunque ti confermo che io intendo dire , che sono due monete diverse,forsennato Cinagli la conosceva,saluti Aldo.

Una domanda Aldo,  hai mai visto altri esemplari con questo tipo di Dritto ?

Link to comment
Share on other sites


5 minuti fa, anto R dice:

Il problema con il Muntoni è che spesso le descrizioni non  sono precisissime  (ma l'opera è monumentale, ci sta tutto) e quindi per lo specialista diviene difficile in alcuni casi capire quale sia veramente la moneta-tipo. 

Daniele il Cinagli se non sbaglio si trova online... prova a controllare.

 

Grazie Antonio, se c'è lo scarico 

Link to comment
Share on other sites


Supporter

No Daniele solo la foto del muntoni, però  non posso  escludere che mi potrebbe essere passata sotto gli occhi e non mi sono  accorto,complimenti a te.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Qualcuno ha provato a guardare il Serafini?

A me sembra che, a parte il punto in legenda dopo la data, sia classificato al Serafini 35. Non vorrei sbagliare.

SCAN0081.jpg

SCAN0082.jpg

Link to comment
Share on other sites


COmplimenti per la vista acutissima Daniele !

Interessante soprattutto, come hai notato, la presenza della stella ad 8 punte, che è utilizzata quasi sempre sulle monete di papa Clemente XI ma quasi mai per le emissioni del nipote Annibale Albani...

Personalmente non ho mai visto questo diritto, accoppiato al tuo o ad altro rovescio, per cui oltre all'inedito ipotizzo che si tratti anche di una tipologia assai rara, magari si può trattare di una moneta nata da un "ultimo" conio, dei tanti prodotti quello che ha chiuso la produzione... purtroppo anche dai dati delle zecche queste notizie non sono verificabili.

Ciao, RCAMIL. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


6 ore fa, rcamil dice:

COmplimenti per la vista acutissima Daniele !

Interessante soprattutto, come hai notato, la presenza della stella ad 8 punte, che è utilizzata quasi sempre sulle monete di papa Clemente XI ma quasi mai per le emissioni del nipote Annibale Albani...

Personalmente non ho mai visto questo diritto, accoppiato al tuo o ad altro rovescio, per cui oltre all'inedito ipotizzo che si tratti anche di una tipologia assai rara, magari si può trattare di una moneta nata da un "ultimo" conio, dei tanti prodotti quello che ha chiuso la produzione... purtroppo anche dai dati delle zecche queste notizie non sono verificabili.

Ciao, RCAMIL. 

Grazie della tua "non notizia" RCAMIL.

Link to comment
Share on other sites


20 ore fa, miroita dice:

Qualcuno ha provato a guardare il Serafini?

A me sembra che, a parte il punto in legenda dopo la data, sia classificato al Serafini 35. Non vorrei sbagliare.

SCAN0081.jpg

SCAN0082.jpg

Grazie Miroita del tuo post, ecco dove ha il Muntoni ha preso l'immagine del Munt. 22, dall'immagine del Serafini 1, e' la stessa !

Chissa' se avevano gia' inventato l'eccezionale funzione del "copia e incolla".....

Non conoscevo le tavole del Serafini, mentre avevo gi' scaricato il Cinagli, tuttavia ho sempre dato per scontato che, essendo l'opera del Muntoni postuma alle altre, avesse tenuto conto di tutto quanto prodotto in precedenza, CNI incluso...... e principalmente correggere gli errori del passato !

 

Link to comment
Share on other sites


Secondo me il Serafini rimane, per certi aspetti, di gran lunga migliore del Muntoni.

Le immagini sono quelle delle monete della Biblioteca Apostolica Vaticana.

Per quanto riguarda la tua moneta, si tratta a mio avviso della n. 35 che riporta il D/ della foto n. 1 e al R/ la foto 3.

@DARECTASAPERE

Link to comment
Share on other sites


2 minuti fa, miroita dice:

Secondo me il Serafini rimane, per certi aspetti, di gran lunga migliore del Muntoni.

Condivido, non è raro avere una minuziosità di descrizioni e varianti che il Muntoni ignora, spesso immotivatamente, o magari per non avere avuto la possibilità di prendere visione diretta degli esemplari del Medagliere Vaticano citati dal Serafini...

Ciao, RCAMIL.

Link to comment
Share on other sites


1 ora fa, miroita dice:

Secondo me il Serafini rimane, per certi aspetti, di gran lunga migliore del Muntoni.

Le immagini sono quelle delle monete della Biblioteca Apostolica Vaticana.

Per quanto riguarda la tua moneta, si tratta a mio avviso della n. 35 che riporta il D/ della foto n. 1 e al R/ la foto 3.

@DARECTASAPERE

D'accordo sul nr 35, pero' da quanto emerso mi viene pensato questo:

il serafini (che anche RCAMIL lo reputa piu' minuzioso del Muntoni) prende l'immagine dalla Biblioteca Apostolica Vaticana, tra l'altro pessima conservazione, si presume che non ne abbia visti altri o comunque migliori .

Il Muntoni riprende le immagini del Serafini, vale lo stesso discorso.......pigrizia della ricerca o grande rarita'  ?

Daniele

Link to comment
Share on other sites


3 minuti fa, DARECTASAPERE dice:

D'accordo sul nr 35, pero' da quanto emerso mi viene pensato questo:

il serafini (che anche RCAMIL lo reputa piu' minuzioso del Muntoni) prende l'immagine dalla Biblioteca Apostolica Vaticana, tra l'altro pessima conservazione, si presume che non ne abbia visti altri o comunque migliori .

Il Muntoni riprende le immagini del Serafini, vale lo stesso discorso.......pigrizia della ricerca o grande rarita'  ?

Daniele

Credo che si tratti di grande rarità.

Link to comment
Share on other sites


  • 2 years later...
16 ore fa, Martin_Zilli dice:

Segnalo altri due esemplari di questa moneta (in conservazione nettamente inferiore a quella di @DARECTASAPERE), entrambi provenienti da ebay.

4CE710E4-503E-4DCA-B426-5911E22D2F19.jpeg.af78c5824ad28df036583777da71664e.jpeg

Non ho mai avuto dubbi sul fatto che se esiste un conio chiamiamolo "inedito" al momento della scoperta di una determinata tipologia, lo hanno fatto per coniare più di 1 esemplare.....

Poi c'è l'aspetto del "riconoscimento" , chissà quanti ne sono passati come quello prima che venisse colta la variante ?

Complimenti a MartinZilli e al suo fiuto per le varianti "particolari " della moderazione di Sede Vacante  !!!

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.